Home > Automotive > Hyundai e Kia sviluppano il primo ICT Connected Shift System al mondo

Hyundai e Kia sviluppano il primo ICT Connected Shift System al mondo

Il sistema di controllo predittivo del cambio proprio di questa tecnologia gestisce il cambio automatico in base alle condizioni della strada e del traffico; previsti ulteriori sviluppi

 

Hyundai e Kia hanno sviluppato primi al mondo l’ICT Connected Shift System ovvero un «dispositivo» che permette al veicolo di selezionare automaticamente la marcia ottimale in funzione delle condizioni della strada e del traffico mentre gli attuali cambi automatici rimettono la tipologia di guida alla scelta dei conducenti.

 

L’ICT Connected Shift System

Il dispositivo utilizza un software intelligente nella Transmission Control Unit (TCU) che raccoglie e interpreta in tempo reale gli input provenienti da altre tecnologie presenti a bordo, compresa la navigazione 3D, dotata di una mappa stradale molto precisa, e telecamere e radar per lo smart cruise control. Le informazioni ricevute dal sistema di navigazione 3D includono l’altitudine, la pendenza, il raggio di curvatura, i diversi eventi stradali e le condizioni del traffico in tempo reale. Il radar rileva la velocità e la distanza tra il veicolo e le altre vetture che lo precedono, mentre la telecamera frontale fornisce informazioni sulla corsia di marcia impegnata.

Utilizzando tutti questi input, la TCU prevede in tempo reale – attraverso un algoritmo di intelligenza artificiale – lo scenario ottimale per le diverse situazioni di guida e cambia le marce di conseguenza. Ad esempio, quando viene previsto un lungo rallentamento e il radar non rileva alcuna irregolarità nella velocità dell’auto che precede il veicolo, la frizione passa temporaneamente in folle per migliorare l’efficienza e abbassare il consumo di carburante.

I test condotti da Hyundai e Kia su una strada tortuosa hanno dimostrato una riduzione dei cambi marcia durante le curve di circa il 43% rispetto ai veicoli non equipaggiati con l’ICT Connected Shift System. Anche la frequenza di utilizzo del freno è risultata inferiore dell’11%, dimostrando che l’ICT Connected Shift System può aiutare a minimizzare la fatica alla guida e l’usura dei freni.

Quando il sistema valuta come necessaria un’accelerazione per immettersi in autostrada, la modalità di guida viene automaticamente cambiata a «Sport» in modo da velocizzare l’immissione stessa per poi tornare automaticamente alla modalità di guida precedente, garantendo così una guida sicura ed efficiente.

Inoltre, qualora vengano rilevati dossi, discese e diminuzioni del limite di velocità sulla strada, il sistema aziona automaticamente il freno motore al rilascio del pedale dell’acceleratore.

Le variazioni di distanza dalla vettura che precede il veicolo vengono rilevate dal radar anteriore che le trasmette all’ICT permettendogli così di selezionare automaticamente la marcia più appropriata, migliorando così la qualità di guida.

ICT Connected Shift System è inoltre in linea con la tecnologia di guida autonoma, che si evolve giorno dopo giorno. Nell’era dei veicoli a guida autonoma, il sistema garantirà sia una migliore efficienza nei consumi, sia un’esperienza a bordo più confortevole, fornendo risposte in tempo reale alle condizioni della strada e del traffico.

Hyundai e Kia intendono evolvere l’ICT Connected Shift System in modo da ottenere una tecnologia di trasmissione ancora più intelligente, in grado di comunicare con la segnaletica stradale attraverso reti LTE o 5G e di identificare le attitudini dei conducenti per un ulteriore affinamento nella gestione del cambio.

A tale riguardo Byeong Wook Jeon, Head di Intelligent Drivetrain Control Research Lab ha dichiarato: “I veicoli si stanno evolvendo trasformandosi da semplici dispositivi per gli spostamenti a soluzioni di mobilità smart. Attraverso gli sforzi di integrazione ICT e tecnologie di intelligenza artificiale, anche un contenuto tradizionale dell’automobile come il powertrain sta diventando una componente high-tech ottimizzata per la smart mobility del futuro”.

Hyundai e Kia – che durante lo sviluppo del sistema hanno depositato circa 40 importanti brevetti in Corea del Sud e in altri Paesi – stanno pianificando l’applicazione di questa tecnologia anche sui futuri veicoli del gruppo coreano.

 

[ Redazione Motori360 ]

Print Friendly, PDF & Email