Home > Automotive > Retrospettive > 50 anni Lamborghini in “Giro” per l’Italia

50 anni Lamborghini in “Giro” per l’Italia

Nel maggio 2013 si terrà il più grande raduno della storia del Toro: ben 1.200 km lungo la penisola partendo il 7 maggio da Milano per arrivare il successivo 11 a Sant’Agata Bolognese

  • lamborghini-50th-anniversary-logo-1
  • lamborghini-50th-anniversary-logo-2
  • lamborghini-raduno-1
  • lamborghini-raduno-2
  • lamborghini-raduno-3
  • lamborghini-raduno
  • left-to-right-filippo-perini-stephan-winkelmann-and-maurizio-reggiani
  • stephan-winkelmann

 

Quasi 50 anni fa, Ferruccio Lamborghini, “ispirato” da un colorito scambio di idee con Enzo Ferrari, fondava la Automobili Ferruccio Lamborghini, iniziando così a scrivere una nuova, ed autorevole, pagina nella storia delle supercar.

Per celebrare la ricorrenza (non l’episodio…) la Casa del Toro organizzerà – l’annuncio è stato dato in questi giorni nell’ambito dell’esclusiva cornice del californiano concorso di eleganza di Pebble Beach un giro d’Italia in Lamborghini che avrà appunto luogo nel maggio del prossimo anno.

Che sfilata…

Il Presidente e CEO del marchio Stephan Winkelmann, nel presentare programma e logo ufficiale dell’evento, non ha nascosto le forti aspettative collegate al “Grande Giro Lamborghini 50° Anniversario” che, dovrebbe trasformarsi nel più grande raduno della storia del marchio; è infatti prevedibile la massiccia presenza, da tutto il mondo, di Concessionari, club e singoli proprietari che sfileranno con le loro vetture, storiche e non, lungo i 1.200 km del percorso che sarà così articolato:

Martedì 7 maggio ritrovo dei partecipanti a Milano.

Mercoledì 8 maggio partenza da Milano alla volta di Forte dei Marmi.

Giovedì 9 maggio trasferimento da Forte dei Marmi a Roma, con sosta serale delle auto in Centro storico.

Venerdì 10 partenza per Orvieto e prosecuzione alla volta di Bologna (arrivo in serata).

Sabato 11 maggio chiusura dell’evento con parata delle auto da Bologna a Sant’Agata Bolognese tradizionale sede della Lamborghini; i fortunati partecipanti al loro arrivo visiteranno il museo storico (dove non sono esposte solamente auto…) e lo stabilimento al cui interno sono stati organizzati, a suggello dell’evento, la cena di gala e connesse attività di intrattenimento.

Ogni tappa permetterà al pubblico di ammirare le vetture e, proprio per facilitare quanti fossero interessati, Lamborghini pubblicherà sul sito ufficiale (www.lamborghini50.com) informazioni dettagliate sul percorso del Giro e gli orari di sosta.

Questo “giro”, in uno con altre iniziative organizzate non solo in Italia, prevede l’istituzione di un fondo benefico in favore del territorio in favore del quale – si evince dallo specifico press release – “verrà devoluto il 10% dei ricavi provenienti dalle quote di partecipazione e dalle sponsorizzazioni dei vari eventi; il ricavato andrà alla ricostruzione di chiese e centri di aggregazione sociale e culturale danneggiati in seguito ai drammatici eventi sismici dell’Emilia-Romagna del maggio di quest’anno”.

A patrocinare l’evento numerose municipalità: Sant’Agata Bolognese, il Comune di Bologna, Forte dei Marmi e Roma Capitale che, dopo l’operazione Aventador, continuerà a valorizzare il marchio, orgoglio del Made in Italy. I nostri lettori sono avvisati e chi, fra questi, dovesse avere la fortuna di possedere una Lamborghini potrà iscriversi al giro a partire dal 20 settembre p.v.


[Redazione Motori360]

 

 

Print Friendly, PDF & Email