Home > Automotive > Peugeot Rifter 4×4 Concept, per chi va in cerca di avventure…

Peugeot Rifter 4×4 Concept, per chi va in cerca di avventure…

Panoramico, rialzato ed in più 4×4: può andare a caccia di stelle! 

Motori360_PEUGEOT_RIFTER4X4_1802PB_400

Questo concept del Leone si distingue tanto per stile e versatilità e sia per le caratteristiche di telaio e meccanica che garantiscono plus prestazionali non indifferenti.

Il Responsabile del design Peugeot Rifter, Keith Ryder, ha affermato cheCon la show-car Rifter 4×4 Concept siamo riusciti a creare un veicolo ancora più polivalente ed efficace con uno stile molto moderno e distintivo incentrato sul contrasto dei colori e dei materiali”.

Lo stile esterno

Peugeot Rifter 4×4 Concept viene proposto con una livrea grigio luminoso che, specifica e inedita, esalta la sua muscolosità e la sua propensione per l’avventura.

Un elemento di protezione posto tra calandra e cofano protegge efficacemente il frontale dagli spruzzi; dipinto in nero opaco, riprende il colore del portellone posteriore mentre il differente nero Onyx caratterizza numerosi elementi ripresi dal veicolo di serie, come i retrovisori e la calandra; le barre sul tetto ed i cerchi da 16 pollici – diamantati e verniciati sempre in nero Onyx – ribadiscono il suo carattere. poi, completano il suo stile.

Gli esterni di questa show-car vengono cromaticamente alleggeriti grazie all’aggiunta di numerosi tocchi di colore giallo anodizzato e satinato, molto grafici, che sottolineano il design di Peugeot Rifter 4×4 Concept:

  • Nel frontale, dove il giallo è presente sotto i fendinebbia, sullo sfondo delle lettere che compongono il nome «PEUGEOT» sulla calandra e, ancora, nella zona opaca del cofano.
  • Lateralmente, dove le fasce verticali dinamiche sul retro della porta scorrevole ospitano la scritta RIFTER.
  • Nel posteriore, dove la medesima scritta attraversa il lunotto in senso verticale.

Dai parafanghi posteriori salgono fino al padiglione, alcuni adesivi striati, con una finitura cromata fumé, dando maggiore dinamismo alla silhouette.

Ridisegnato per l’occasione, il logo Dangel pur conservando lo spirito dell’iper-specializzato marchio francese del 4×4, mostra una livrea specifica declinata con toni gialli e sarà adottato, tranne che per il colore giallo, da tutte le future creazioni della specie.

Gli interni

L’abbinamento di colori e materiali prosegue all’interno del veicolo, dove troviamo sedili specifici griffati Rifter che abbinano un tessuto grigio chiné in rilievo ad inserti in Alcantara nera ed impunture a vista color giallo vivo, che ritroviamo anche sulla leva del cambio e sul volante del Peugeot i-Cockpit®.

Stesso giallo anche per la scritta Peugeot incisa nello stesso colore mentre la plancia sfoggia decorazioni grigio satinato e riprende le stesse fasce color cromo fumé dell’esterno.

Inserti in alluminio massiccio lavorato sono stati inseriti nella consolle centrale e nei pannelli interni delle porte, a sottolineare, una volta di più, lo stile e la vocazione del mezzo.

La tecnica

Sottolinea Peugeot “passare ovunque per andare altrove” a significare che il Rifter 4×4 Concept si vuole aprire la strada verso nuovi orizzonti e che, superata la dimensione del mero esercizio stilistico, è in grado di disimpegnarsi con disinvoltura sulla ghiaia, nel fango, sulla neve e lungo le strade sassose.

Tutto questo grazie a:

  • una motorizzazione Diesel BlueHDi con 130 cv ed una coppia di 300 Nm, abbinata ad un cambio manuale a 6 rapporti;
  • un’altezza da terra superiore di ben 8 centimetri rispetto al normale;
  • robusti pneumatici BF Goodrich All-Terrain da 16” ad alte prestazioni ed eccellente motricità;
  • una trazione integrale a giunto viscoso sviluppata da Dangel (partner storico della casa del Leone e azienda specializzata nella trasformazione dei veicoli a 4 ruote motrici).

La trazione integrale si inserisce azionando un selettore facilmente raggiungibile, posto sulla plancia, a destra della leva del cambio; 3 le modalità di guida:

  • 2RM, che azione la sola trazione anteriore, per la guida ordinaria.
  • 4RM, in grado di trasferire coppia alle ruote posteriori in caso di perdita di motricità.
  • Lock, con trazione integrale inserita e blocco del differenziale posteriore, utile per il superamento estremo di ostacoli.

L’avventura per l’avventura

Arrivata la sera e lasciata la città sempre più lontana nel retrovisore, Peugeot Rifter 4×4 Concept può bucare l’oscurità grazie ad una striscia di Led montata in posizione dominante, al di sopra del parabrezza. Curva e larga 1,35 m, crea una linea illuminante formata da 100 LED ripartiti su 2 file, per una potenza totale di ben 300 W.

E, giunto il momento di spegnere il motore ed offrirsi ad una notte «off-road» nella natura, eccoci pronti ad estrarre la nostra tenda «Overland» dal suo alloggiamento sulle barre al tetto per montarla sul padiglione dopo aver fissato la scaletta scorrevole.

Si tratta di una tenda che, realizzata appositamente per questo mezzo, riprende il tema grafico della show-car; messa a punto insieme all’esperto Autohome sorprenderà per la sua facilità di montaggio; da notare poi che le barre porta tutto (disponibili come accessorio) che fungono da supporto, sono certificate come conformi alla norma «City Crash Test» e permettono di sostenere tutti i tipi di carico.

L’interno della tenda sarà pronto ad accoglierci su un confortevole materasso – compatto e facilmente ripiegabile nel volume della tenda – rivestito con lo stesso tessuto grigio chiné con le impunture a vista gialle dei sedili. Il tocco finale è assicurato dai cuscini rivestiti di Alcantara, anch’essi con le impunture gialle a vista.

Finito? Non ancora perché all’alba (o un po’ più tardi se siamo ancora stanchi o pigri) potremo smontare dal supporto portabici sistemato nel posteriore del veicolo, la mountain bike Peugeot eM02 FS Powertube pronta a farci prolungare l’avventura in una dimensione diversa ed in plein air.

Questa mountain bike ad assistenza elettrica anticipa la prossima generazione di e-Bikes della Casa del Leone e si distingue per il suo design pulito ed elegante, reso possibile dall’inserimento all’interno del telaio della sua batteria compatta e per la sua doppia sospensione, che la rende compagna ideale per affrontare percorsi off-road anche impegnativi.

Tornando al supporto per il trasporto della Mountain-bike, va ricordato che lo si rende solidale al gancio traino utilizzando un giunto Uniball smontabile senza attrezzi. Il suo colore giallo anodizzato, identico alle linee colorate del veicolo, crea un sottile contrasto con il portellone nero opaco.

[ Giovanni Notaro ]

Print Friendly, PDF & Email