Home > Automotive > SOTTOTIRO || L’intervista a Fabio Mazzeo, Direttore Brand Opel Italia

SOTTOTIRO || L’intervista a Fabio Mazzeo, Direttore Brand Opel Italia

AUTO IN PROSPETTIVA… Risponde Fabio Mazzeo Direttore Brand Opel Italia

Mercato

I primi tre mesi del 2021, con 446.978 immatricolazioni, mostrano un +28,6% rispetto al 2020, quando il mercato aveva iniziato a subire gli effetti della prima ondata della pandemia.

D. Qual è la sua valutazione dei dati di mercato del primo trimestre? Si tratta di un segnale positivo proiettabile sull’anno oppure tali dati sono prevalentemente influenzati dal combinato incentivi delle Case+statali (che a breve si esauriranno salvo reintegri)? Quali sono i timori principali?

“Per comprendere il reale stato del mercato nel primo quadrimestre questo va confrontato con lo stesso periodo del 2019 perché il 2020 è stato largamente impattato dalle chiusure per il Covid-19. Il risultato vede un segno meno dovuto alla situazione economica e al fatto che non siamo ancora fuori dalla pandemia. Il risultato di questi fattori è quello di frenare la propensione all’acquisto. D’altra parte, un aiuto al mercato è venuto dall’Ecobonus statale, che ha limitato il calo.

Il modo in cui il mercato si svilupperà durante l’anno in corso dipende dal rifinanziamento degli incentivi per le vetture della fascia 61-135 g/km di CO2 che costituiscono una quota importante del totale”.

Mokka-e

Rete di vendita

Nei canali di vendita, i privati scendono dell’1,3%, il noleggio a lungo termine del 4,5% e quello di breve del 55,7%, mentre le società salgono del 3,7%. In calo le autoimmatricolazioni: -33,3%.

D. Visto che sino ad oggi le autoimmatricolazioni hanno rappresentato un mezzo per fare volumi di vendita e su questi recuperare utili attraverso i bonus riconosciuti dalle Case, quale strategia di supporto è stata messa in campo per sostenere la rete di vendita? Qual è la maggiore criticità che sta vivendo la rete, in questo periodo di pandemia?

“Le chiusure durante la prima parte della pandemia hanno accelerato la tendenza alla digitalizzazione che era già in corso. Le concessionarie Opel hanno sviluppato ulteriormente la possibilità di contatto da parte dei clienti attraverso il web come alternativa al contatto fisico. Si tratta di un cambiamento epocale, qualcosa che rimarrà anche quando sarà tutto finito. In Opel, da un lato, abbiamo lavorato sulla riduzione dei costi, in generale, e della complessità dell’offerta, in particolare, per offrire prodotti migliori e più in linea con le richieste dei clienti. Dall’altro lato abbiamo accelerato sullo sviluppo di nuovi prodotti che riscontrano il favore dei clienti, moderni e tecnologici, per vendere meglio e con maggiore profitto.

Il risultato è che Opel produce ottimi profitti in modo stabile. Ora vogliamo aumentare i volumi di vendita e migliorare ulteriormente la sostenibilità della rete delle concessionarie e abbiamo i prodotti giusti per farlo”.

Grandland X Hybrid4

Innovazione & Tecnologie

Le emissioni medie di CO2 scendono a 122,7 g/km dai 135,8 di marzo 2020 e dai 143,6 di marzo 2019. Nel primo trimestre si attestano su 125,5 g/km, in calo dell’8,3% rispetto al 2020.

D. Oltre alla riduzione della CO2 e quindi dei consumi, sempre molto apprezzata, quali sono le nuove tecnologie su cui oggi puntate di più e quelle più richieste dai consumatori? Notate, da parte di questi ultimi, un riorientamento della domanda? Quanto spazio e per quanto tempo i motori endotermici classici ritiene continueranno ad avere spazio nei listini?

“In Opel, la riduzione delle emissioni di CO2 sono il principio ispiratore del cambiamento verso la mobilità sostenibile, elettrica in particolare. Nel 2020 Opel ha ridotto le emissioni di CO2 delle proprie vetture di 23,5 grammi per chilometro. Il mercato delle vetture elettrificate ricaricabili alla spina sta crescendo molto rapidamente e Opel propone una gamma ampia, in grado di soddisfare tutte le esigenze. Si parte dalla piccola Opel Corsa-e per arrivare alla grande Opel Zafira-e Life, passando per Opel Mokka-e e Grandland ibrido plug-in. Molti altri prodotti saranno disponibili entro pochi mesi fino ad arrivare a 6 modelli di vetture e 3 veicoli commerciali Opel elettrificati già entro quest’anno. L’intera gamma Opel sarà elettrificata completamente entro il 2024.

Quindi Opel è tra le case più avanzate in tema di elettrificazione. Allo stesso tempo è chiaro che molti clienti chiedono ancora di avere motorizzazioni termiche che meglio si addicono al loro utilizzo specifico. Per questo motivo in Opel offriamo, a fianco delle versioni elettrificate, modernissimi motori benzina e diesel, con consumi ed emissioni ridottissime“.

Prodotto

Nei primi tre mesi del 2021, si conferma il trend positivo delle elettrificate e, di converso, la costante contrazione dei motori endotermici tradizionali.

D. Ritiene l’elettrificazione un percorso irreversibile nel medio/lungo termine? Se sì, quale tipo di elettrificazione prevede si imporrà (ibrido plug-in, elettrico solo a batterie). Altrimenti, quale il motivo dell’insuccesso di questa scelta? Ritiene inoltre che il Diesel abbia nel breve-medio termine (3-8 anni) ancora un futuro nel trasporto privato oppure sia destinato ad una rapida uscita di scena?

“L’elettrificazione dell’automotive e di Opel è un processo avviato e procederà sempre più forte perché sempre più clienti capiranno i suoi vantaggi e la convenienza di ciò che Opel offre sul mercato. Nel 2025 il 30% delle Opel vendute sarà elettrificato.

Entro quest’anno in Opel lanceremo un veicolo commerciale a celle a combustibile che ha i vantaggi della trazione elettrica con grande velocità di rifornimento. Ma in Opel siamo convinti che il futuro non vedrà prevalere una singola tecnologia ma sarà multi alimentazione perché ciascuna tecnologia ha dei vantaggi in aree d’uso specifiche, rendendo l’una o l’altra più vantaggiosa a seconda dell’uso da parte del singolo cliente. Naturalmente l’evoluzione delle normative europee avrà la sua influenza e dovrà essere tenuta in debita considerazione. In ogni caso, in Opel, siamo pronti ad accettare tutte le sfide che si presenteranno, anche grazie alla forza del grande gruppo di cui facciamo parte”. 

[ Tony Colomba ]

Direttore Responsabile

 

Print Friendly, PDF & Email