Home > Automotive > Attualità > Il Motor Valley Fest di Modena sostituisce il defunto Motor Show

Il Motor Valley Fest di Modena sostituisce il defunto Motor Show

La nuova manifestazione non sembra conservare la vocazione motoristica del Motor Show dei suoi anni d’oro ma sarà apprezzata dal grande pubblico

Il progetto di un rinnovato Motor Show, a dir la verità un po’ nebuloso, annunciato negli ultimi mesi dello scorso anno e che avrebbe dovuto concretizzarsi in un «contenitore» comprendente esposizioni di auto, visite al circuito dei musei automobilistici ed alle Case costruttrici dell’hinterland modenese, non è rimasto che un nulla, sostituito però dalla Motor Valley Fest.

Per il momento parliamo solamente dell’annuncio di un progetto che più che mirato ai soli motori sembrerebbe privilegiare la promozione del territorio e di quanto in esso contenuto, motori compresi.

Si tratterebbe infatti di un evento – che dovrebbe aver luogo dal 16 al 19 maggio – basato su una nuova formula messa a punto per far conoscere un territorio e le sue eccellenze, dai motori, alla cucina, dalla cultura musicale alla moda. Motor Valley Fest è fortemente voluta da Motor Valley Development, Regione Emilia Romagna, Comune di Modena, BolognaFiere e ModenaFiere e ACI Modena che, assieme, vogliono unire per passione per i motori, innovazione, cultura, identità ed enogastronomia del territorio.

motori360-F2-MOTOR-VALLEY-FEST-02-019

Il passaggio quindi dal Motor Show al Motor Valley Fest si dovrebbe concretizzare sotto forma di una grande kermesse en plein air delle due e quattro ruote passate, presenti e future per celebrare il mito della velocità e della competizione. Un progetto che, nelle intenzioni degli organizzatori, vuole mostrare la capacità di un territorio di fare rete e valorizzare le peculiarità, appena più su citate, che lo hanno reso famoso nel mondo.

Epicentro di questo evento sarà la città di Modena, nominata dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità, nonché raffinata capitale del gusto dell’Emilia Romagna, un invito per scoprire i gioielli modenesi, come Palazzo Ducale, Piazza Mazzini, Piazza Matteotti, Piazza Roma, ma anche l’Autodromo Marzaglia di Modena, con l’evento Motor1Days e il Quartiere Fieristico ModenaFiere.

L’evento diffuso nel territorio sarà – sottolineano gli organizzatori – una vera e propria «motor experience», tra l’adrenalina di sedersi alla guida delle fuoriserie più belle e di bolidi da sogno, l’emozione di ammirare il passaggio delle intramontabili vetture della 1000 Miglia, la «corsa più bella del mondo», nonché i numerosi rari esemplari del Ferrari Tribute (lo storico raduno del Cavallino Rampante), e dove il visitatore potrà conoscere e vedere le nuove tecnologie della mobilità del futuro, elettrica compresa.

A prima impressione, scorrendo il calendario dei singoli eventi più giù riportato, ci sembra che si sia voluto mettere assieme molti, forse troppi, eventi di natura non omogenea con il rischio di disorientare il visitatore; probabilmente l’intento è quello di attirare più persone possibile che poi si orientino all’interno del calendario secondo i propri interessi, ma questo non elimina la possibilità di sovrapposizioni e affollamenti (o carenza di partecipanti) a questo o quell’evento a meno di aggiustamenti del calendario in corso d’opera. Noi – ovviamente – ci auguriamo di essere in errore.

Le dichiarazioni

Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia Romagna: “Occupazione, export, identità, turismo, visibilità internazionale: la Motor Valley dell’Emilia Romagna rappresenta per le sue molteplici valenze una risorsa unica per il nostro territorio. Sono oltre 66.000 gli occupati nelle 16.500 imprese attive, con 5 miliardi di euro di fatturato dall’export. Per non parlare dell’eccezionale richiamo turistico della nostra Terra dei Motori, che attrae ogni anno milioni di appassionati, che hanno l’opportunità di scoprire le tante eccellenze della Regione, dall’eccezionale offerta enogastronomica ai capolavori d’arte UNESCO, passando per il benessere termale, la natura del nostro Appennino e del Delta del Po e tanto altro. I Musei aziendali, le collezioni private, i tantissimi eventi di prestigio ospitati negli autodromi e nei territori portano l’Emilia Romagna nel mondo e contribuiscono a farla conoscere sempre di più. Abbiamo i motori nel sangue e questo evento unico celebrerà la nostra passione, rendendo omaggio ad una dei distretti regionali in cui identità e tradizione si fondono al meglio con dinamismo e spinta continua all’innovazione”.

Andrea Corsini Assessore Regionale al Turismo dell’Emilia Romagna: “Un attrattore turistico mondiale e un moltiplicatore di presenze verso la nostra regione e, dunque, verso questo Paese. L’impatto del prodotto tematico Motor Valley si è tradotto, nel 2017, in 135 milioni di euro derivanti dal movimento turistico verso musei e collezioni nell’area di Modena e Bologna a cui si è aggiunta la ricaduta economica di oltre 171 milioni di euro derivanti dalle attività dei circuiti di Misano e Imola. La domanda e l’interesse sono in continuo aumento e ancora grandi le prospettive di crescita all’orizzonte: la Motor Valley è a tutti gli effetti una motivazione di viaggio sia per i Baby Boomer che per i Millennial e la Generazione X. Oggi e domani la Motor Valley è una grande esperienza di Italian Lifestyle e una travel leisure experience di sicuro appeal: questi i presupposti su cui è nato il primo Motor Valley Fest”.

