Home > Automotive > La UIGA, Unione Italiana Giornalisti Automotive, e il “motore che verrà…” Quale preferenza?

La UIGA, Unione Italiana Giornalisti Automotive, e il “motore che verrà…” Quale preferenza?

L’Unione Italiana Giornalisti Automotive ha proposto il sondaggio «Il motore del futuro» per delineare le preferenze e le aspettative degli italiani in particolare sulle motorizzazioni. Vince l’Ibrido elettrico-gasolio; segue l’Idrogeno. Inoltre, mentre il 59% degli italiani punta all’acquisto, il 30% valuta la possibilità del noleggio a lungo termine

In occasione del MiMo – il Salone dell’auto open-air che si è tenuto con grande successo di pubblico a Milano e a Monza – l’UIGA ha invitato il pubblico a esprimere le proprie preferenze in merito alle diverse tipologie di alimentazione possibili. In lizza: Ibrido elettrico-benzina, Ibrido elettrico-gasolio, Ibrido ricaricabile, Metano, Elettrico e Idrogeno. A semplificare la scelta, l’esposizione di 6 modelli d’auto rappresentativi delle diverse tipologie di motorizzazione.

Il sondaggio dell’Unione Italiana dei Giornalisti Automotive, che si è concluso il 20 luglio scorso, ha raccolto 5.547 voti totali. La scala di attribuzione del punteggio da parte dei votanti è stata:

Il risultato del sondaggio

Consuntivo voto del pubblico (a pagina 3 del report allegato) ha visto guadagnare il gradino più alto del podio il Diesel-ibrido. Un risultato sorprendente, che non è frutto di posizioni «no auto elettrica» ma di una significativa fetta di automobilisti che, usando molto l’automobile, ha valutato come la spesa di acquisto diesel-ibrido si compensi con i costi di esercizio.

A seguire: Idrogeno, Ibrido elettrico-benzina, Ibrido ricaricabile, Elettrico, Metano.

Nel dettaglio del Voto pubblico si possono apprezzare per ciascuna tipologia di motore le posizioni nelle graduatorie stabilite da ciascun votante in base al codice colore: blu 6 punti, arancio 5 punti e così via in una scala a decrescere.

La pagina 5 (Prima posizione dell’ordine di preferenza) indica quante volte ciascuna tipologia del «Motore del Futuro» è stata inserita da ciascun votante al primo posto.

Gli istogrammi delle pagine 6, 7 e 8 rappresentano le risposte degli automobilisti classificate per fasce di età:

► fino a 30 anni, pagina 6, ha dominato l’Elettrico seguito da Ibrido elettrico-benzina.

► da 30 a 50 anni, pagina 7, ha prevalso l’Ibrido elettrico-gasolio seguito dall’Idrogeno.

► oltre 50 anni, pagina 8, ha primeggiato l’Ibrido elettrico-gasolio seguito dall’Ibrido elettrico-benzina e dall’Idrogeno.

Interessante il favore che ottiene l’Idrogeno nonostante in Europa la rete di distribuzione sia ancora poco diffusa.

A pagina 9 del report l’analisi del Consuntivo del Voto Soci UIGA e della Giuria degli Opinion Leader UIGA.

Il risultato ha posto sul primo gradino del podio l’Ibrido elettrico-benzina, in pratica la tipologia di vetture che vanta una flotta circolante del mondo già molto estesa. A seguire: Ibrido ricaricabile, Elettrico, Ibrido elettrico-gasolio, Idrogeno e Metano.

A pagina 10, si può vedere nel dettaglio come i Soci UIGA e gli Opinion Leader UIGA hanno distribuito i loro voti.

Il report del sondaggio prosegue a pagina 11 con il risultato aggregato di voti di pubblico, Soci UIGA e Opinion Leader. Una classifica finale che non mescola le carte: Ibrido elettrico-gasolio, Idrogeno, Ibrido elettrico-benzina, Ibrido ricaricabile, Elettrico, Metano. Le slide successive riportano le peculiarità dei votanti del pubblico (esclusi Soci e Opinion Leader).

Alla domanda «la mia auto attuale quanti anni ha?», il 46% ha risposto oltre 5 e il 3% di non possedere un’auto.

Alla domanda «La mia prossima auto sarà?», il 32% ha risposto ibrida, il 26 Diesel, il 14 elettrica.

Alla domanda «Come sto valutando di acquistare la mia prossima auto?», il 59% ha risposto con il pagamento classico (contanti o rate), il 30% valuta il noleggio a lungo termine, l’1% sta pensando di sostituirla con l’uso del car sharing.

Infine, alla domanda «Oltre allauto personale prevede di utilizzare servizi di mobilità condivisa a due ruote, per esempio bici e monopattini elettrici?», il 51% ha risposto no, il 27 sì, il 21 forse. Risultati che indicano che le grandi città sembrano destinate a popolarsi di micro-mobilità. Strutture permettendo…

[ Andrea Colomba ]

 

Il REPORT

Il Motore del Futuro MiMo 2021 UIGA

Print Friendly, PDF & Email