Home > Automotive > La McLaren Senna sul palcoscenico di Ginevra

La McLaren Senna sul palcoscenico di Ginevra

Fibra di carbonio, esasperazione aerodinamica, tecnologia e prestazioni monstre: tutto per celebrare l’indimenticato campione brasiliano

motori360-F2 mclar-senna-03 018

Tutto parte dal legame tra la sofisticata casa inglese ed Ayrton Senna, sempre vivo nel ricordo degli appassionati e sempre più attuale leggenda.

Ecco quindi che il Salone dell’Auto di Ginevra più che un luogo per lo show, diventa il pretesto, meglio, l’occasione per sottolineare il legame della Casa inglese con il fuoriclasse brasiliano, legame che si concretizza nella Ultimate Series Senna che ammireremo dal vivo appunto all’88° Salone Internazionale dell’Automobile di Ginevra.

Un’auto veramente speciale

motori360-f4 mclar-senna-03 018

Questa Hypercar è stata realizzata da McLaren Special Operations (MSO) che ha voluto sottolineare il particolare carattere dell’auto con l’esteso utilizzo di fibra di carbonio a vista, materiale utilizzato per l’intera struttura sia interna (scocca) e sia esterna (carrozzeria); in totale sono stati costruiti ben 67 pannelli che hanno richiesto, fra taglio, posizionamento sugli stampi, cottura e montaggio, quasi 1.000 ore di lavoro e nel computo non sono compresi i tempi di progettazione e prototipazione.

La scocca è formata da una struttura centrale in fibra di carbonio mentre i sottotelai anteriore e posteriore sono in alluminio.

motori360-f3 mclar-senna-03 018

Lo spoiler anteriore e l’alettone posteriore sono attivi e generano una downforce complessiva di 800 kg a 250 km/h.

Il peso complessivo dell’auto è contenuto in 1.198 kg e questo, unito a potenza e coppia del motore (curiosamente identici: 800 cv e 800 Nm) permette una velocità massima di 340 km/h ed i seguenti tempi di accelerazione: 0-100 km/h in 2,8”; 0-200 km/h in 6,8”; 0-300 km/h in 17,5” e 0-400 m in 9,9”.

La dedica cromatica

Motori360-mclaren_senna_carbon_theme_by_mso_02

La livrea esterna è caratterizzata da finiture la cui cromia – Solar Yellow e Laurel Green -richiama i colori del casco del tre volte Campione del Mondo e vengono riproposti anche negli interni in Carbon Black Alcantara a partire dalle cuciture a contrasto dei sedili.

MOTORI360-F6 MCLAR SENNA 03 018  

Il volante presenta, in particolare, presenta un inserto centrale in pelle Solar Yellow mentre i poggiatesta di entrambi i sedili sono caratterizzati da una «S» di Senna, poi ripetuta – ma in fibra di carbonio – sulle piastre terminali dell’alettone posteriore; anche in questo caso la Casa ha voluto stupire con effetti speciali ricorrendo all’inserzione del logo opaco nell’alettone realizzato in fibra di carbonio lucida.

Un motore degno di Senna

L’auto è mossa, spinta per meglio dire, da un V8 biturbo da 3.994 cc ed oltre 800 cv a 7.250 giri/min con una coppia di 800 Nm erogata, come è lecito attendersi, piuttosto in alto (da 5.500 a 6.700 giri/min) mentre il cambio seamless è a 7 rapporti.

Nonostante la vocazione prettamente pistaiola, questa nuova Supercar inglese potrà essere omologata anche per la circolazione stradale ed infatti le mappature del motore sono Comfort, Sport e Track.

Sospensioni e sterzo

Le sospensioni adottano il Sistema McLaren RaceActive Chassis Control II (RCC II) con 4 regolazioni (Comfort, Sport, Track e Race, quest’ultima non presente fra le regolazioni di sterzo che a sua volta è elettroidraulico e servoassistito.

Cerchioni: un capitolo a parte, ma anche i freni…

MOTORI360-F5 MCLAR SENNA 03 018

I cerchioni di questa hypercar fanno veramente storia a se: questa nuova MSO 7-Spoke, Hybrid Carbon Fiber Wheel con dado centrale (personalizzabile con finiture e colorazioni a gusto del fortunato acquirente) è stata realizzata in materiale composito formato da una lega di alluminio e fibra di carbonio forgiata che pesa (cerchione anteriore) solamente 7,5 kg pneumatico escluso con un risparmio del 10% rispetto alla ruota di serie.

L’inerzia diminuisce quindi del 10/15%, migliorando accelerazione, frenata e prontezza di sterzo mentre, attraverso le 7 razze dei cerchioni; le dimensioni delle ruote sono all’anteriore 19 x 8J con gomme Pirelli P ZERO Trofeo R: anteriormente 245/35 R19; mentre posteriormente sono delle 20 x 10J con gomme del medesimo tipo ma di dimensioni ovviamente maggiori: 315/30 R20.

Fra le 7 razze dei cerchioni fanno bella mostra di se i freni con dischi carbo-ceramici dalle identiche, notevolissime dimensioni (390 mm x 34 mm) sia avanti che dietro ma con 6 pistoncini all’anteriore e 4 al posteriore che assicurano spazi di frenata incredibilmente contenuti: 215 metri da 300 a 0 km/h; 100 metri da 200 a 0 km/h ed infine 29,5 metri da 100 a 0 km/h. Le pinze freno possono anche essere laccate in Laurel Green, sempre in omaggio a Senna.

Motori360-mclaren_senna_carbon_theme_by_mso_07

Assistenza alla guida

Tenuto conto dell’utilizzo anche stradale dell’auto, la Casa ha installato, di serie, il Cruise control con limite di velocità il Variable Drift Control (antisbandata), il Brake Assist with Brake Disc Wipe e Hill Hold Assist (controllo di frenata e assistenza alla partenza da fermo in salita), l’ABS, il TCS- Traction Control System (controllo trazione), l’ESC – Electronic Stability Control con Dynamic Mode

Infine, le operazioni di parcheggio saranno facilitate dai 2 sensori anteriori e dai 4 posteriori, questi ultimi integrati dalla telecamera posteriore.

Infotainment

Il MIS – McLaren Infotainment System è composto da:

  • Un Display Touch screen da 8 pollici ad alta risoluzione con lo schermo del driver
  • Un Sistema audio Bowers & Wilkins con 7 speakers.
  • Il sistema di Telemetria McLaren Track Telemetry con 3 telecamere.
  • Le Connettività Bluetooth, USB Connectivity e Aux in.

Tiratura limitata già venduta

Poiché questa Ultimate Series Senna è, come esplicitamente sottolinea la denominazione ufficiale, una «serie conclusiva», ne verranno realizzati solamente 500 esemplari interamente assemblati a mano ad un listino base di 750.000 sterline che per le Senna prodotte dalla sezione MSO come la Carbon Theme salirà a 1.050.000 sterline.

[ Giovanni Notaro ]

 

Print Friendly, PDF & Email