Giancarlo Muzzarelli, Sindaco di Modena: “La città si sta preparando ad accogliere la festa dei motori, con auto e moto da sogno che sfileranno nel cuore del centro storico, accanto alle bellezze dei nostri monumenti. Sono migliaia ogni anno i turisti che visitano la rete dei musei della Terra dei motori, a partire da quello realizzato nella Casa natale di Enzo Ferrari. Ma a Modena accanto alle auto del passato, si producono le auto di oggi e, soprattutto, si progettano quelle del futuro grazie alla collaborazione con l’Università e al progetto Masa con il quale stiamo realizzando un vero e proprio laboratorio a cielo aperto per le esperienze sulla guida connessa e autonoma. Nella festa di Modena innovazione e ricerca saranno protagoniste”.

[ Redazione Motori360 ]

 

 

Gli appuntamenti in programma

16 maggio Autodromo Marzaglia di Modena: tutti gli appuntamenti Dinamicità, Passione e Velocità animeranno l’Autodromo Marzaglia di Modena. Molte le iniziative previste tra cui: il 16 maggio, il progetto MASA che nasce dalla collaborazione fra Comune di Modena e Università di Modena e Reggio Emilia con Maserati SpA e che si traduce in attività di ricerca e test per la guida autonoma e che riguardano le interazioni tra veicoli (PROTOCOL V2V), le interazioni tra veicolo e ostacolo in movimento (PROTOCOL V2X), le interazione tra veicolo e città (PROTOCOL V2I).

16 -18 maggio Modena Fiere: l’Innovazione e Motorsport nel campo dell’ingegneria, della ricerca e dello sviluppo, della capacità di generare sistemi evoluti, che in questa terra trova la sua massima espressione, vedrà la sua casa a ModenaFiere dove, accanto alle Università dell’Emilia Romagna saranno ospitate le migliori Università Italiane e le start up legate al mondo dell’automotive. Professori e studenti saranno protagonisti grazie ad attività di open innovation organizzate in collaborazione con aziende del settore, laboratori creativi ed Hackaton, per fare qualche esempio, una vetrina dove valorizzare e avere il contatto diretto con i nuovi talenti.

17 maggio: partenza del Campionato per auto elettriche di serie organizzato dalla FIA.

16-19 maggio, Cortile d’Onore di Palazzo Ducale nell’Accademia Militare di Modena: apertura del «Villaggio Motor Valley» con l’esposizione al pubblico dalle 11.00 alle 23.00 dei prestigiosi brand della Motor Valley e dei 4 autodromi regionali.

motori360-F4-MOTOR-VALLEY-FEST-02-019

18-19 maggio, Motor1days: Il ruggito dei motori si farà sentire attraverso hot lap in pista a bordo di macchine sportive, track day, per arrivare alle prove su strada e offroad, con i tester e piloti a raccontare i segreti di almeno 100 fra le novità più interessanti, test drive su strada e in offroad, ma anche attraverso le sfide con i simulatori virtuali e l’esposizione delle auto più belle nel paddock.

motori360-F3-MOTOR-VALLEY-FEST-02-019

 

17-18-19 maggio Ferrari Tribute: grande protagonista la Ferrari, che il 17 maggio animerà Piazza Roma ospitando il Ferrari Tribute, lo storico raduno del Cavallino Rampante che attraversa l’Italia sulle strade percorse dalla 1000 Miglia. Il 18 e 19 maggio porterà invece al Novi Sad lo spettacolo dei Pit Stop su una monoposto di Formula 1. Uno spettacolo ad alta tensione capace di catalizzare l’entusiasmo e l’adrenalina degli appassionati.

18 maggio: passaggio al Novi Sad della rievocazione storica della 1000 Miglia, che vedrà sfilare più di 400 selezionati esempi della storia dell’automobilismo nell’ultima giornata delle quattro giornate di competizione.

18-19 maggio Motori e Sapori: in Piazza Mazzini, spazio al Villaggio Motor1Days, mentre in Piazza Matteotti protagonisti i sapori della tradizione grazie all’iniziativa “Piazza del Gusto” con gli outsider modenesi: Tigelle, Parmigiano Reggiano DOP, Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, Lambrusco e Amarene Brusche di Modena IGP, Prosciutto DOP di Modena.

18-19 maggio, Piazza Sant’Agostino: la partnership con Federesports-Federazione Italiana E-Sports prevede l’effettuazione di alcune prove dei vari campionati con i simulatori auto e moto e la presenza di numerose personalità che saranno invitate fra le quali spiccano Marco Lucchinelli, Jean Alesi, Ivan Capelli, Marco Melandri per citarne alcuni.

18-19 maggio: 20° anniversario della Pagani Zonda in Piazza Roma mentre il 19 maggio il Parco Ferrari ospiterà «Modena Terra dei Motori», la tradizionale rassegna dedicata alle auto e moto storiche nel cuore di Modena.

19 maggio: sempre in Autodromo, sarà il turno della Crazyrun, la 500km di puro divertimento in cui 80 team super selezionati a bordo dei loro bolidi dovranno superare 10 checkpoint segreti da scovare risolvendo degli enigmi.  

Spazio anche ad altre due eccellenze del territorio, la musica lirica e la moda. In occasione di Motor Valley Fest, Casa Museo Pavarotti proporrà numerose iniziative dedicate, e l’Associazione Modenamoremio e Fondazione Teatro Comunale di Modena allestiranno la mostra dal titolo «Il teatro fa moda», un vero e proprio racconto di artigianato ed arte. In esposizione ci saranno le splendide creazioni realizzate dalle maestranze del Teatro Comunale di Modena per le proprie opere, ospitata in una delle meravigliose chiese del centro storico di Modena

 

Print Friendly, PDF & Email