Home > Automotive > Attualità > Peugeot 304 festeggia i suoi primi 50 anni al Salone Auto e Moto d’Epoca di Padova

Peugeot 304 festeggia i suoi primi 50 anni al Salone Auto e Moto d’Epoca di Padova

Pininfarina firmò la berlina ma l’auto venne prodotta anche nelle versioni Break, Coupé e Cabriolet

Alla fine degli anni ‘60 Peugeot produceva l’ormai obsoleta 404 e la nuova 204: i tempi erano maturi per una versione intermedia e questo ruolo spettò alla 304 che debuttò nell’ottobre del 1969 al «Salon de L’Auto» di Parigi.

La 304 venne realizzata sulla piattaforma della 204 (comunque in produzione fino al 1976), ridisegnando il frontale con nuovi fari trapezoidali, riconoscibili come autenticamente Peugeot, mentre la coda veniva allungata per aumentare la capacità del bagagliaio.

La linea della versione berlina era firmata da Pininfarina ed il modello riscosse un buon successo anche in Italia, grazie alla versatilità delle versioni offerte (Berlina, Break e, dal marzo del 1970, Coupé e Cabriolet). Il modello viene prodotto dal settembre 1969 al marzo 1979 in 1.178.423 esemplari, numeri che ne confermano il successo commerciale.

La 304 disponeva di motori 4 cilindri benzina da 1.288 cc da 65 o 75 cv (versione «S»), Diesel 1.357 cc. o 1.548 cc. da 45 o 47 cv, cambio 4 marce, peso 1.007-1.335 kg e velocità 130-160 km/h ne completano il profilo descrittivo. 

La 304 Cabriolet e Coupé

Le versioni Cabriolet e Coupé hanno sempre fatto parte della storia della Casa del Leone ed infatti tali versioni della 404 vennero seguite da quelle della 204, successivamente della 304, per continuare con le 504, le 205 e le 406 coupé.

In particolare queste cabriolet esprimevano – ed ancora oggi lo fanno – un concetto originale di turismo all’aria aperta: mentre le italiane fanno leva sulle prestazioni e le inglesi puntano sul minimalismo, la 304 offre una meccanica collaudata, un grande baule e confort di marcia elevato.

La 304 Coupé era una vettura d’avanguardia: una delle prime 3 porte che non soddisfaceva solo un bisogno utilitaristico di trasporto, ma privilegiava l’estetica, coniugando una linea elegante alla funzionalità del portellone posteriore scostandosi quindi dal canone della coupé sportiva e leggera per inventare la coupé elegante, confortevole e funzionale: scelta particolarmente apprezzata allora dal pubblico dell’epoca.

La 304 Cabriolet invece, segue una logica diversa: non vanta prestazioni sportive ma offre in cambio un bagagliaio decisamente capiente, sospensioni confortevoli ed un motore economico e affidabile e, sin dall’esordio, di un hard-top particolarmente riuscito per la versione Cabriolet che si trasformava così in una specie di coupé sportivo per la stagione invernale.

Nel luglio del 1975 le 304 Coupé e Cabriolet escono di produzione e, con il passare del tempo, diventano anche grazie alla loro rarità, particolarmente ambite dai collezionisti dei modelli del Leone.

Le 304 Coupé e 304 Cabriolet vennero rispettivamente prodotte in 60.186 esemplari (di cui 10.067 esportati) e 8.647 esemplari (di cui 7.109 esportati).

I motori delle versioni 304 Coupé e 304 Cabriolet: il motore nella versione normale (XL3) era un 4 cilindri in linea con alesaggio di 76 mm, corsa di 71 mm e cilindrata di 1.298 cc. La testata era in alluminio con camere bi-emisferiche e un rapporto di compressione di 8,8/1. Il blocco cilindri era ugualmente in alluminio con camicie amovibili, e l’albero motore era su 5 supporti. L’alimentazione si basava su un carburatore monocorpo (XL3) o doppio corpo (XL3S); la potenza passa dai 65 cv a 6.000 giri (XL3) ai 71 cv a 6.000 giri (XL3S), la coppia è di 9,6 kgm a 3.700 giri (XL3) o 10,3 kgm a 4.500 giri (XL3S).

La 304 Berlina e Break

La 304 debutta in versione Berlina, riconoscibile nella versione originale dai fari posteriori sdoppiati e, ovviamente, dalle quattro porte con carrozzeria tre volumi in linea con il gusto e le richieste del momento.

Nel 1970 esordì la Peugeot 304 Break, che con la sua forma da wagon anticipò le richieste di un mercato non ancora maturo rimanendo in listino fino al termine della carriera del progetto 304.

 

https://www.youtube.com/watch?v=v630hECbeJI

 

Club Storico Peugeot Italia

Il Club Storico Peugeot Italia festeggia i 21 anni dalla fondazione, avvenuta nel 1998. Nasce dall’iniziativa di alcuni soci con il supporto di Peugeot Automobili Italia e lo scopo è quello di sostenere tutti gli appassionati delle Peugeot di interesse storico e collezionistico presenti in Italia.

A partire dall’anno 2000 il Club è federato A.S.I. e associato a L’Aventure Peugeot. I soci del Club Storico Peugeot Italia sono quindi anche soci de L’Aventure Peugeot. 

[ Redazione Motori360 ]

Print Friendly, PDF & Email