Home > Automotive > Nuova Audi Q5 sempre più tecnologica

Nuova Audi Q5 sempre più tecnologica

Identità Q ancora più marcata e grintosa, nuovi gruppi ottici posteriori con tecnologia OLED, digitalizzazione al top e elettrificazione della gamma. Nelle Concessionarie italiane nel corso del quarto trimestre 2020

Potremmo chiamarla operazione nuova identità Q, un’operazione che passa – a primo impatto – attraverso una maggiore ampiezza del single frame ottagonale che ora si protende più decisamente verso il basso; le prese d’aria laterali oltre ad essere più larghe, a beneficio della funzionalità e dell’effetto «larghezza» sono arricchite da nuovi inserti decorativi trapezoidali mentre grazie alle luci diurne, i proiettori a LED vantano un’inedita firma luminosa.

La vista laterale evidenzia il nuovo inserto in corrispondenza delle longarine sottoporta, mentre posteriormente spicca il listello decorativo che raccorda i gruppi ottici e l’estrattore ridisegnato.

Alle finiture di serie si affiancano gli allestimenti advanced (che prevedono listelli verticali cromati per il single frame e slitte paracolpi in argento anziché in nero) e lo sportivo S line che include la griglia a nido d’ape del single frame e la finitura cromata dell’inserto all’estrattore.

La gamma colori, forte di dodici tinte, si arricchisce delle inedite vernici verde district e blu ultra. A richiesta, è disponibile il pacchetto look nero. Analogamente al precedente modello, la nuova Audi Q5 viene prodotta nello stabilimento messicano di San José Chiapa.

Corpo vettura

Nuova Audi Q5 cresce in lunghezza (4,68 metri, +19 mm.) mentre restano invariate la larghezza (1,89 metri a specchietti ripiegati) e l’altezza (1,66 metri). Il passo di 2,82 metri garantisce una generosa abitabilità mentre il portellone elettrico è di serie.

Grazie al raffinato mix di materiali, la carrozzeria è la più leggera del segmento, mentre il coefficiente di resistenza aerodinamica (CX) di 0,30 è tra i migliori della categoria. Una caratteristica che concorre al curato isolamento acustico dell’abitacolo.

Su questa nuova Q5 debutta nella categoria la nuova generazione della tecnologia OLED (fornita a richiesta) derivata dall’ammiraglia Audi A8. Gli OLED sono diodi a emissione di luce organici, particolarmente efficienti, che generano un’illuminazione eccezionalmente ampia e omogenea. Le luci posteriori OLED sono suddivise in 3 nuclei, composti ciascuno da 6 segmenti che formano molteplici firme luminose e illuminazioni caratteristiche che possono essere direttamente selezionate dal cliente.

I gruppi ottici posteriori OLED garantiscono un’innovativa segnalazione della prossimità: a vettura ferma, qualora un utente della strada si avvicini a meno di due metri da nuova Audi Q5, si accendono tutti i segmenti. Non appena l’auto torna in movimento, viene ripristinata l’illuminazione caratteristica originaria. La gamma delle funzioni appannaggio dei gruppi ottici posteriori OLED è completata dagli indicatori di direzione dinamici.

La versione di accesso di nuova Audi Q5 è dotata di proiettori a LED, mentre i proiettori a LED Audi Matrix sono a richiesta. Le luci abbaglianti intelligenti e adattative assicurano sicurezza e comfort, scongiurando l’abbagliamento degli altri utenti della strada.

A proposito della tecnologia OLED Stephan Berlitz, Responsabile Lighting Innovations di Audi AG, spiega che “i vantaggi della tecnologia OLED consistono, oltre che nel marcato contrasto, nell’elevata omogeneità e nel minimo distanziamento tra i segmenti. I gruppi ottici OLED costituiscono la base per un design delle luci ampiamente personalizzabile, caratterizzato da una versatilità sinora sconosciuta”.

Interni

 

L’abitacolo di Audi Q5 è caratterizzato dall’andamento orizzontale di tutti i suoi elementi: a centro plancia, orientato al conducente, spicca l’ampio display MMI touch dal feedback acustico: la «centrale» del nuovo sistema di comando assolve le funzioni della manopola a pressione/rotazione collocata alla base della console del precedente modello.

I pacchetti per gli interni design selection ed S line interior possono essere combinati a piacere con le linee degli esterni mentre, a richiesta, si possono avere i sedili posteriori plus con regolazione in longitudine e adattamento dell’inclinazione degli schienali; con questa dotazione, il vano bagagli offre una capacità compresa tra 550 e 1.550 litri.

