Home > News > CITROËN ITALIA anche a gennaio 2019 in controtendenza: sale al 5,6% del mercato italiano

CITROËN ITALIA anche a gennaio 2019 in controtendenza: sale al 5,6% del mercato italiano

logo_per_flash_news

In leggera crescita rispetto a gennaio 2018, Citroën in Italia immatricola oltre 9.900 tra vetture e veicoli commerciali (quota di mercato) 5,6%: il miglior risultato degli ultimi 7 anni.

Copyright Thibaud Chevalier @ Continental Productions

Nel mercato delle autovetture, con una quota di mercato del 5,4%, Citroën incrementa le sue vendite dell’1,8% a fronte di una flessione di mercato del 7,6%.

Un trend positivo grazie, in particolare, ai seguenti modelli:

  • C3, la best-seller della Marca, grazie a 4.194 immatricolazioni si posiziona al 2° posto nel suo segmento e risulta la 3a vettura più venduta in assoluto in Italia.
  • C3 Aircross è la seconda vettura più venduta della Marca ed ha incrementato le immatricolazioni del 64% rispetto a gennaio 2018.
  • Nuova C4 Cactus ha registrato un incremento positivo delle vendite pari al +23,7%, con una quota del 7,1%, nel suo segmento.
  • C4 SpaceTourer e Grand C4 SpaceTourer nel loro insieme sono al 1° posto nel loro segmento.
  • SpaceTourer che incrementa del 24% le vendite, con una quota del 9,5% nel suo segmento.

Il mese di gennaio è stato caratterizzato anche dal lancio commerciale di C5 Aircross, il SUV di segmento C moderno e tecnologico che è stato accolto molto positivamente dal pubblico italiano.

Motori360_mercato-gennaio-Citroen

Dall’analisi della struttura del mercato autovetture, nel canale dei privati Citroën registra una crescita del 13,7%, oltre tre volte superiore a quella del mercato in questo specifico canale di vendita.

Nell’ambito dei veicoli commerciali, buoni i risultati di Citroën Jumpy che ha incrementato le vendite del 13,7% posizionandosi al 3° posto nel suo segmento mentre ottima è stata l’accoglienza del mercato per il Nuovo Berlingo Van, recente vincitore del premio «International Van Of the Year» il cui lancio commerciale, in l’Italia, è avvenuto poco più di due mesi fa.

Print Friendly, PDF & Email