Home > Automotive > Attualità > Bridgestone: un 2018 eccezionale

Bridgestone: un 2018 eccezionale

Il costruttore giapponese di pneumatici è stato scelto, solo nel 2018, per 120 nuovi primi equipaggiamenti in tutta l’area EMEA

Motori360_Bridgestone_risultati

I 120 nuovi primi equipaggiamenti del sommarietto hanno rappresentato per Bridgestone un incremento del +30%, e porta il Costruttore ad essere presente su più di 40 modelli d’auto differenti e 15 case automobilistiche diverse.

Bridgestone è leader del settore per investimenti in ricerca e sviluppo e questo si riflette sulla qualità e sull’innovazione che caratterizzano l’intera gamma di pneumatici premium che, infatti, sono scelti come primo equipaggiamento da Case come Toyota, Mercedes e Porsche che si aggiungono ad Audi, SEAT, Skoda, BMW, Ferrari e Renault.

Bridgestone continua infatti ad essere fornitore principale per Audi, SEAT, Skoda e rimane partner strategico del Gruppo Volkswagen. Per Audi il volume degli equipaggiamenti è addirittura raddoppiato nel corso degli ultimi cinque anni e, tanto per continuare ad attenersi alla Germania, va registrato il forte legame stretto con BMW che ha scelto pneumatici Bridgestone come primo equipaggiamento per la BMW Serie 3, la BMW Serie 7, la BMW X5 / X7 e la BMW Z4.

Anche in tema di primo equipaggiamento di veicoli elettrici/ibridi Bridgestone è stata scelta per vetture come la BMW i3s, la Toyota Corolla, la nuova Audi Q3, l’Audi A6 Allroad, vetture touring come Opel Insignia, l’innovativa BMW Serie 8, così come la lussuosa Porsche Cayenne e per auto sportive tra cui la Ferrari Portofino, la Renault Mégane R.S e R.S Trophy.

testMotori360-Ferrari-Portofino-int5

Più dell’85% degli equipaggiamenti riguardano pneumatici con un diametro di 17″ o maggiore.

Dare il meglio

Bridgestone sviluppa e progetta pneumatici lavorando in modo sinergico con i produttori le cui richieste accoglie e gestisce con immaginazione e creatività.I pneumatici sono perfezionati a seconda del design delle singole vetture per garantirne la massima performance. Questo consente a Bridgestone di rispondere a tutte le sfide – dalla resistenza al rotolamento e al consumo di carburante, dalla riduzione del rumore, al comfort e al comportamento di guida – incorporando nei pneumatici specifiche tecnologie in grado di raggiungere determinati obiettivi.

Una tecnologia rivoluzionaria

Bridgestone punta a raggiungere standard tecnologici sempre più alti grazie a soluzioni come la mescola NanoPro-Tech™ con alto contenuto di silice e nuovi disegni del battistrada con blocchi ad angoli smussati e profondità ottimizzate, così come i processi B-Silent, B-Seal, Ologic e Run-Flat.

Motori360_Bridgestone_risultati-tecnologia

Ogni singolo componente dei pneumatici Bridgestone è progettato per rispondere alle esigenze dei primi equipaggiamenti. Tecnologie all’avanguardia di miscelazione innovativi, consentono a Bridgestone di trovare l’equilibrio perfetto tra le caratteristiche del penumatico e la configurazione del veicolo.

Partnership per il futuro

Secondo Mark Tejedor, vice-President of Original Equipment Bridgestone EMEA, l’approccio tailor made consente a Bridgestone di far emergere il carattere unico di ogni autovettura.

“In un settore in rapida trasformazione, dove le auto diventano sempre più CASE – connesse, autonome, condivise ed elettriche – Bridgestone offre nuove soluzioni e tecnologie che rispondono alle sfide più impegnative delle case automobilistiche. I pneumatici che stiamo sviluppando oggi puntano a soddisfare le esigenze da qui ai prossimi cinque anni e oltre”.

Le partnership e le collaborazioni hanno portato a progetti fatti su misura. “Questo ci ha permesso di fare un passo in una nuova direzione, che ci porta verso il futuro“, afferma Tejedor. “Stiamo sviluppando nuovi pneumatici, oltre a soluzioni e servizi per la mobilità, più che mai efficienti e adatti sia ai veicoli sia alle nuove frontiere del settore. In questo modo, accompagniamo milioni di automobilisti nel percorrere le proprie strade, indipendentemente dalle condizioni”.

[ Gianni Heidelberg ]

 

 

Print Friendly, PDF & Email