Home > Automotive > Alle 13.30 parte la trentanovesima edizione delle 1000 Miglia

Alle 13.30 parte la trentanovesima edizione delle 1000 Miglia

Partenza da Brescia attraversando alcune tra le città più belle d’Italia percorrendo circa 1.800 km per poi tornare a Brescia nel pomeriggio di sabato 19 giugno

da sx Beretta, Del Bono, Bonomi, Piantoni e Marzotto

Per la prima volta nella storia della 1000 Miglia rievocativa e riprendendo il tracciato di alcune edizioni della gara di velocità, il percorso seguirà un senso di marcia antiorario: da Brescia a Roma e ritorno, con arrivi di tappa intermedi a Viareggio e Bologna.

È una competizione, gloriosa e unica, ma anche l’esplorazione orgogliosa del sorprendente territorio italiano, nonché percorso di emozioni e sentimenti.   La Millemiglia è così un appuntamento con anima e corpo. Il connubio tra la memoria storica intatta e l’apertura alla tecnologia, che fa da sostegno alla competizione. C’è molto dello spirito italiano nella storica manifestazione, che diventa occasione di  valorizzazione dei luoghi , di conoscenza e di “spettacolo” per i migliaia di appassionati che accolgono il passaggio della suggestiva carovana. 

Ferrari Tribute

E’ l’edizione numero 11 per il Ferrati Tribute, la gara riservata agli esemplari moderni del marchio di Maranello che anticipa come sempre il grande convoglio della Freccia Rossa. Come tutte le auto storiche della 1000 Miglia 2021, anche i partecipanti al Ferrari Tribute percorrono il tracciato da Brescia a Roma e ritorno in senso antiorario, come avvenne in molte edizioni della 1000 Miglia di velocità tra il 1927 e il 1957.
Sono 108 gli equipaggi pronti a prendere il via quest’anno alla guida di modelli che rappresentano un viaggio di 60 anni nella storia del Cavallino Rampante, dalla Dino della fine degli anni ’60 alla recente Roma, giusto per citare due tra i modelli più iconici.

La protezione di Leonardo per la sicurezza della Millemiglia

Torna a far parte della suggestiva spedizione, dopo l’esperienza dell’ottobre 2020, Leonardo, Security Partner della gara automobilistica. A disposizione della corsa, dunque, andranno le migliori competenze e tecnologie  per gestire in sicurezza l’evento.  Sarà il  Van IMSS (Integrated Mobile Security System) di Leonardo, ad accompagnare le auto in gara, attrezzato con sistema radio TETRA (Terrestrial Trunked Radio), che garantirà sicurezza e affidabilità delle comunicazioni nel paddock e nei parchi auto. A supporto della manifestazione saranno disponibili anche alcuni terminali con sistema MCPTT (Mission Critical Push To Talk) sotto la copertura della rete cellulare pubblica nazionale. Si tratta di sistemi che emulano il comportamento di una radio professionale su uno smartphone consentendo anche lo scambio di video e dati a banda larga. 

MILLE MIGLIA 2020

All’interno del nostro veicolo è installata una sala di controllo operativa completa che integra tecnologie avanzate e sensori, un sistema radio mission critical multi tecnologia per le comunicazioni voce e dati sicure e affidabili” spiega Fabio Gloter, Demo Manager, Marketing Cyber Security Division che seguirà la 1000 Miglia dal van messo a disposizione da Leonardo. “Per il secondo anno di fila, sarà per me un piacere guidare questo concentrato di tecnologia a supporto di una manifestazione così importante”.

Il Percorso del 2021

Rispettando la tradizione del tracciato da Brescia a Roma e ritorno, le tappe intermedie dell’edizione 2021 vedranno arrivi di tappa a Viareggio per la prima giornata di gara e Bologna per la terza.

Mercoledì 16 giugno

Dopo la partenza da Brescia alla volta della costa tirrenica dopo aver incontrato Cremona, Busseto e Parma, gli equipaggi affronteranno già dalla prima giornata il Passo della Cisa per giungere a Sarzana e concludere poi la tappa sul lungomare di Viareggio.

