Home > Automotive > Lamborghini ha celebrato il suo cinquantesimo con 20 grandi classiche in giro per l’Italia centrale

Lamborghini ha celebrato il suo cinquantesimo con 20 grandi classiche in giro per l’Italia centrale

Il tour ha percorso circa 800 chilometri attraverso Umbria, Toscana ed Emilia Romagna

Motori360-f1-LAMB-50°ANNI-09-018

Sono i luoghi più suggestivi delle appena citate tre celebri regioni ad aver fatto da sfondo (ma forse sarebbe meglio dire da co-protagonisti) al coloratissimo e rombante corteo made in Sant’Agata formato da 20 classiche Lamborghini, incluse Espada ed Islero, che lo scorso 7 settembre hanno raggiunto Perugia.

È proprio dal capoluogo umbro che ha preso il via questo tour organizzato da Lamborghini Polo Storico per celebrare il 50° anniversario della celebre Casa emiliana; fu infatti nel 1968 che venne presentata l’Espada, prima 4 posti della Lamborghini, subito dopo seguita dalla 2+2 Islero.

Le 20 sgargianti Lamborghini hanno percorso circa 800 km attraversando le più caratteristiche e pittoresche locations di Umbria, Toscana e Emilia-Romagna fra cui Perugia, Orvieto e Assisi, tanto per citarne qualcuna. 

Motori360-f3-LAMB-50°ANNI-09-018

Benché tutte ugualmente meritevoli e di notevole interesse tecnico-storico, fra le 20 supercar ce n’è stata qualcuna che ha autorevolmente assunto il ruolo di primus inter pares, meritandosi alla fine del Tour una speciale menzione da parte di Stefano Domenicali, Presidente e CEO Lamborghini.

Ad esempio è stata citata l’Espada terza serie del 1973 che, acquistata usata nel 1977, appartiene ancora oggi alla stessa famiglia che la considera un suo membro a tutti gli effetti.

Va sottolineato che per lunghi anni fu l’unica auto di famiglia, utilizzata quotidianamente per incombenze correnti, dal portare a scuola e figli alla spesa, dal week-end nelle champagne inglesi agli spostamenti per le vere e proprie vacanze arrivando al punto di aver deciso la partecipazione a questo tour per festeggiare le nozze d’oro dei proprietari.

 

Motori360-f2-LAMB-50°ANNI-09-018

Il riconoscimento per l’auto proveniente da più lontano è andato ad una rara Espada Series 2, chassis 8386, una delle sole 12 prodotte con specifiche VIP; l’equipaggio norvegese è partito da Oslo, aggiungendo alla fine altri 6.000 km alla percorrenza totale dell’auto.

Il riconoscimento per l’auto più affidabile è stato conquistato da una Islero S del 1968, chassis 6435, una delle poche con guida a destra su un totale di 70 Islero prodotte; posseduta da un collezionista inglese raggiunge ogni anno Sant’Agata Bolognese per gli interventi di manutenzione previsti; venne acquistata nuova nel 1969 e quindi passata dal padre al figlio nel 1993.

Il Museo Lamborghini ha fatto la sua parte con una Espada Terza Serie (chassis 9090 di 1976) Blu Notte ed una Islero (chassis 6330 del 1968) Rosso Amaranto.

Motori360-AP-LAMB-50°ANNI-09-018

Nonostante l’impegnativo percorso del tour, che si è aggiunto alle impegnative marce di trasferimento di ciascuna vettura, tutte le auto hanno alla fine raggiunto Sant’Agata Bolognese in condizioni eccellenti, a riprova del fatto che i celebri 12 cilindri storici di Sant’Agata – se gestiti e mantenuti in maniera appropriata – possono essere utilizzati nel tempo senza alcun problema.

[ Redazione Motori360 ]

Print Friendly, PDF & Email