Home > Mare > Benetti ultima creazione: il M/Y «METIS» da 63 metri

Benetti ultima creazione: il M/Y «METIS» da 63 metri

Scafo in acciaio, sovrastruttura in alluminio, 5 ponti, palestra personalizzata, appartamento armatoriale da 160 mq e terrazza esterna, piattaforma touch-and-go per l’elicottero

La realizzazione di questa imponente barca scaturisce dal continuo dialogo tra l’armatore, coinvolto in prima persona nella progettazione di questo elegante superyacht, e i tecnici che hanno recepito e fatte loro le sue esigenze realizzando un unicum nell’elitario segmento dei megayacht che pur caratterizzato da un design minimale, mostra tutto il DNA Benetti, esaltato dalla lunga prua che termina con un dritto verticale decisamente aggressivo.

Gli esterni

Lungo 63 metri, con un baglio di 10,60 metri, un pescaggio pari a 3,1 metri, 5 ponti ed una stazza lorda di 1.245 tonnellate, questo Custom dallo  scafo in acciaio e sovrastruttura in alluminio, avrebbe potuto giustificatamente avere un aspetto meno leggero, cosa che Giorgio M. Cassetta e Kurt Lehmann – che lo hanno disegnato a quattro mani – sono riusciti ad evitare dissimulando la grande massa dietro linee fluenti e belle proporzioni; in altre parole l’ennesima bella realizzazione dei cantieri Benetti e l’ennesima dimostrazione dell’eccellenza del Made in Italy.

Molto bella poi la lunga prua con l’imponente ed aggressivo dritto verticale, che in qualche modo ricorda quello di alcuni scafi militari dei primi anni del ‘900.

Il Bridge Deck, ombreggiato dal Fly Deck, ospita le funzioni di comando e governo ossia la pilot house dotata di due tavoli per il carteggio e la cabina del comandante con bagno privato.

Gli spazi esterni sono stati progettati per poter far vivere al meglio i momenti all’aperto grazie all’ampia zona relax dotata di Jacuzzi, prendisole, frigo bar, macchina per il ghiaccio ed il performante bbq teppan, che consente agli ospiti di consumare le pietanze direttamente dal piano cottura, qualcosa di molto simile al teppanyaki dove il cliente consuma le pietanze preparate su tale piastra di fronte allo chef.

L’Upper Deck, confinante con l’area lounge interna, ospita grandi spazi outdoor con un tavolo da pranzo rotondo e un’altra zona relax mentre a poppa uno spazio lounge esterno è arredato con tavolo da pranzo, bar, Jacuzzi e zona prendisole.

Gli spazi interni

Per gli interni, lo studio londinese Bannenberg & Rowell ha progettato un particolare layout asimmetrico in base al quale il beach club, il salone principale sul Main Deck e l’area lounge dell’Upper Deck (con pianoforte a coda e angolo bar) risultano ruotati di circa 30 gradi rispetto alle configurazioni tradizionali in modo da dare vista panoramica verso l’esterno.

Sempre l’Upper Deck ospita il luminoso appartamento da 162 mq riservato all’armatore, posto in posizione assolutamente panoramica grazie alle finestrature che lo circondano quasi interamente, le cui finiture sono in legno di rovere sbiancato, carbonio ed acciaio lucido abbinate a marmo Calacatta e marmo Coffee Brown; il tutto è completato da due bagni con relative cabine armadio, una spaziosa zona giorno con divano e televisore ed una bellissima terrazza esterna a livello di 55 mq con  helipad touch and go.

Il Fly Deck ospita un’altra «chicca» sulla quale vale soffermarsi: la palestra personalizzata richiesta dall’armatore quando la barca era già in stato avanzato di lavorazione; dando prova di flessibilità e grande capacità progettuale Giorgio M. Cassetta e Kurt Lehmann, Presidente di Yacht Moments, sono riusciti a tradurre tale desiderio in pratica realizzando la palestra, dotandola inoltre di porte scorrevoli di prua e di poppa che annullano qualsiasi limite alla visuale mentre le vetrate laterali di colore scuro garantiscono grande privacy garantendo nel contempo la visuale esterna.

Il Main Deck, oltre al salone con zona relax, tavolo da backgammon e un’area pranzo con un lungo tavolo rettangolare, accoglie un’area giochi dedicata ai bambini, una cabina doppia con bagno a loro dedicata ed un’altra cabina per la baby-sitter; il complesso dispone anche di un piccolo salottino con poltrone e un terrazzino privato che si affaccia sul mare.

Il Lower Deck, accoglie 4 ampie cabine ospiti, una zona equipaggio e cabine per 12 persone ed il raffinato beach club & cabana che con le due terrazze laterali apribili che si aggiungono alla piattaforma di poppa, trasforma l’area in un originale ed amplissimo salotto sul mare.

Più a prua, il garage in grado di ospitare un tender di 7,5 metri e 2 jetski da cui si entra ed esce tramite un portellone laterale a quasi due metri dal livello del mare. L’insolita posizione è stata studiata per facilitare le operazioni di sbarco/imbarco.

Al décor degli interni ha collaborato lo studio tedesco Birgit Otte Interior.

Propulsione

La motorizzazione è affidata ad una coppia di Mtu 12V da 1.380 kW di potenza che consentono una velocità massima di 16 nodi, mentre il valore dell’autonomia, a 12 nodi di andatura, è di 5.000 miglia nautiche.

 [ Giovanni Notaro ]

 

Specifiche tecniche

 Lunghezza: 63 m

Larghezza max: 10,60 m

Immersione massima: 3,1 m

Scafo e Sovrastruttura: acciaio e alluminio

Dislocamento a pieno carico: 1,100 tons

Capacità casse combustibile: 115.000 lt

Capacità cassa acqua: 24.000 lt.

Cabine armatore e ospiti: 7 per 13 persone

Cabine equipaggio: 9 per 13 persone

Motori principali: 2x MTU 12V4.000M53 – 1.380 kW

Generatori: 3x Caterpillar C6.6 – 143ekW + 1x EDG Caterpillar C4.4 – 86ekW

Elica di prua: Elettrica 200 kW

Stabilizzatori: Naiad Dynamics

Velocità massima: 16 nodi

Autonomia a 12 nodi: 5.000 Nm

Classificazione Lloyd Register: LY3 compliant

Costruttore: Benetti Shipyard

Architettura Navale: Benetti Shipyard

Concept + Designer esterni: Giorgio M. Cassetta

Designer interni: Bannenberg & Rowell Design

Décor interni: Bannenberg & Rowell Design in collaborazione con with Birgit Otte Interior

 

Print Friendly, PDF & Email