Home > Mare > Patente nautica: 7 mesi per l’esame

Patente nautica: 7 mesi per l’esame

La Confarca denuncia i pesanti ritardi nella Capitale e minaccia azioni legali

Prenotazioni a sette mesi per gli esami teorici per la patente nautica da diporto. Un «provvedimento inammissibile», che ha fissato le date per le sedute d’esame a settembre, e che rischia “di danneggiare in maniera irreversibile le scuole nautiche che operano sul territorio di Roma e della sua provincia”. È quanto denuncia il segretario nazionale della sezione nautica della Confarca, Adolfo D’Angelo, che annuncia azioni legali contro la diminuzione delle sedute per gli esami teorici da parte di Guardia Costiera Motorizzazione Civile di Roma.

Le parole del Segretario Adolfo D’Angelo

“Una disposizione che era nell’aria – afferma Adolfo D’Angelo – poiché entrambi gli enti lamentano la carenza di personale a causa dello smart working che ha provocato la riduzione del numero dei partecipanti alle sedute: rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, fa notare il segretario della confederazione nazionale che rappresenta agenzie e scuole nautiche, si è passati da 15 a 9 candidati a seduta. In questo modo per le scuole nautiche è impossibile pianificare gli esami: nessun candidato accetta di candidarsi a una sessione prenotata così a lungo termine”.

Mancanza totale di garanzie

Inoltre, secondo il Segretario della Confarca “non è possibile nemmeno garantire che il candidato sia presente con prenotazioni a sette mesi. Come si può ipotizzare una presenza dopo così tanto tempo e dopo il periodo estivo? Di fatto, ci stanno impedendo di lavorare, un provvedimento inammissibile che danneggia tutte le scuole nautiche già compromesse dalla pandemia e che rischiano di chiudere definitivamente”.

Scuole nautiche senza ristoro

Le scuole nautiche, fa notare il Segretario della sezione nautica della confederazione, sono rimaste aperte anche in questi mesi di restrizioni e pertanto non hanno avuto diritto ad alcun tipo di ristoro. “Se le nostre richieste non saranno ascoltate, saremo costretti ad adire le vie legali nei confronti dei dirigenti degli uffici che hanno sciaguratamente fissato date d’esame a così lungo termine”, conclude D’Angelo.

[ Riccardo Collacciani ]

 

 

Print Friendly, PDF & Email