Giovedì 17

La seconda giornata di gara vedrà le auto in gara passare Pisa, Rosignano Marittimo, Bibbona, Castagneto Carducci, Massa Marittima fino alla sosta pranzo di Castiglione della Pescaia. Alla ripartenza le vetture si addentreranno nel cuore della Maremma e, transitando prima da Grosseto e poi da Marta sul Lago di Bolsena, arriveranno a Viterbo dove sosteranno al Palazzo dei Papi per la cena in gara. Il passaggio da Ronciglione condurrà verso il consueto giro di boa a Roma, per la fine della seconda tappa e la passerella in Via Veneto.

Venerdì 18

La giornata inizierà con la risalita verso nord: la lunga, terza giornata di gara prenderà il via da Roma in direzione Civita Castellana, Amelia, Orvieto e Cortona; dopo la sosta pranzo ad Arezzo, da Montevarchi si raggiungerà Radda in Chianti, poi Prato, Barberino di Mugello, i Passi di Futa e Raticosa e concludere la terza tappa a Bologna.

Sabato 19

Quarta e ultima giornata di gara, gli equipaggi si dirigeranno a Modena, Reggio Emilia e Mantova per arrivare alla sosta per il pranzo in piazza Bra a Verona, al cospetto dell’Arena nelle ore immediatamente precedenti la rappresentazione dell’Aida diretta dal Maestro Muti; le sponde del Lago di Garda a Sirmione, Desenzano e per la prima volta Salò accompagneranno l’ultimo tratto di gara fino al traguardo finale di Brescia, sulla rampa di viale Venezia dove la corsa ha preso il via quattro giorni prima.

 

 

La 1000 Miglia https://1000miglia.it/ in pillole

4 le vetture Alfa Romeo: la 6C 1500 Super Sport del 1928, la 1900 Sport Spider del 1954, la 2000 Sportiva del 1954 e la 1900 Super Sprint del 1956. I quattro gioielli della collezione storica sono condotti da equipaggi d’eccezione, tra cui spicca il chairman di Stellantis John Elkann con la consorte Lavinia Borromeo a bordo della 1900 Super Sprint. Al nastro di partenza anche i plurititolati Giovanni Moceri e Daniele Bonetti su Alfa Romeo 6C 1500 Super Sport, già vincitori dell’edizione 2019 a bordo della stessa vettura. Completano lo schieramento Alberto Vassallo e Giovanni Bianco della piattaforma digital Car & Vintage sulla rarissima 2000 Sportiva e l’equipaggio composto da Roberto Giolito, Head of Heritage, e la conduttrice televisiva Camila Raznovich sulla barchetta 1900 Sport Spider. Sono quattro esemplari straordinari, autentiche opere d’arte in movimento, appartenenti alla collezione di Heritage, il dipartimento dedicato alla tutela e alla promozione del patrimonio storico dei brand Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth.

Le 3 Alfa Romeo 6C 1750 carrozzate Zagato, sono identiche a quelle che trionfarono nel 1929 con Giuseppe Campari e nel 1930 con Tazio Nuvolari. La Casa del Biscione presenta la 8C 2900 A carrozzeria «Botticella»: nel 1936, per conto della Scuderia Ferrari, partecipò alla 1000 Miglia classificandosi terza assoluto guidata da Carlo Pintacuda.

18 le Ferrari al via, tra queste quelle con il palmarès più importante sono la Ferrari 340 America Spider Vignale che fu condotta alla 1000 Miglia del 1952 da Pietro Taruffi, e la 275/340 America Scaglietti.

