Home > Automotive > Toyota al “Drive ‘n’ Ride” di Strasburgo

Toyota al “Drive ‘n’ Ride” di Strasburgo

Presentati alla quinta edizione della manifestazione francese sui veicoli elettrici con celle a combustibile i prototipi Toyota FCV-R e FCHV-adv. Ma diverse altre le presenze in abito verde…

  • toyota-drive-nride-idrogeno-1
  • toyota-drive-nride-idrogeno-2
  • toyota-drive-nride-idrogeno-3
  • toyota-drive-nride-idrogeno-4
  • toyota-drive-nride-idrogeno-5
  • toyota-drive-nride-idrogeno-6
  • toyota-drive-nride-idrogeno-7
  • toyota-drive-nride-idrogeno

Si è tenuta a Strasburgo per il quinto anno consecutivo la “Drive ‘n’ Ride”, a dimostrazione del crescente interesse suscitato da questo tipo di veicoli
All’evento, organizzato per dimostrare la possibilità reale di diffusione dei veicoli elettrici funzionanti a idrogeno, non poteva mancare Toyota che ha fatto dello sviluppo e della diffusione della tecnologia delle celle a combustibile, uno dei suoi più importanti obiettivi di medio termine in tema di Eco Car; Michel Gardel, Vice Presidente Communications, External and Environment Affairs di Toyota Motor Europe, ha infatti dichiarato che “Toyota resta in prima linea da oltre 20 anni nella ricerca di una soluzione sostenibile alla questione dei trasporti, in particolar modo nel settore delle celle a combustibile. Attualmente stiamo lavorando alla commercializzazione, prevista entro il 2015, di un nuovo veicolo equipaggiato con questa tecnologia”.

Iniziative in nord Europa

Toyota, impegnata quindi attivamente nella ricerca di soluzioni sostenibili al problema della fornitura energetica e delle emissioni carboniche dovute al trasporto su gomma, sostiene attivamente specifiche iniziative in Germania, Scandinavia e Regno Unito proprio allo scopo di facilitare l’introduzione e la diffusione dei veicoli elettrici con celle a combustibile ben sapendo che il principale scoglio da superare oggi non è tanto quello delle complessità tecniche relative al mezzo di trasporto, quanto quello relativo al network distributivo del combustibile.

50 stazioni di idrogeno nel 2015

Guardando alla realtà (ovvero all’assoluta marginalità degli impianti esistenti) si debbono sfidare e superare i problemi (normativa, sicurezza, capillarità, costi) connessi alla realizzazione di un’infrastruttura per la ricarica di questa particolare tipologia di veicoli. Per fare un esempio, Francia, Paesi Bassi ed altri paesi europei stanno a tutt’oggi analizzando il potenziale dell’idrogeno come soluzione alla mobilità sostenibile, mentre la Germania ha già annunciato che il numero delle stazioni disponibili dovrebbe entro il 2015 raggiungere le 50 unità contro le attuali 14.
L’evento di Strasburgo, al quale erano presenti Toyota, Daimler, Honda, Hyundai, Intelligent Energy ed Opel, è stato visitato da diversi membri del Parlamento Europeo, politici e investitori che, oltre a rendersi direttamente conto delle modalità di “rifornimento” presso la prima stazione mobile della Air Liquide della Città di Strasburgo, hanno avuto modo di provare sei diversi modelli di veicoli elettrici equipaggiati con celle a combustibile.

Un’opportunità europea

L’eurodeputato Brian Simpson – Capo della Commissione per il Trasporto e il Turismo del Parlamento Europeo – nel corso della sua visita ha così commentato: “Il futuro dei trasporti in Europa rappresenta una delle principali voci presenti nell’agenda del Parlamento Europeo. Dobbiamo trovare soluzioni differenti per rendere il sistema dei trasporti più sostenibile e responsabile, contribuendo allo stesso tempo alla crescita economica del nostro continente. Lo sviluppo di tecnologie pulite ed efficienti è un fattore indispensabile per risolvere il problema delle emissioni. L’Europa non può permettersi di lasciarsi sfuggire una opportunità simile”.

Redazione Motori360

 

Prototipo Toyota FCV-R

Presentata per la prima volta al 42° Salone di Tokyo,  la Toyota FCV-R concept, prefigura un veicolo a idrogeno che potrebbe essere commercializzato già a partire dal 2015.Lunga 4,75 metri, la FCV-R è una quattro posti secchi con motore elettrico alimentato da un pacco di celle a combustibile (collegato a un serbatoio pressurizzato a 70 MPa) collocato nel sottoscocca il che contribuisce ad abbassare il baricentro; l’autonomia complessiva, dichiarata in 700

km, unita all’esistenza di un ampio bagagliaio, fanno capire come questo prototipo rappresenti quel salto di qualità progettuale e pratica che permetterà di mettere a disposizione del potenziale utente un long-runner eco-compatibile in grado di coprire le grandi distanze oggi appannaggio solamente dei mezzi tradizionalmente propulsi.

VIDEO  Toyota FCV-R – introduction video

http://www.youtube.com/watch?v=K2Ah2cfg3iY

Toyota FCHV-adv

Toyota ha iniziato a lavorare sulle tecnologia FCHV sin dal 1992 sviluppando in house sia le celle combustibili a idrogeno e sia i serbatoi ad alta pressione; dal 2002 è passata allo sviluppo del prototipo FCHV, testato sperimentalmente da alcune flotte in Giappone e negli USA, dotato di un sistema di propulsione ispirato a quello – Hybrid Sinergy Drive – della Prius, nel quale il sistema Fuel Cell sostituisce l’unità endotermica e si avvale di batterie al Nickel operanti in parallelo. Il FCHV-adv – ultima evoluzione del prototipo – ha una potenza ed una coppia massima rispettivamente di 90 Kw e 270 Nm, assicurando nel contempo una riduzione dei consumi di idrogeno del 25% . Altro punto a favore di Toyota è la totale affidabilità della vettura anche a -30 gradi Celsius, con un netto miglioramento delle prestazioni a temperature rigide.  Se si considera la nota sensibilità delle batterie al freddo, questa acquisita affidabilità diverrà un vero e proprio punto di forza della vettura la cui commercializzazione è prevista per il 2015, ad un listino “contenuto” in circa 50.000 Dollari e questo grazie al fatto che i costi di produzione della nuova tecnologia sono stati abbattuti del 90%

Print Friendly, PDF & Email