Home > Automotive > Ferrari Guinness World Record 2021: Fabio Barone e la sfida con Google Maps, direzione Capo Nord

Ferrari Guinness World Record 2021: Fabio Barone e la sfida con Google Maps, direzione Capo Nord

Il 4 Settembre il pluri-campione Fabio Barone, alla guida di una rossa Ferrari F8 Tributo, cercherà di coprire la distanza di oltre 4.400 km tra Roma e Capo Nord in meno di 49 ore, tempo dichiarato dal Gigante di Mountain View. Un’impresa affascinante, unica ed incredibile!

Ha il sapore di una missione impossibile quella che prenderà il via sabato 4 settembre alle ore 17.00 dai Fori Imperiali di Roma «firmata» Fabio Barone. Il veterano delle sfide difficili – come dimostrano i tre record mondiali di velocità su Ferrari che conta al suo attivo – scende di nuovo in «pista» per sfidare, la vettura «virtuale» del Gigante di Mountain View, alla guida della sua rossa Ferrari F8 Tributo. In meno di 49 ore cercherà infatti di coprire la distanza di oltre 4.400 chilometri fra Roma e Capo Nord, provando a superare il tempo virtuale dichiarato da Google Maps.

Al suo fianco prenderà posto il copilota Alessandro Tedino e sarà supportato da un team di oltre 30 professionisti. Ma importanti compagni di viaggio saranno anche tecnologia e social network. Tutto l’evento – Patrocinato dal Comune di Roma e dalla Farnesina – sarà trasmesso in diretta tramite un sistema di telecamere e router on board della F8 Tributo sulle piattaforme social del Ferrari Club «Passione Rossa» e sui maxi schermi della Galleria Commerciale Porta di Roma e sotto il costante monitoraggio della Federazione Italiana Cronometristi supportata dai cronometri Allemano.

Così commenta l’ambiziosa sfida il protagonista Barone: “L’idea è nata ispirandoci ad una impresa raccontata su una rivista storica della Fiat del lontano 1953 in cui quattro giovani audaci a bordo di una Balilla partirono da Roma e giunsero fino a Capo Nord, tornando nella Capitale dopo 45 giorni di viaggio. Per l’epoca, questo viaggio fu una vera e propria impresa. Da qui l’idea di bissare l’iniziativa, declinandola con protagonisti del Terzo Millennio: riuscire a percorrere la distanza, che la vettura virtuale di Google Maps afferma di coprire in 49 ore, in un lasso di tempo inferiore mantenendo, ovviamente, i regolari limiti di velocità in ogni nazione”. Aggiunge, infine, Barone: “Strizziamo l’occhio alle famose autostrade tedesche, dove esistono solo velocità consigliate ma non limiti definiti”. 

Corpo, mente e… anima

Per affrontare al meglio quella che rappresenta la «sfida delle sfide» Barone Presidente da oltre 20 anni di «Passione Rossa», il più importante Club di clienti Ferrari del mondo – si è sottoposto ad una preparazione tecnica e mentale di alcuni mesi tipo Marines… Fondamentale, infatti, giungere preparato alla gara per poter garantire concentrazione e forza fisica in un evento che mette a dura prova anche un talento del suo calibro. La sfida lo vedrà infatti alla guida ininterrottamente per 49 ore, salvo le brevi pause per il rifornimento. “Siamo assolutamente pronti, ci siamo allenati duramente con sessioni di guida da oltre 1.500 km” ha raccontato il campione, che ha continuato: “Grazie alla collaborazione con CAPRISTO la F8 Tributo ha un nuovo impianto di scarico e i tecnici di MAFRA, azienda italiana leader nella cura della vettura hanno curato tutti i particolari della carrozzeria. Infine, le speciali calzature ultra leggere in fibra di carbonio realizzate da Abtech, ci aiuteranno in questa impresa dura dal punto di vista fisico e psicologico”. Si aggiunga anche l’adozione di una nuova particolare seduta studiata appositamente per assicurare la migliore postura dovuta alla sedentarietà nelle 49 ore evitando di sollecitare i tendini.

La bandiera a scacchi sarà ipoteticamente sollevata tra le 16.00 e le 18.00 ora italiana del 6 settembre e dopo la partenza da Roma, il primo pit-stop avverrà a Modena, terra dei motori, presso l’autogrill Eni di Campogalliano Est e sarà effettuato intorno alle 20.00 da una squadra d’eccezione, tre meccanici che hanno seguito in passato i grandi piloti del Cavallino: Pietro Corradini, capo macchina di René Arnoux e Gilles Villeneuve; Modesto Menabue, tecnico di macchina di Sebastian Vettel e Michael Schumacher; Felice Di Vito, motorista di Clay Regazzoni, Jacky Ickx e Mario Andretti. Barone dovrà poi attraversare Austria, Germania, Svezia e Norvegia per raggiungere infine Nordkapp. In bocca al lupo! 