 

Connettività e hi-tech 

La piattaforma modulare d’infotainment di terza generazione MIB 3 è caratterizzata da una potenza di calcolo dieci volte superiore rispetto al precedente sistema MIB 2.

Al top dell’offerta in tema di strumentazione spicca l’Audi virtual cockpit plus integralmente digitale in cui il conducente può scegliere fra tre visualizzazioni e gestire le opzioni mostrate dal display Full HD da 12,3 pollici grazie ai comandi del volante multifunzione. L’head-up display, a richiesta, proietta le informazioni direttamente all’interno del campo visivo del conducente.

 

Grazie al collegamento tipico del nuovo sistema MMI, Audi Q5 replica in abitacolo l’intuitività degli smartphone. Il display TFT ad alta risoluzione da 10,1 pollici, di serie, ha una grafica chiara ed essenziale, mentre la struttura dei menu semplifica la navigazione.

La ricerca MMI è basata sull’immissione di testo libero i cui risultati vengono forniti in tempi estremamente ridotti mentre il comando vocale riconosce le espressioni di uso comune e – optando per il pacchetto Audi connect navigazione & infotainment plus – risponde alle domande non solo sulla base delle informazioni presenti a bordo, ma anche sfruttando le conoscenze presenti nel cloud. Inoltre l’integrazione delle informazioni online migliora il grado di riconoscimento delle indicazioni e la qualità dei risultati.

Il portfolio Audi connect e Audi connect plus include molteplici servizi online, compresa la connettività Car-to-X che sfrutta l’intelligenza collettiva della flotta Audi. Le vetture condividono le informazioni in merito all’entrata e uscita dai parcheggi, fornendo stime in merito ai posti liberi disponibili, agli avvisi di pericolo, ad esempio la presenza di nebbia o ghiaccio, e ai limiti di velocità. A queste funzioni si aggiungono le informazioni sui semafori.

La navigazione di nuova Audi Q5 si avvale delle immagini satellitari ad alta risoluzione di Google Earth e dei modelli tridimensionali di numerose metropoli europee. La radio digitale DAB+ è di serie, mentre l’assistente vocale Amazon Alexa, basato sul cloud, è integrato nel sistema di comando MMI e consente al conducente di accedere alle molteplici funzionalità e ai medesimi servizi Amazon disponibili da casa o attraverso i dispositivi abilitati.

L’app myAudi collega lo smartphone del Cliente all’auto e sei diversi profili utente consentono di organizzare e salvare le impostazioni personalizzate spaziando dalla posizione del sedile alla climatizzazione, dalle destinazioni di navigazione più frequenti ai media preferiti.

Assetto

Questa nuova Audi Q5 è dotata di sospensioni a cinque bracci sia all’avantreno sia al retrotreno mentre lo sterzo dinamico a servoassistenza e demoltiplicazione variabili è disponibile a richiesta.

All’assetto in configurazione di serie si affiancano la versione sportiva e l’opzione con ammortizzatori regolabili.

Top di gamma le sospensioni pneumatiche adattive «adaptive air suspension» che consentono la regolazione dell’altezza da terra della vettura su cinque livelli; inoltre solamente chi opta per queste sospensioni pneumatiche potrà usufruire dei setup allroad e offroad.

Entrambi gli assetti regolabili sono integrati nel sistema di gestione della dinamica di marcia Audi drive select, i cui 7 programmi di guida incidono anche sulla taratura di sterzo e trasmissione nonché sull’erogazione della potenza.

Il sistema di assistenza alla discesa viene attivato con la semplice pressione di un pulsante e mantiene costante la velocità impostata. Di serie, nuova Audi Q5 adotta cerchi in lega da 18 pollici mentre come optional sono disponibili misure da 20 e 21 pollici.

ADAS

La gamma di sistemi di assistenza alla guida della nuova Q5 è decisamente ampia: partendo dall’Audi pre sense city di serie (che scongiura le collisioni con gli altri utenti della strada attivando segnalazioni acustiche, tattili e visive e quindi la frenata automatica) si passa a tecnologie a richiesta tra le quali spiccano l’assistente alla svolta, l’avviso di uscita e il Collision avoid assist che assiste il guidatore nell’evitare un ostacolo individuando una traiettoria alternativa in funzione della distanza, degli ingombri e dello scarto trasversale del veicolo che precede. In questo caso, a una frenata mirata si accompagna una ridotta coppia sterzante per agevolare la schivata.

