Home > Automotive > Attualità > Carlos Ghosn liberato dopo 108 giorni di prigione

Carlos Ghosn liberato dopo 108 giorni di prigione

 Alle 16.31 di ieri, ovvero alle 08.31 di questa mattina in Europa, l’ex Presidente di Nissan e CEO di Renault Carlos Ghosn ha potuto lasciare il carcere di Tokyo dopo aver pagato una cauzione di 1 miliardo di Yen (8,9 milioni di dollari). Una cauzione record, ma non traumatica per Carlos Ghosn che negli anni in cui era a capo dell’alleanza automobilistica Nissan-Renault-Mitsubishi Motors ha accumulato un patrimonio di 120 milioni di dollari 

Carlos Ghosn, indossando una maschera sanitaria e un berretto, si è infilato rapidamente in un minivan che lo attendeva davanti al Centro di detenzione di Kosuge e si è recato negli uffici dei suoi avvocati per concordare le prossime strategie di difesa in tribunale. Questa sua liberazione è soggetta comunque a diverse condizioni e misure restrittive, tra queste, Carlos Ghosn è stato costretto a consegnare il passaporto e ha dovuto dichiarare quale sarà il suo domicilio a Tokyo dal quale non potrà uscire e dove, con molta probabilità, sarà posto sotto video sorveglianza, in altre parole è stato posto agli arresti domiciliari. Inoltre, il manager brasiliano non potrà avere nessun personal computer, potrà solo utilizzare un PC presso l’ufficio del suo avvocato senza accesso a Internet e nessun scambio di e-mail, potrà utilizzare il telefono con sola comunicazione vocale e cronologia delle chiamate controllata.

Motori360-Carlos-Ghosn-liberato-05

L’arresto dell’ex Presidente di Nissan e CEO di Renault risale al 19 novembre 2018 su mandato dei procuratori giapponesi con l’accusa di aver nascosto al fisco i suoi reali introiti negli anni dal 2011 al 2015 e di aver dichiarato solo la metà degli 88,7 milioni reali, inoltre, di aver utilizzato i fondi della Società per elevare ulteriormente il suo lussuoso stile di vita.

[ Paolo Pauletta ]

Print Friendly, PDF & Email