Home > News > Maserati Multi70 e Giovanni Soldini pronti a nuove sfide

Maserati Multi70 e Giovanni Soldini pronti a nuove sfide

logo_per_flash_news

Dopo un positivo 2018, la stagione sportiva 2019 di Giovanni Soldini e Maserati Multi 70 si apre lunedì 18 febbraio, con la partecipazione all’11a edizione della RORC Caribbean 600, regata organizzata dal Royal Ocean Racing Club che, per 600 miglia, porterà i partecipanti intorno a 11 isole delle Piccole Antille, nei Caraibi.

Le 79 imbarcazioni iscritte alla regata partiranno da Fort Charlotte, Antigua, in direzione Nord, passeranno le isole di Barbuda, Nevis, Saba e Saint Barth per poi doppiare l’isola di Saint Martin e dirigersi a Sud verso Guadalupa.

Doppiata l’isola, si tornerà verso Nord, toccando l’ultima boa al largo dell’isola di Bermuda prima di puntare verso il traguardo finale di Antigua. Il percorso è caratterizzato da una grande varietà di venti e correnti che rendono la regata tanto interessante quanto impegnativa.

motori360-NEWS-02 019-MaseratiMulti70-i

Il record di velocità dei multiscafi appartiene al MOD 70 americano Phaedo3, che nel 2016 ha tagliato il traguardo in 1 giorno, 7 ore, 59 minuti e 4 secondi. Nel 2017 Maserati Multi 70 ha partecipato alla regata chiudendo al secondo posto dietro a Phaedo3.

Giovanni Soldini e il Team di Maserati Multi 70 hanno alle spalle una stagione felice: nel 2018 il trimarano italiano ha conquistato il record della Rotta del Tè tra Hong Kong e Londra con un tempo di 36 giorni, 2 ore, 37 minuti e 12 secondi, e la vittoria in Multihull Line Honours sia nella 39a edizione della Rolex Middle Sea Race in ottobre sia nella 5a edizione della RORC Transatlantic Race in novembre.

Dopo la RORC Transatlantic Race, Maserati Multi 70 è entrata per due mesi in cantiere in Guadalupa. Il Team ha svolto senza sosta lavori di manutenzione, come l’applicazione dell’antivegetativa, la riverniciatura di scafi e appendici, la revisione di componenti meccaniche, dell’attrezzatura di coperta e degli impianti elettrici. Sono state apportate leggere modifiche al sistema di timoni a T sviluppato lo scorso anno per renderlo più solido.

Print Friendly, PDF & Email