Home > Automotive > Attualità > Volvo si aggiudica il Premio Green Prix 2018 grazie al suo Concept 360c

Volvo si aggiudica il Premio Green Prix 2018 grazie al suo Concept 360c

Volvo è stata premiata dalla giuria del Premio Green Prix 2018 grazie al suo Concept 360c, vettura che incarna i canoni sulla mobilità e sostenibilità delle auto del futuro

Volvo ha ricevuto 10 alberi, simbolo dell’ecosostenibilità, da piantare nel bosco di  «No Smog Mobility», polmone verde che ha già accolto altri 90 alberi già nello scorso anno. Questo perché la Casa automobilistica è stata premiata per la sua visione sulla sostenibilità del futuro, concretizzata dal Concept 360c. 

Motori360_Volvo360cExteriorSafety

Il premio Green Prix ci fa particolarmente piacere perché riconosce un’idea e il pensiero avanzato di Volvo,” ha dichiarato Roberto Lonardi, Pubbliche Relazioni Volvo Car Italia, che ha ritirato il premio. “Ciò che conta della Concept 360, oltre alle straordinarie caratteristiche del veicolo, è la visione che l’ha determinata e con essa la capacità che Volvo dimostra di essere in anticipo rispetto ai tempi. Siamo leader nello sviluppo sulla guida autonoma e il «Concept 360» lo indica chiaramente, al punto tale che ci siamo spinti a immaginare nuovi utilizzi dell’auto, nuovi e rivoluzionari scenari di business e a proporre l’introduzione di un nuovo standard globale per la comunicazione sicura fra i veicoli con guida autonoma e gli altri utenti della strada. Volvo continua ad applicare la stessa capacità di interpretare le esigenze dei futuri clienti che ci ha portato, negli ultimi quattro anni, a rinnovare completamente la gamma e a diventare nuovo punto di riferimento nel segmento premium del mercato”.

Il concept esprime infatti un modo diverso di concepire il tema del viaggio. Ad esempio i passeggeri che proveranno la 360c non saranno dominati dalla noia che caratterizza le ore di viaggio ma potranno trasformare il loro tempo in una serie di attività utili e fruibili. La vettura infatti propone ben quattro modalità di utilizzo del tempo a bordo: riposo, ufficio mobile, salotto e spazio di intrattenimento, le quali potrebbero concorrere alle già diffuse modalità di viaggio delle varie compagnie aeree o ferroviarie. Infatti tali mezzi potrebbero far risparmiare le file per i controlli, potrebbero portare direttamente a destinazione oppure evitare di utilizzare sedili troppo stretti e scomodi.Trattandosi di un veicolo a guida autonoma, i vantaggi non sarebbero solamente per i passeggeri, ma anche per l’ambiente circostante, con un’emissione quasi nulla di inquinamento, e per il traffico, con una migliore viabilità che eviterà code e disturbi legati alla circolazione. 

Motori360_Volvo360cInterior

La 360c sarà un’auto intelligente. Sebbene Volvo abbia immaginato un futuro in cui tutte le auto a guida autonoma comunicano tra loro attraverso sistemi e apparecchiature particolari e sensibili in modo da evitare incidenti di ogni tipo, ha comunque pensato a tutto dagli inizi. Lo scenario in cui prenderanno piede queste vetture sarà lo stesso a cui siamo abituati oggi, con altri utenti della strada che guidano le proprie autovetture. Cosa fare dunque se l’auto autonoma si dovesse trovare davanti un utente della strada umano? Volvo ha pensato anche a questo. La 360c interagirà attraverso un sistema che si basa su suoni, colori, elementi visivi, movimenti e combinazioni di strumenti in modo da comunicare le intenzioni del veicolo agli altri utilizzatori della strada. Ciò permetterà di comunicare chiaramente, in ogni momento, quale sarà la manovra successiva che verrà effettuata dalla vettura.

Motori360_Volvo360cExterior

[ Jacopo Romanelli ]

Print Friendly, PDF & Email