Sponsor a sostegno del grande evento

Tra gli sponsors d’eccezione che sosterranno l’impresa: Comte de Montaigne, Maison di Champagne dell’Aube; FAGE S.A., azienda produttrice dell’omonimo Yogurt greco, alimento nutriente e alta qualità; Calvisius Caviar, apprezzato produttore di caviale italiano. E ancora: Caffè Europa, Torrefazione d’Eccellenza Italiana, che ha fornito una speciale macchina a cialde per fare il caffè espresso rigorosamente in auto, Chinotto Neri, storica bevanda nata a Roma nel 1949, il noto brand Cavò Accessori, che ha realizzato un portachiavi speciale per l’equipaggio ed infine la Galleria Commerciale Porta di Roma che allestirà in posizione strategica una Control Room con maxi schermi per seguire durante i tre giorni in tempo reale le varie fasi del viaggio la cui telecronaca è affidata a radio NSL Ci sarà anche Sky Sport per l’arrivo.

I Media Partner dell’evento sono: Il Corriere dello Sport; New Sound Level 90 Fm; NSL Tv; Autoappassionati.it; Autosprint; L’Opinionista.it; Money.it; Motori360.it; Unione Italiana Giornalisti Automotive (UIGA.it); Motorionline.it; MDL – Motori di Lusso; Osservatore Sportivo.

Roma battezza e racconta la sfida

Roma si prepara a svolgere il ruolo di palcoscenico della sfida: al di là dei Fori imperiali, austera ambientazione degna del momento che ci si appresta a vivere, il Centro Commerciale Porta di Roma si pone come partner strategico dell’impresa. Il Direttore del Centro Filippo de Ambrogi commenta: “È un progetto impegnativo ed innovativo, seguito da tanti appassionati, per questo noi offriremo ai nostri clienti la possibilità di seguire la diretta dell’impresa attraverso la Control Room con impianto Ledwall che sarà allestita in Galleria. Inoltre saranno tanti i gadget dei partners oltre che ci sarà la possibilità di partecipare ad un concorso per vincere un giro sulla bellissima Ferrari F8 Tributo, protagonista della sfida”. Professionisti del settore stampa e pubblico potranno seguire la diretta direttamente dai maxi schermi ed osservare il lavoro del team che seguirà a distanza, giorno e notte, il coordinamento del viaggio ed il monitoraggio dell’equipaggio. 

La Galleria di Porta di Roma accoglierà, inoltre, quello che rappresenta l’emblema ispiratore di tutta la sfida: sarà infatti qui esposta in maniera ufficiale, per la prima volta dopo il restauro, la splendida Fiat Balilla 508 del 1932, che nel 1953 fu utilizzata da quattro giovani ragazzi che decisero di organizzare una spedizione a Capo Nord ed in Lapponia alla scoperta di posti nuovi e rientrarono nella Capitale dopo 45 giorni. Un viaggio che ha ispirato l’idea della sfida di Fabio Barone. Ci saranno, inoltre, le due Vespe Piaggio, simbolo del Made in Italy, anche loro protagoniste di imprese importanti a Capo Nord nel 2014 per la promozione delle eccellenze del territorio Amerino (Umbria). Al termine della sfida, sarà esposta anche la Ferrari F8 Tributo.

Tutti i mezzi fanno parte del Museo Scuderia Traguardo di Amelia (Terni), il Direttore Umbro Passone commenta: “Mi fa molto piacere prestare i mezzi alla Galleria Porta di Roma dato che rappresentano delle vere opere d’arte e fanno parte della cultura del nostro territorio che è importante far conoscere e divulgare attraverso questi eventi. Un piacere per me anche passare il testimone a Fabio Barone con il mitico Cavallino Ferrari per questa nuova sfida”.

[ Tony Colomba ]

 

 

[ Fabio Barone, curriculum vitae di un Campione ]

Fabio Barone – classe 1972 – è da oltre 20 anni Presidente di «Passione Rossa», il più importante Club di clienti Ferrari del mondo. Con oltre 800 eventi al suo attivo, Fabio – che ama definirsi un Gentleman Driver – è conosciuto anche come il Barone Rosso. Nel corso degli anni, la sua Passione per la Rossa di Maranello lo ha portato a conquistare tre Speed World Record sulle strade più pericolose del pianeta.

Partendo nel 2015 dalla Transfăgărășan, la strada nazionale della Romania che si snoda nel nord della Transilvania fino alle pendici del castello di Dracula, l’anno successivo alza l’asticella e scala la Tianmen Mountain Road, un vero drago di cemento che con le sue 99 curve passa da 200 a 1.300 metri di altezza, collocandosi a pieno titolo fra i percorsi più pericolosi del globo. Nel 2018, infine, il nuovo primato di velocità fra gli spettacolari Canyon della Valle del Dades in Marocco, riconferma Fabio come recordman assoluto.

 

Print Friendly, PDF & Email