Home > Automotive > Attualità > Alla Hertz l’Italian Mission Award 2020 come “migliore società di autonoleggio per i viaggiatori di affari”

Alla Hertz l’Italian Mission Award 2020 come “migliore società di autonoleggio per i viaggiatori di affari”

Il prestigioso riconoscimento assegnato pochi giorni fa alla Filiale italiana del colosso americano dell’autonoleggio guidata da Massimiliano Archiapatti

IMA (Italian Mission Awards) è il primo evento italiano che giunto al settima edizione, premia – con l’assegnazione di specifici Awards – operatori dell’industria del business travel e travel manager che si sono particolarmente distinti nel periodo preso in esame ai fini dell’assegnazione dei riconoscimenti.

Caratteristiche dell’iniziativa

Promotrice di questa particolare iniziativa è la Casa editrice milanese Newsteca che, attraverso questo suo evento, mette in competizione ed in contemporaneo risalto, i suddetti attori del business travel e i più importanti operatori del settore, che vengono valutati dalla giuria IMA formata esperti referenti super partes.

Tutti gli operatori del settore possono partecipare a questo concorso semplicemente inviando una scheda di iscrizione alla categoria nella quale si riconoscono; tale scheda viene vagliata dalla giuria che emette e pubblica una short list.

A questo punto viene aperta una votazione online tra le aziende short-listate ed i risultati della votazione sono sommati al responso finale della giuria per decretare i vincitori che saranno successivamente premiati nel corso di una serata di gala; nel nostro caso l’evento ha avuto luogo il 14 settembre presso gli spazi del Superstudio Più di Milano.

Il premio alla Hertz

Fra i premiati di particolare spicco la Hertz Italia il cui Direttore Generale e Amministratore Delegato Massimiliano Archiapatti, ha così commentato l’avvenimento: “Sono molto orgoglioso stasera di essere qui sul palco del Superstudio Più, a rappresentare tutta la squadra Hertz che con questo riconoscimento ha dimostrato ancora una volta la passione che mette nel proprio lavoro. Questo riconoscimento ha per noi un valore particolare sia per il momento storico che stiamo attraversando, e che ha avuto un impatto così importante sulla vita privata e professionale di tutti noi, sia perché celebra 60 anni di Hertz in Italia che, anche con questo premio del Business Travel, si confermano apprezzati dagli Ospiti. Quel che rende ancora più speciale questo premio è che sono state proprio l’eccellenza e la qualità del servizio, unite alla trasparenza delle tariffe e alla capillare presenza sul territorio italiano e nel mondo, ad aver spinto la giuria ad assegnarci il riconoscimento, e questi rappresentano i valori chiave alla base della filosofia che guida il nostro lavoro ogni giorno verso i nostri Ospiti! Quel che rende ancora più speciale questo premio è che proprio questi sono due degli aspetti contenuti nella motivazione che ha spinto la giuria ad assegnarci il riconoscimento, insieme alla trasparenza delle tariffe e alla capillare presenza sia sul territorio italiano sia nel mondo. Ci tengo a sottolineare che essi rappresentano i valori chiave alla base della nostra filosofia, che guida il nostro lavoro verso ogni Ospite Hertz, ogni giorno!”. 

Italian Mission Awards 2020 ha posto infatti l’accento sull’importanza di un servizio il più possibile tailor made e centrato sulla cura nei confronti del cliente.

Un valore che per gli ospiti si traduce nella possibilità di essere assistiti in ogni momento dell’esperienza di noleggio e che per Hertz rappresenta l’opportunità dare valore aggiunto alla propria offerta.

Non va poi dimenticato che Hertz Italia si è vista attribuire nel 2019 il massimo riconoscimento ai trazees Awards 2019 e si è distinta per alcune iniziative particolari di nicchia quali il lancio del Ride Alpine Tour, ha lanciato il grand tour dell’arte italiana su Alfa Romeo Giulia e infine si è resa protagonista di una simpaticissima offerta che, seppur di nicchia, ha avuto una notevolissima risonanza ovvero l’offerta a noleggio di una «spiaggina» (foto in alto con l’a.d. Archiapatti ) stile anni ’60.

[ Andrea Colomba ]

 

Print Friendly, PDF & Email