Home > Cielo > Kuwait Airways prende in consegna due Airbus A330neo

Kuwait Airways prende in consegna due Airbus A330neo

Per ll vettore nazionale del Kuwait la flotta di Airbus sale ora a 15 unità

Kuwait Airways, il vettore nazionale del Kuwait, ha ricevuto i primi due aeromobili Airbus A330neo. Questi sono i primi di otto A330neo ordinati dal vettore, che attualmente opera una flotta di 15 aeromobili Airbus composta da sette A320ceo, tre A320neo e cinque A330neo.

Comfort ed efficienza

Questa consegna è anche la prima di A330-800 da parte di Airbus. L’aeromobile widebody di nuova generazione è l’ultimo arrivato nella gamma di prodotti Airbus, a evidenziare la strategia dell’azienda di continuare ad offrire ai suoi vettori clienti una maggiore efficienza operativa e un comfort superiore per i passeggeri con piattaforme tecnologiche di ultima generazione. Grazie alla sua capacità su misura di medie dimensioni e alla sua eccellente versatilità di gamma, l’A330neo è considerato l’aeromobile ideale per operare nell’ambito della ripresa post-Covid-19.

A bordo 235 posti

L’A330neo di Kuwait Airways ospiterà comodamente 235 passeggeri, con 32 poltrone full-flat in Business Class e 203 spaziose poltrone in Economy Class, offrendo al contempo un’ampia stiva in grado di rispondere alle esigenze dei passeggeri. L’A330neo è un vero e proprio aeromobile di nuova generazione, che si basa sulle caratteristiche del popolare A330 e sfrutta la tecnologia sviluppata per l’A350.

I nuovi motori Rolls-Royce

Alimentato dai nuovi motori Rolls-Royce Trent 7000, e dotato di una nuova ala con maggiore campata e Sharklets ispirati a quelli dell’A350 XWB, l’A330neo offre un livello di efficienza senza precedenti – con un consumo di carburante per poltrona inferiore del 25% rispetto agli aeromobili concorrenti della generazione precedente. Equipaggiato con la cabina Airspace, l’A330neo offre un’esperienza unica per i passeggeri con maggiore spazio a disposizione e un sistema di intrattenimento a bordo e connettività di ultima generazione.

[ Riccardo Collacciani ]

Print Friendly, PDF & Email