Home > News > Ducati Globetrotter 90°: dal Giappone si passa negli USA

Ducati Globetrotter 90°: dal Giappone si passa negli USA

Jessica Leyne e la sua Multistrada 1200 Enduro, hanno concluso la terza tappa. Jessica, raggiunta San Francisco ha consegnato la fiaccola a Eduardo Generali quando mancano quattro tappe alla fine di un’avventura che sarà durata 30.000 km; il primo Globetrotter è infatti partito il 4 luglio scorso da Bologna ed ora il brasiliano percorrerà 3.900 km in 13 giorni fino a Indianapolis.

ducati_globetrotter_stage4_01

Ricordiamo che ogni fase del viaggio viene documentata dal «testimone» di Globetrotter 90° che, creato dal Ducati Design Center, è dotato di telecamera le cui riprese «finiscono» su www.globetrotter90.ducati.com, che ogni appassionato può consultare in qualsiasi momento della sua giornata.

Tornando a Jessica Leyne, questa 27enne originaria delle Fiandre Occidentali (insegnante di matematica e web designer), ha vissuto nelle isole nipponiche un’altra avventura che si aggiunge ai viaggi fra Norvegia e Romania, Slovacchia e Italia, senza mai permettere alle difficoltà contingenti – come la visiera congelata, il fango fino alla sella ed un polso fratturato – di crearle problemi; in Giappone ha affrontato anche il tifone Malakas che dopo aver dissestato il Sud della Cina, ha flagellato con raffiche di vento fino a 160 km/h e in alcuni punti inondato Taiwan.

ducati_globetrotter_stage4_02

Ma la grintosa Jessica, dall’alto del suo esile metro e 62 centimetri, ha continuato il suo viaggio ed è stata appena rallentata dal tifone nella sua attraversata del Sol Levante; partita da Tokio il 17 settembre in sella alla «sua» Multistrada 1200 Enduro e ha subito affrontato il monte Fuji, il famoso vulcano che domina Tokyo ed i suoi 35 milioni di abitanti.

Ha poi proseguito verso Kiushu nel Sud del Giappone, dove si trova il museo di Hiroaki Iwashita, in cui è esposto l’unico prototipo ancora esistente al mondo della Ducati Apollo, la prima maximoto progettata a Borgo Panigale da 1.257 cc e per la prima volta con due cilindri a elle di 90°, da allora uno dei segni distintivi di Ducati.

Tappa successiva Motegi sul cui circuito «Twin Ring» Ducati ha vinto nel 2007 in MotoGp con l’australiano Casey Stoner dopo ben 10 gare vinte in campionato ottenendo qui il titolo Mondiale con un sesto posto mentre Loris Capirossi con l’altra Desmosedici, vinse la gara.

Altra tappa dal sapore agonistico è stata lo Sportsland di Sugo dove Carl Fogarty nel 1998 vinse conquistando il suo terzo titolo mondiale Superbike, il settimo per Ducati.

Nell’isola di Kinki ha visto le celebri «Meotoiwa», ovvero le «rocce moglie e marito», simbolo dell’amore per passare poi alla modernissima Osaka con le foreste e le spiagge bianche incontrate nel suo percorso e con il tradizionale castello nel centrale distretto cittadino di Chūō-ku.

ducati_globetrotter_stage3_01

Una volta rientrata a Tokio, «Jess» ha attraversato il Pacifico arrivando a San Francisco dove il 5 ottobre ha consegnato moto e testimone brasiliano Eduardo, 28 anni guida turistica istruttore di guida e… prossimo globetrotter Ducati.

Print Friendly, PDF & Email