Home > Automotive > 4x4 > Fiat Panda 4X4, mini fuoristrada ma a che prezzo?

Fiat Panda 4X4, mini fuoristrada ma a che prezzo?

La nuova versione della piccola integrale torinese se la cava bene in off-road, ma costa quanto una Golf…

  • nuova-fiat-panda-4x4-1
  • nuova-fiat-panda-4x4-2
  • nuova-fiat-panda-4x4-3
  • nuova-fiat-panda-4x4-4
  • nuova-fiat-panda-4x4-5
  • nuova-fiat-panda-4x4-6
  • nuova-fiat-panda-4x4-7
  • nuova-fiat-panda-4x4-8
  • nuova-fiat-panda-4x4-9
  • nuova-fiat-panda-4x4

 

Ha sempre avuto una sua clientela affezionata, la Panda 4X4. Specie la gloriosa prima serie, quella che andava ovunque senza fermarsi mai, spartana sì ma anche economica. La nuova, invece, si è fatta più raffinata meccanicamente, ma il prezzo, come vedremo è lievitato e di molto. Rispetto al modello “standard” è più alta di 47 millimetri ha la scritta 4X4 incisa sulle protezioni delle fiancate, i paraurti, con inserti alluminio e un’adeguata protezione del sottoscocca, mentre le ruote hanno pneumatici M+S Winter 175/65 con cerchio da 15 pollici.

Ha gli angoli giusti

Dentro è quasi del tutto identica alla Panda due ruote motrici, cambiano le colorazioni degli interni e la presenza di un cassettino in più. Il rialzo di 4,7 cm, ha portato un’altezza da terra di 16 centimetri e angoli di attacco da 21, dosso da 20 e uscita addirittura 36 (complice il ridotto sbalzo posteriore). Ha le sospensioni anteriori indipendenti e le posteriori interconnesse con tanto di ponte torcente. Un giunto viscoso elettroidraulico distribuisce la trazione sui due assi, in base all’input che gli viene dato dalle ruote, ma in condizioni normali la potenza è trasmessa dalle ruote anteriori. Di serie l’Esp con sistema ELD in grado di frenare le ruote che slittano, ma manca la funzione di bloccaggio della trazione con ripartizione 50:50 su entrambi gli assi, quella che serve per scendere da una discesa con fondo viscido rimanendo dritti.

Occhio al listino

Due i propulsori disponibili: il TwinAir Turbo da 85 cavalli con cambio manuale a sei marce, capace di uno 0-100 in 12,1 secondi, con un consumo di 4,9 l/100 km e il Multijet 1.3 da 75 cavalli, con cambio a cinque marce, più lenta di due secondi in accelerazione, ma meno assetata di 0,2 litri per 100 km rispetto al benzina. Il prezzo base è 16.950 per la Panda 4X4 TwinAir Turbo e 17.650 euro per la Panda 4X4 Multijet, troppi, se consideriamo che la specialistica Suzuki Jimny parte da poco più di 14.000 euro ed è un fuoristrada a tutti gli effetti. Allo stesso prezzo della Panda 4X4 c’è anche l’originale Nissan Juke, che col 1.6 aspirato ha due ruote motrici, ma un motore più potente, dotazioni migliori e appartiene ad una categoria superiore. Discorso analogo per la Skoda Yeti, mentre il paragone diventa impietoso nei confronti della Dacia Duster, la cui versione 4X4 parte da 14.800 euro.

Redazione Motori360

Print Friendly, PDF & Email