Home > Automotive > Modifiche alla normativa Euro6

Modifiche alla normativa Euro6

Il Tribunale dell’Unione Europea con sede in Lussemburgo ha emesso oggi 13 dicembre, una sentenza che annulla una parte del regolamento n° 2016/646 del 20 aprile 2016 che andava a modificare i valori per quel che riguarda le emissioni di NOx

 

Motori360-NOx-02

Questa sentenza è una vittoria per la Sindaca di Parigi Anne Hidalgo e le città di Bruxelles e Madrid che avevano portato avanti una crociata contro quel regolamento che andava a modificare (al rialzo), i valori ammessi delle emissioni NOx in vigore dal 2014.

Per capire di cosa si tratta bisogna andare indietro a giugno 2007 quando i deputati del Parlamento Europeo stabiliscono di ridurre le emissioni di NOx (ossidi di azoto) da 180 mg/km (Euro5) a 80 mg/km entro il 2014. A settembre 2015 entra in vigore la normativa Euro6, però a ottobre scoppia lo scandalo Dieselgate che coinvolge Volkswagen Group e «casualmente» ad aprile 2016 viene emesso il regolamento in oggetto che modifica la normativa Euro6 inserendo l’obbligo di effettuare test in condizioni reali di guida (RDE) al posto di quelli fatti in laboratorio. Però, al fine di consentire ai produttori di adeguarsi gradualmente alle nuove regole RDE, a settembre 2017 viene concesso un margine di errore chiamato «fattore di conformità» che di fatto consente ai costruttori di produrre veicoli con emissioni di NOx di 168 mg/km per poi scendere a 120 mg/km, valori più alti rispettivamente del +110% e del +50% rispetto agli 80 mg/km della normativa Euro6.

Motori360-NOx-03

In questo caos di normative, aggiornamenti e variazioni, il Tribunale ritiene che la disposizione che fissa i limiti di emissione per gli ossidi di azoto (NOx) vada abrogata, confermando nel contempo il resto della normativa e le condizioni di esecuzione dei test.

La Commissione da parte sua prende atto della sentenza che analizzerà nel dettaglio e come ha riferito un portavoce, ha 2 mesi di tempo per fare appello.

L’Associazione Europea dei Costruttori Automobili (ACEA) ha dichiarato di attendere gli esiti di questa sentenza e dell’eventuale ricorso, prima di reagire.

[ Paolo Pauletta ]

 

Print Friendly, PDF & Email