Home > Automotive > Accessori & Tuning > Colpo di sonno: rischia un automobilista su cinque

Colpo di sonno: rischia un automobilista su cinque

Presentata a Milano la campagna internazionale contro la sonnolenza alla guida: ACI in prima linea per la sicurezza stradale assieme alla Società di Ricerca sul Sonno e all’Unione Europea. Nel mirino i rischi da stili di vita errati, e da disturbi del sonno che compromettono la capacità di attenzione al volante

Wake Up Bus a Milano in piazza Castello

Gli incidenti stradali uccidono ogni anno nel mondo più di 1 milione di persone. Sono la prima causa di morte per i giovani al di sotto dei 29 anni, e costano alla società oltre 500 miliardi di dollari. Il bilancio degli incidenti, in Europa è di 35.000 morti e 1,7 milioni di feriti ogni anno. Cifre che, secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), sono destinate ad aumentare se non saranno attuate al più presto efficaci azioni di contrasto da parte dei Governi nazionali e delle istituzioni internazionali.

In quest’ottica nel 2011 l’ONU ha varato un Piano globale di interventi per un Decennio di Azioni per la Sicurezza Stradale: e l’Unione Europea ha impegnato tutti gli Stati membri a ridurre del 50%, entro il 2020, il numero dei morti.

I fattori

Tre sono i principali imputati di fronte a un incidente stradale: l’uomo, il veicolo e l’infrastruttura. Nell’80% dei casi la causa è riconducibile alle persone e la sonnolenza, che causa il 22% dei sinistri, è una delle concause più ricorrenti.

Di fronte a questa emergenza sociale, l’Unione Europea e la Società Europea di Ricerca sul Sonno hanno organizzato il tour internazionale del «Wake Up Bus». Questi mezzi sono utilizzati per sensibilizzare l’opinione pubblica sui rischi legati alla sonnolenza alla guida: rischi derivanti soprattutto da stili di vita errati, e da disturbi del sonno che compromettono la capacità di attenzione al volante.

Il «Wake Up Bus», partito il 3 ottobre da Oporto in Portogallo, ha già toccato Lisbona, Madrid e Lione, e ha sostato l’8 ottobre a Milano in piazza Castello. Qui esperti qualificati hanno distribuito depliant e fornito una grande attività di assistenza informativa sullo stretto legame tra la sicurezza stradale e il corretto riposo. «Wake Up Bus» è poi ripartito da Corso Venezia alla volta di Lubiana, Zagabria, Vienna, Poznan, Berlino e Bruxelles, dove terminerà il suo viaggio il 15 ottobre. Nel corso della tappa finale verranno illustrati al Parlamento Europeo gli «highlights» della campagna, per sollecitare una legislazione comunitaria condivisa sui temi della sicurezza stradale.

La tappa milanese del tour, unica in Italia, è stata organizzata dall’Associazione Italiana Medicina del Sonno con la collaborazione dell’Automobile Club d’Italia, di ACI Milano e del Comune di Milano.

Alessandro Ferri

Print Friendly, PDF & Email