Home > Automotive > Attualità > Per Mercedes-Benz un Salone di Parigi ricco di novità

Per Mercedes-Benz un Salone di Parigi ricco di novità

Tre le prime mondiali: la nuova Classe B, la nuova GLE e la Classe A 35 4MATIC, primo modello del connubio Mercedes-AMG di nuova generazione

 

Motori360-Mercedes-Parigi-2018-01

[ Parigi ] Non si tratta solamente della presentazione di 3 anteprime mondiali ma dell’inaugurazione di un nuovo corso tanto tecnico-stilistico quanto di strategia commerciale attraverso la tecnica ed il messaggio è chiaro: fornire sempre più contenuti, guardare al futuro e rispettare l’ambiente.

Nuova Classe B

Vuole continuare a porsi come punto di riferimento nel segmento di appartenenza grazie al travaso, nientemeno che dalla Serie S di equipaggiamenti come i sistemi di assistenza alla guida di ultima generazione che posizionano questa nuova Classe B al vertice assoluto del segmento per quanto riguarda la sicurezza attiva.

Il rivoluzionario sistema di infotainment MBUX provvisto di un’intelligenza artificiale evoluta capace di apprendere dall’esperienza e caratterizzato da una grafica coinvolgente, dalle azioni vocali «Hey Mercedes», dal touchscreen e da funzioni sofisticate come la Realtà Aumentata MBUX.

Inoltre sono stati profondamente rivisti e aggiornati – in chiave maggiormente sportiva e dinamica – sia la tecnologia e sia tutto il corpo vettura, interni compresi.

Il design esterno è più aggressivo se paragonato a quello della precedente generazione mentre gli interni, ancora più moderni e confortevoli, sono caratterizzati dal nuovo design della plancia che si protende verso basso creando due anse di fronte ai sedili anteriori pur mantenendo una notevole percezione dello spazio a disposizione.

I motori sono ora più efficienti e puliti, grazie anche all’inedito cambio a doppia frizione a 8 marce che garantirà un inedito piacere di guida.

In preordine dal 3 dicembre 2018, per la nuova Classe B le prime consegne sono previste da febbraio 2019. 

Nuova GLE

Motori360-Mercedes-Parigi-2018-08

Questa seconda generazione della GLE prosegue nel solco di una tradizione ultraventennale presentandosi oggi ancora più confortevole grazie ad un maggiore spazio interno ma anche più esclusivo per la presenza del nuovo sistema di intelligenza artificiale MBUX, già sopra descritto.

Gli esterni, ancora più curati sotto il profilo dell’aerodinamica, sono ovviamente allineati al nuovo corso stilistico della Stella, con curve dai bordi arrotondati ed un aspetto generale ancora più importante.

Motori360-Mercedes-Parigi-2018-11

La meccanica vede il debutto di motori completamente nuovi e di nuovi dispositivi che offrono maggiori divertimento ed efficacia nella guida fuori asfalto quale, ad esempio, sistema di smorzamento indipendente per ogni ruota. Per quanto attiene ai motori la Casa tedesca ha svelato solamente due opzioni: un 4 cilindri turbo da 2 litri e 255 cv e 370 Nm per la GLE 350 ed un 6 cilindri in linea da 3 litri da 367 cv e 500 Nm riservato alla GLE 450. Altri 22 cv e 250 Nm saranno disponibili tramite EQ Boost. 

Tutti i propulsori saranno abbinati al cambio automatico a 9 rapporti di Mercedes, mentre il diesel dovrebbe arrivare in futuro sotto forma di un turbodiesel 6 cilindri in linea da 2,9 litri declinato in 2 livelli di potenza: 285 cv per la GLE 350d 4Matic e 340 cv nella GLE 400d 4Matic.

L’impianto elettrico a 48 volt ha permesso il montaggio su questa nuova GLE del nuovo l’E-Active Body Control ovvero di un sistema di assetto attivo idropneumatico che regola su ogni singola ruota la forza delle molle e degli ammortizzatori contrastando così i movimenti di rollio, di beccheggio e di imbardata.

Altra particolarità di questo SUV è un sistema di assistenza che riconosce in anticipo le code, assiste in modo attivo il guidatore nel traffico stop and go fino a circa 60 km/h e aiuta a trovare una via di fuga per favorire il passaggio delle ambulanze in caso di incidente. 

Nuova Mercedes-AMG A 35 4MATIC

Rappresenta la nuova porta di accesso al mondo della Driving Performance cui si presenta forte di un nuovo 4 cilindri turbo benzina da 2 litri e 306 cv (225 kW), un nuovo telaio, nuove sospensioni, trazione integrale e cambio sportivo.

Questa nuova piccola «bomba» ha richiesto tutta l’attenzione degli ingegneri di Mercedes-AMG, per trovare il giusto bilanciamento fra guida quotidiana e il massimo delle prestazioni. 

AMG-GT Coupé4

In contemporanea con la nuova A 35 AMG, debutta la AMG-GT Coupé4, spinta dalla nuova motorizzazione 43 4MATIC con EQ Boost, un’unità di 3 litri a 6 cilindri e 367 cv, con un coppia massima di 500 Nm. L’EQ Boost, garantisce ulteriori +22 cavalli (16 kW) di potenza e, grazie alla sua omologazione ibrida, il fortunato proprietario potrà godere di importanti incentivi e facilitazioni alla circolazione, ovviamente diversi da città e città (siamo o non siamo nella patria della burocrazia e del disordine amministrativo?). 

smart forease

Questa nuova piccola showcar – che racchiude la filosofia di sempre: semplicità, maneggevolezza, divertimento e rifiuto al conformarsi – celebra i 20 anni del Marchio, e riprende alcuni elementi dei precedenti concept Crossblade (2002) e forspeed (2011).

Una vettura che indica le linee guida per il futuro del Marchio: ecologia con l’elettricità e anticonvenzionalità attraverso l’essere completamente scoperta. 

EQC

La nuova Mercedes-Benz EQC, la prima vettura della Stella 100% elettrica si presenta per la prima volta al pubblico proprio in occasione di questo Salone di Parigi, dove costituisce motivo di attrazione grazie al suo design innovativo, fluido e riconoscibile frutto dell’interazione tra elementi digitali e analogici. Fulcro della EQC è la batteria agli ioni di litio, alloggiata nel pianale, insieme ai motori elettrici asincroni in grado di erogare una potenza massima complessiva di 300 kW (408 cv) e garantire nel ciclo NEDC (dati provvisori) un’autonomia elettrica di oltre 450 km. 

Vision EQ Silver Arrow

Chiudiamo con un accenno alla monoposto omaggio alla W 125 già vista a Pebble Beach, un ponte stilistico e tecnologico che concettualmente unisce la storica «Silver Arrow» – dipinta appunto in argento Alubeam – alla sua stessa reinterpretazione in chiave moderna, dotata di interni esclusivi e tradizionali, e di plancia digitale.

[ Giovanni Notaro ]

Servizio fotografico Paolo Pauletta

Print Friendly, PDF & Email