Home > Cielo > All Nippon Airways riceve il primo A380

All Nippon Airways riceve il primo A380

La All Nippon Airways riceve il suo primo A380, diventando il 15° vettore ad utilizzarlo. Sarà in piena operatività dal 24 maggio

First-ANA-A380-in-flight

Durante una cerimonia svoltasi a Tolosa dove erano presenti Shinya Katanozaka (CEO di ANA HOLDINGS) e Tom Enders (CEO di Airbus), la All Nippon Airways (ANA) ha preso in consegna il suo primo Airbus A380. Questo è il primo dei tre ordinati dalla compagnia che saranno in volo dal 24 maggio sulle rotte che collegano Tokyo Narita a Honolulu.

Gli A380 di ANA si fregeranno di una livrea raffigurante la tartaruga marina hawaiana, conosciuta con il nome di Honu. I tre aeromobili avranno una capacità di 520 posti divisi nella seguente configurazione: sul ponte superiore troviamo otto suite in Prima Classe, 56 poltrone in Classe Business convertibili in letti e 73 poltrone in Classe Premium Economy; mentre sul ponte principale trova posto la classe Economy con 383 posti di cui 60 poltrone Couch.

First-A380-ANA-MSN262-delivery-ceremony-

Qualche dato

L’Airbus A380 è l’aereo di linea più grande al mondo, in grado di trasportare 853 passeggeri in configurazione a singola classe. Attualmente gli A380 in servizio sono 232 presso 15 compagnie aeree diverse, tra queste l’Emirates è l’utilizzatore principale con 109 velivoli. Nato per far concorrenza a Boeing 747 e 777, è il primo aereo ad avere 2 piani che si estendono per l’intera lunghezza. Inoltre, il superjumbo è dotato di quattro motori turboventola che garantiscono una spinta di 311.000 N per portare le 575 tonnellate di peso massimo in aria.

ana380tlspiotrbozyk

La produzione cesserà nel 2022

Airbus ha comunicato che l’assemblaggio dell’A380 terminerà nel 2022, non appena evasi gli ultimi ordini. La causa di questa decisione va ricercata nel calo di ordinativi e nel fatto che questo velivolo non si è mai affermato del tutto. Nel mondo solo 60 aeroporti possono far atterrare l’A380, inclusi Roma-Fiumicino e Malpensa, e la Cina non ha mai dimostrato grande interesse. Persino l’Emirates, che teneva vivo il programma, ha diminuito gli ordini di 39 velivoli cambiando strategia e passando ai Boeing 777X. Per non dimenticare il prezzo, per un singolo A380 bisogna sborsare 445 milioni di dollari contro i 402 del B747. Comunque non preoccupatevi, li vedremo in aria ancora per molto tempo!

[ Gianni Heidelberg ]

Print Friendly, PDF & Email