Home > Automotive > Nuova Hyundai Tucson: ai vantaggi del SUV aggiunti quelli dell’ibrido

Nuova Hyundai Tucson: ai vantaggi del SUV aggiunti quelli dell’ibrido

La gamma di motorizzazioni della Nuova Hyunday Tucson si arricchisce con una versione ibrida con tecnologia Mild Hybrid a 48V

Motori360-Hyundai-Tucson-MildHybrid-int

Negli ultimi 3 anni, Tucson è stata scelta da oltre 66.000 italiani, un successo che la Casa coreana intende ulteriormente estendere con l’introduzione della nuova versione 48V Mild Hybrid omologata 100% ibrida.

hyundai-tucson-3-Da aprile è già possibile acquistare in Italia la Nuova Hyundai Tucson in versione Ibrida con sistema Mild Hybrid a 48V. Questa tecnologia, oltre a diminuire fino all’11% i consumi e le emissioni di CO2 nel ciclo urbano, permette di accedere alle zone a traffico limitato di molte città e di ottenere agevolazioni fiscali.

Il nuovo sistema ibrido di Hyundai è disponibile con 2 motorizzazioni diesel entrambi Euro6d Temp; il 2.0 CRDi da 185 cv con cambio automatico doppia frizione a 7 rapporti e trazione integrale ed il 1.6 CRDi da 136 cv con cambio sia manuale che automatico entrambi abbinabili alla trazione anteriore oppure integrale.

hyundai-tucson-4-

Come funziona il Mild Hybrid di Hyundai

L’auto è dotata di una batteria Li-po (litio-ione-polimero) a 48 volt, un Mild Hybrid Starter Generator (MHSG) e un LDC (Low Voltage Converter DC/DC) per convertire i 48V nei tradizionali 12V per servire altri apparati del veicolo. La batteria da 0,44 kWh e 48V è posizionata sotto al vano bagagli, mentre il MHSG è collegato attraverso una cinghia direttamente all’albero motore, generando energia cinetica per 12 kW e 55 Nm di coppia al proprio albero. Il sistema supporta il motore a combustione durante le accelerazioni e nelle fasi di accensione e ri-accensione dovute allo start-stop. Il motorino di avviamento convenzionale a 12V viene utilizzato solamente per le prime accensioni, quando l’olio del motore ancora freddo richiede maggiore coppia per l’avviamento. Altra caratteristica del Mild Hybrid di Hyundai è l’estensione fino a 30 km/h della funzione start-stop, in pratica decelerando al di sotto di questa velocità il motore si spegne completamente (con cambio manuale il motore si spegne solo con marcia in folle). Naturalmente, come ogni ibrida che si rispetti, non mancano i sistemi per il recupero dell’energia in fase di frenata o decelerazione.

Quanto costa?

La Nuova Tucson Hybrid è disponibile nell’allestimento XPrime che include molti accessori di serie come il sistema keyless, cerchi in lega da 18”, luci posteriori a LED, vetri oscurati, sensori di parcheggio posteriori, molti sistemi di guida assistita, navigatore satellitare con display touchscreen da 8″ con retrocamera e la possibilità di collegare lo smartphone con Apple CarPlay o Android Auto. La Tucson 1.6 CRDi48V XPrime, comprensiva del Techno Pack (caricatore wireless e sistema audio Krell Premium ad 8 canali con subwoofer e amplificatore esterno), costa 27.150 euro compreso lo sconto di 600 euro incluso nell’offerta lancio. Al prezzo è possibile togliere altri 4.600 euro in caso di permuta e rottamazione di un’altra auto e di adesione all’Operazione Doppio Zero dove a fronte di un anticipo di 11.060 euro (con polizza Furto e Incendio compresa) è previsto un finanziamento di due anni con zero rate e a interessi zero (TAN 0,00% –TAEG 1,15%). Al termine dei due anni il cliente può decidere se tenere, sostituire o restituire la vettura.

Per dare l’opportunità di conoscere da vicino la Nuova Tucson Hybrid è previsto un open week-end nelle giornate del 13-14 aprile: durante il porte aperte sarà possibile provare il primo SUV ibrido Hyundai anche nella nuova versione N-Line, una combinazione unica tra versatilità per tutta la famiglia e carattere sportivo tipico del brand N di Hyundai, che contraddistingue la versione dal punto di vista del design interno ed esterno.

[ Gianni Heidelberg ]

hyundai-tucson-2-

Print Friendly, PDF & Email