Home > Automotive > Attualità > Nuovo Nissan Qashqai: design moderno, spirito tradizionale

Nuovo Nissan Qashqai: design moderno, spirito tradizionale

Il nuovo design del SUV giapponese enfatizza i contenuti di tecnologia e innovazione. A breve il nuovo propulsore e-Power dove l’endotermico genera corrente per muoversi 100% elettrico

Presentata ufficialmente la nuova generazione di Qashqai conferma, nel vecchio Continente, la leadership di Nissan nel settore dei SUV crossover. Sono infatti più di tre milioni le unità di questo modello che circolano per le strade d’Europa.

Per la progettazione e lo sviluppo del nuovo Qashqai siamo partiti da un’analisi approfondita delle relazioni che abbiamo instaurato nel corso degli ultimi 13 anni, con i clienti che hanno scelto Qashqai. Questo ci ha consentito di comprendere le loro necessità e, in particolare, approfondire i punti di forza apprezzati nel crossover che impiegano quotidianamente”, ha affermato Marco Fioravanti, vice-President Product Planning di Nissan Europa.

Gli esterni

Benché le sembianze siano fedeli allo stile caratteristico Qashqai, i significativi cambiamenti apportati alla linea rendono la vettura più moderna e imponente. Le linee sono più spigolose e marcate e trasmettono l’idea di robustezza della carrozzeria.

Il passo è più lungo di 20 mm (2.666 mm in totale), e la lunghezza è aumentata di 35 mm (4.425 mm), mentre altezza (1.635 mm) e larghezza (1.838 mm) crescono rispettivamente di 25 e 32 mm. Il frontale mette in evidenza la griglia Nissan V-Motion e i fari full LED, presenti anche sul posteriore ma con un’ottica graduata a goccia che crea un suggestivo effetto di illuminazione tridimensionale. A rendere più dinamica la vettura contribuiscono anche le diverse tinte a contrasto e le ulteriori nervature che corrono lungo le fiancate.

Gli interni

La terza generazione del Qashqai offre un abitacolo ancora più spazioso ed elegante, e numerosi miglioramenti dal punto di vista della sicurezza. Sono state infatti apportate modifiche per agevolare il conducente nelle varie situazioni del quotidiano, come l’angolo di apertura del parabrezza più ampio, il montante anteriore più sottile, i retrovisori esterni fissati alla portiera e non al montante, per ridurre al massimo gli angoli ciechi. Massima attenzione anche per gli occupanti della vettura, che beneficiano di ulteriore spazio anche nei sedili posteriori, dove lo spazio per le ginocchia cresce di 28 mm per arrivare a 608 mm.

Aumentata anche la capacità del bagagliaio di 74 litri rispetto alla generazione precedente arrivando a 504 litri in configurazione standard. Per quanto riguarda i rivestimenti interni, la scelta di Nissan è stata per la pelle Nappa e cuciture per i sedili «a trapunta».

Tecnologia di bordo

I nuovo Qashqai può contare su un display da 9’’, compatibile sia con Android Auto che con Apple CarPlay (anche wireless), quest’ultimo disponibile anche in modalità wireless, e una nuova strumentazione digitale. Lo schermo Full TFT multifunzione da 12,3 pollici, interamente digitale e ad alta definizione, può essere configurato per la navigazione, l’intrattenimento, gli aggiornamenti sul traffico o le informazioni sul veicolo. La gestione avviene tramite i nuovi comandi tattili sul volante.

Un Head Up Display da 10,8 pollici proietta informazioni sull’itinerario impostato, sul traffico e sulla guida in modo da garantire comodità e sicurezza al conducente. Le funzioni Home-to-Car sono compatibili con i dispositivi Google Assistant e Amazon Alexa.

Controllo a distanza

Con l’applicazione NissanConnect si possono gestire a distanza, direttamente dallo smartphone, il clacson, le luci, l’apertura/chiusura delle porte ma anche la ricezione di informazioni sul traffico, la possibilità di contattare il soccorso stradale o di localizzare la vettura parcheggiata. La terza generazione Qashqai introdurrà, inoltre, l’opzione Stolen Vehicle Tracking in grado di segnalare il furto del veicolo.

Sicurezza

Il nuovo Qashqai è equipaggiato con il sistema ProPilot, denominato «ProPILOT con Navi-link», in grado di adattare la velocità del veicolo in base a una vasta serie di fattori esterni, e quindi rallentare la vettura per rispettare i limiti in un determinato tratto stradale, o acquisire i dati dal navigatore.

Il ProPilot è poi in grado di regolare la velocità nelle curve o sulle rampe delle uscite autostradali, può comunicare con i sensori radar di Qashqai che controllano gli angoli ciechi e, se un altro veicolo si trova in uno di essi, può intervenire sullo sterzo per aiutare a prevenire il cambio di corsia; può inoltre avvisare il guidatore in città del rischio di urtare i lati del veicolo, come può normalmente accadere durante manovre in spazi stretti, o evitare incidenti in retromarcia grazie a sensori montati posteriormente.

Motorizzazioni: spazio agli elettrificati

Nissan Qashqai 2021 sarà disponibile sia con il motore benzina 1.3 DiG-T con tecnologia mild-hybrid 12 volt che con l’ibrido seriale e-Power. Quest’ultimo sistema di propulsione farà finalmente il suo debutto europeo dopo aver spopolato in Giappone in modelli come Nissan Note e Senna. Questa tecnologia usufruirà di un motore benzina da 157 cavalli con rapporto di compressione variabile, un generatore, un inverter e un motore elettrico da 140 kW di dimensioni e potenza analoghe a quelle dei veicoli elettrici della gamma Nissan.

La sensazione sarà pertanto la stessa che si prova viaggiando su un veicolo 100% elettrico, con la differenza che il motore termico viene usato «solamente» per generare elettricità, riducendo così le emissioni di CO2 e ottimizzando i consumi: tre le modalità di guida (Standard, Sport ed Eco) alle quali si aggiunge anche il sistema e-Pedal, già visto sulla Nissan LEAF. 

La nuova Nissan Qashqai è offerta in 5 allestimenti (Visia, Acenta, N-Connecta, Tekna e Tekna Plus). Il prezzo di partenza per la versione di lancio denominata «Premiere Edition» è di 33.870 euro con motore turbo benzina  1.3 DiG-T con tecnologia mild hybrid da 140 cv, 2WD e cambio manuale a 6 rapporti e di 37.270 euro per il 158 cv, 2WD e cambio Xtronic.  

[ Jacopo Romanelli ]

Print Friendly, PDF & Email