Home > Automotive > Cox CXO 300, il primo motore fuoribordo diesel al mondo da 300 cv

Cox CXO 300, il primo motore fuoribordo diesel al mondo da 300 cv

I motori diesel tanto osteggiati nelle auto, trovano la loro rivincita nella nautica per la loro versatilità, efficienza, economia di gestione e sicurezza, e il nuovo fuoribordo Cox CXO300 presentato al recente Fort Lauderdale International Boat Show è un’alternativa anche ai motori diesel entrobordo

 

Motori360-COX-CXO-300-02

I motori fuoribordo destano un costante maggiore interesse da parte dei diportisti che li preferiscono ai motori entrobordo anche per barche da crociera di grandi dimensioni per la loro versatilità e potenza, tanto che per alcuni costruttori la domanda di motori fuoribordo ha superato la capacità di rifornire i loro concessionari ed i produttori di imbarcazioni. 

Finora però i motori fuoribordo erano solo a benzina con un inevitabile maggiore consumo, a volte esagerato, che obbliga a utilizzare serbatoi di grandi dimensioni i quali pregiudicano la sicurezza a bordo.

Motori360-COX-CXO-300-03

Per sopperire a queste problematiche senza pregiudicare le prestazioni, l’Azienda britannica Cox Marine ha sviluppato un motore fuoribordo diesel da 300 cavalli, il più potente del mondo.

Il CXO300 si basa su una architettura V8 da 4,4 litri progettato dagli ingegneri di Ricardo Technical Centre di Shoreham nel West Sussex (UK) che lo hanno realizzato in lega di alluminio per mantenere basso il peso e con un angolo stretto di 60° per ridurre l’ingombro.

Motori360-COX-CXO-300-04

Il blocco motore si trova in posizione verticale in modo che la coppia motrice viene trasferita con un albero di trasmissione direttamente all’elica con un giunto.

L’alimentazione è di tipo common rail con 2 turbocompressori, un rapporto di compressione 16:1 e una coppia di 650 Nm da 1.300 a 3.000 giri/min., un valore che, come dichiarato da Cox Marine, è quasi il doppio rispetto ai suoi rivali a benzina della stessa potenza. Un’affermazione difficile da confutare visto che raramente i produttori dei fuoribordo a benzina dichiarano i valori di coppia dei loro motori.

Una valida alternativa ai motori a benzina  

Motori360-COX-CXO-300-05

Il consumo effettivo non è stato ancora rilevato, ma i test al banco di Cox Marine hanno rilevato poco più di 10 litri/ora a 2.000 giri, fino a 50 litri/ora a 3.500 giri, livello di massima potenza del motore; da evidenziare che la stessa potenza nei motori a benzina viene erogata a circa 6.000 giri. Ciò significa un consumo inferiore e una conseguente maggiore autonomia fino al 25% in più a parità di capacità del serbatoio. Grazie alle esclusive caratteristiche di questo motore, Cox Marine ha affermato che sulla stessa imbarcazione si potrebbero montare tre CXO300 anziché quattro motori fuoribordo a benzina della stessa potenza e ottenere le stesse prestazioni o addirittura migliorarle.

Se questi sono i punti a suo favore, bisogna però dire che questa tecnologia innovativa ha il suo prezzo, da 42.000 sterline, circa 16.000 sterline in più rispetto ad un motore a benzina delle stesse caratteristiche. Cox Marine è tuttavia convinta che i risparmi si avranno nel corso del suo utilizzo per il minor consumo di carburante e minore costo per la manutenzione prescritta a intervalli di 1.200 ore, a compenso del maggiore costo iniziale.

La rivincita dei diesel

Motori360-COX-CXO-300-06

Il Cox COX300 sarà commercializzato nel 2019, ma avrà un suo diretto concorrente nel motore fuoribordo diesel prodotto dall’azienda svedese OXE Marine specialista in motori marini che nel 2020 farà debuttare un 6 cilindri in linea da 3 litri twin-turbo di origine BMW marinizzato, con una potenza probabilmente superiore a 300 cavalli. Peserà un po’ meno, perché ha 2 cilindri in meno, però sarà in posizione orizzontale e per la trasmissione della coppia si avvarrà di una cinghia di trasmissione verso l’elica.

Motori360-COX-CXO-300-07

OXE Marine avrà in produzione motori fuoribordo diesel a 3, 4 e 6 cilindri con emissioni sensibilmente inferiori agli equivalenti fuoribordo a benzina, in tal senso OXE Marine afferma che i motori a 4 tempi meno ecocompatibili attualmente in commercio, sono i tosaerba e i motori fuoribordo, i quali producono lo stesso livello di emissioni delle auto degli anni ’70.  

[ Paolo Pauletta ]

Print Friendly, PDF & Email