2 Bugatti Type 35 e 5 Bugatti Type 37.

3 Maserati da corsa «ufficiali» della Casa del Tridente.

11 Mercedes-Benz 300 SL, le famose «Ali di Gabbiano», tra le quali c’è una versione prototipo che nel 1952 fu utilizzata dalla squadra ufficiale di Stoccarda per effettuare gli allenamenti lungo il tracciato di gara. In occasione della prossima edizione della Mille Miglia, Mercedes-Benz Classic rende omaggio ad uno degli uomini più rappresentativi nella storia del Motorsport, Sir Stirling Moss, il cui nome e leggenda sono legati in maniera indissolubile alla Casa di Stoccarda.A salutare i partecipanti sulla linea di partenza ci sarà, infatti, la 300 SLR «722» originale con cui il team Moss/Jenkinson vinse la Mille Miglia del ’55 con un record rimasto nella storia della competizione. In gara con i colori ufficiali della Stella ci sarà, invece, l’affascinante 300 SL «Ali di Gabbiano», guidata dal Presidente e CEO di Mercedes-Benz Italia.

7 O.M. 665 «Superba», soprannome guadagnato grazie alle numerose vittorie, vittoriose nella prima edizione del 1927.

Vetture candidabili alla corsa

I modelli di vettura iscrivibili alla 1000 Miglia sono quelli dei quali almeno un esemplare abbia preso parte – o abbia completato l’iscrizione – ad una delle edizioni della 1000 Miglia che si è tenuta dal 1927 al 1957. A ciascuna vettura accettata all’edizione 2021 sarà attribuito un coefficiente che sarà poi moltiplicato per il punteggio ottenuto dai concorrenti durante la gara. I coefficienti sono stati attribuiti valutando l’epoca di progettazione e le caratteristiche tecniche, sportive e storiche di ogni singolo modello; Il coefficiente totale di ciascun modello è stato calcolato con la formula matematica di seguito riportata, sommando i fattori parziali attribuiti in funzione del periodo, della classe e della categoria:

coefficiente = + { Periodo + Classe + Categoria} + {Fattore MM (event.) + Bonus MM (event.)}

All’interno della TABELLA DEI COEFFICIENTI, di fianco al nome del modello, sono indicati il periodo, la categoria e la classe di appartenenza.

1000 Miglia Green

“Anche quest’anno alla tradizionale 1000 Miglia la sfida di affiancare le auto elettriche in una 1000 Miglia Green” così Alberto Piantoni, CEO di 1000 Miglia Srl “Nonostante la carenza di infrastrutture che consentano la ricarica in contemporanea di più auto e sebbene sia ancora limitata la tenuta delle batterie in dotazione alle auto elettriche di serie oggi circolanti, abbiamo voluto testare sul campo la reale possibilità di far percorrere a queste auto distanze di 450-500 km; in questo senso la 1000 Miglia Green 2021 rappresenterà un banco di prova determinante, l’occasione per sondare la reale fattibilità di una vera e propria competizione 1000 Miglia Green, la gara di regolarità in stile 1000 Miglia riservata alle auto elettriche. L’ innovazione fa parte del DNA di 1000 Miglia sin dalla sua nascita e il nostro obiettivo, racchiuso nel motto «Crossing the Future», è quello di favorire, sostenere e promuovere lo sviluppo tecnologico e la diffusione capillare delle infrastrutture”.

In gara anche la nuova Mercedes EQA, una Jaguar I-Pace e una Porsche Taycan, la prima auto elettrica della Casa di Stoccarda. La sfida, anche quest’anno, sarà unica per i partecipanti ovvero percorrere l’intero tracciato della storica gara a bordo di una vettura elettrica, mantenendo tempi coerenti alle diverse necessità di alimentazione, rispettando i punti di controllo orario previsti per concludere la tappa entro i tempi indicati e godere della passerella di arrivo e del palcoscenico della 1000 Miglia.

Ad accompagnare in pedana la partenza e l’arrivo delle auto in gara, nella rappresentazione ideale del tema «Crossing the Future», torna protagonista l’HYPER SUV VISION 2030, la concept car totalmente elettrica disegnata da Fabrizio Giugiaro.

[ Redazione Motori360 ]

 

Ordine di partenza – Motori360

 

Report Vetture – Motori360

Print Friendly, PDF & Email