L’assistenza adattiva alla guida combina le funzioni dell’adaptive cruise control, del traffic jam assist e dell’active lane assist: supporta il conducente regolando automaticamente la distanza dal veicolo che precede e contribuendo, mediante lievi interventi correttivi allo sterzo, a mantenere direzionalità e centralità all’interno della corsia.

Il predictive efficiency assistant, infine, fornisce le indicazioni per uno stile di guida efficiente e votato al contenimento dei consumi.

Elettrificazione

Nuova Audi Q5 debutta in Europa nella configurazione 2.0 (40) TDI quattro S tronic (consumi nel ciclo combinato WLTP* di 6,3/6,9 litri ogni 100 chilometri ed emissioni di CO2 di 165/182 grammi/km – 139/143 grammi/km NEDC).

Il motore Diesel a quattro cilindri eroga 204 CV e 400 Nm di coppia. Il basamento in alluminio pesa 20 kg in meno rispetto al motore del precedente modello, mentre l’albero motore è alleggerito di 2,5 kg.

Questo motore Diesel non è solo efficiente, ma anche pulito: rientra nei valori limite previsti dalla più recente normativa antinquinamento Euro6d-ISC-FCM (WLTP 3.0). Un obiettivo cui concorre il nuovo sistema SCR twin-dosing con doppia iniezione d’urea, particolarmente funzionale per l’abbattimento degli ossidi di azoto (NOx). La soluzione a base di urea, nello specifico, viene iniettata a monte dei due catalizzatori SCR disposti in serie.

La tecnologia mild-hybrid a 12 volt può ridurre i consumi di carburante fino a 0,3 litri ogni 100 km. Cuore del sistema è l’alternatore-starter azionato a cinghia (RSG) collegato all’albero motore che, nelle fasi di decelerazione, è in grado di recuperare sino a 5 kW di potenza.

Questa energia viene immagazzinata nella specifica batteria agli ioni di litio, da cui viene successivamente veicolata ai dispositivi integrati nella rete di bordo.

Quando il conducente rilascia il pedale dell’acceleratore in un range di velocità compreso tra 55 e 160 km/h, Audi Q5 2.0 (40) TDI quattro S tronic MHEV 12V può avanzare per inerzia (veleggiare) a motore acceso o spento.

Il campo d’azione del sistema start/stop risulta ampliato sino a 22 km/h e la riaccensione del propulsore avviene in modo particolarmente rapido e pressoché impercettibile.

Audi Q5 2.0 (40) TDI adotta il cambio a doppia frizione S tronic a sette rapporti e la trazione integrale quattro con tecnologia ultra. La catena cinematica opera in modo particolarmente efficiente, attivando la ripartizione della coppia al retrotreno solo quando necessario e seguendo una logica d’intervento sia reattiva sia predittiva. In termini di motricità e comportamento dinamico non viene rilevata alcuna differenza rispetto ai sistemi permanenti.

Audi Q5 2.0 (40) TDI quattro S tronic raggiunge i 100 km/h da fermo in 7,6 secondi e raggiunge una velocità massima di 222 km/h.

La gamma Q5

Al lancio, ad Audi Q5 è dedicato l’esclusivo pacchetto edition one. Gli esterni si basano sulla variante S line integrata dal pacchetto look nero e da dettagli sportivi quali i loghi Audi dalla finitura total black al frontale, al retrotreno e lungo le portiere posteriori, i mancorrenti al tetto e le calotte dei retrovisivi esterni anch’essi in nero nonché i listelli sottoporta in carbonio. All’apertura delle portiere, vengono proiettati a terra gli anelli Audi.

Il pacchetto include le pinze freno rosse, i cerchi in lega da 20 pollici e i sedili sportivi.

Oltre alle nuove tinte district green e ultra blue, sono disponibili i colori carrozzeria bianco ghiaccio e nero mythos.

Successivamente al lancio, la gamma di nuova Audi Q5 si amplierà grazie al debutto di due ulteriori step di potenza del motore TDI a 4 cilindri, di un possente V6 TDI MHEV 48V e di due propulsori 2.0 TFSI MHEV 12V. Confermata la disponibilità della variante ibrida plug-in TFSI e, offerta con due livelli di potenza.

Il SUV dei quattro anelli raggiungerà le Concessionarie italiane nel corso del quarto trimestre del 2020.

[ Redazione Motori360 ]

Print Friendly, PDF & Email