Home > Automotive > Attualità > BMW: una 3.0 CSL del 1972 al Gran Premio Nuvolari 2018

BMW: una 3.0 CSL del 1972 al Gran Premio Nuvolari 2018

L’equipaggio composto da Sergio Solero, Presidente e A.D. di BMW Italia e dal celebre bassista Saturnino Celani

Motori360_BMW3.0-CSL_grand-prix-nuvolari (2)

BMW Italia parteciperà alla 28a edizione moderna del Gran Premio Nuvolari, manifestazione internazionale di regolarità per auto storiche secondo le normative F.I.A., F.I.V.A. e A.C.I. Sport, in programma dal 13 al 16 settembre 2018, con una BMW 3.0 CSL – prima vettura restaurata in Italia da BMW Roma secondo il programma BMW Group Classic – nel cui abitacolo siederanno il Presidente e A.D. di BMW Italia S.p.A., Sergio Solero e il celebre bassista Saturnino Celani.

La BMW 3.0 CSL del 1972, uno dei modelli più desiderati degli anni ’70, era equipaggiata con motori a sei cilindri che, nelle varie versioni, avevano una potenza che andava dai 170 ai 206 cv.

Motori360_BMW3.0-CSL72_grand-prix-nuvolari

La BMW 3.0 CSL, acronimo di «Coupé, Sport, Leggero», è stato il modello di punta della gamma, dotato di carrozzeria alleggerita più adatta alle competizioni rispetto alla versione normale, interamente in acciaio; negli anni ’70 aveva mietuto successi ovunque ed aveva incamerato ben sei titoli nel Campionato Europeo Turismo.

Motori360_BMW3.0-CSL_grand-prix-nuvolari (3)

All’organizzazione BMW Group Classic l’assistenza in gara

BMW Roma e BMW Milano sono certificate BMW Group Classic L’assistenza tecnica sarà garantita dai tecnici di queste due concessionarie che sono le prime due concessionarie in Italia autorizzate BMW Group Classic. Sono centri di grande competenza con personale riconosciuto nel campo del restauro, delle riparazione e della manutenzione.

BMW Milano e BMW Roma sono dotate di una serie di attrezzature professionali che caratterizzano le poche concessionarie abilitate al trattamento delle vetture BMW Classic grazie ad una dotazione standard che comprende banco prova freni, sistema di regolazione orientamento fari e banco prova emissioni (CO), a questo si somma una ricca dotazione supplementare obbligatoria grazie alla quale si possono prestare le attenzioni necessarie anche ai mezzi d’epoca più particolari, delicati e preziosi.

La nuova BMW i8 Roadster: vettura appoggio d’eccezione

Ad accompagnare l’equipaggio lungo l’intero percorso del Gran Premio Nuvolari, sarà la nuova BMW i8 Roadster – ultima nata di casa BMW – un’auto in grado di combinare il piacere della guida all’aria aperta con quello della mobilità sostenibile grazie alla tecnologia ibrida plug-in di cui è dotata che le fa percorrere fino a 53 km in modalità puramente elettrica.

Motori360_BMW3.0-CSL_grand-prix-nuvolari-i8-roads

La vettura è caratterizzata da un design profondamente innovativo, con porte ad ala di gabbiano, telaio del parabrezza in resina rinforzata con fibra di carbonio (CFRP) e una capote elettrica azionata elettricamente.

La nuova BMW i8 Roadster accelera da 0 a 100 km/h con un tempo di 4,6 secondi e ha una velocità massima limitata elettronicamente di 250 km/h. La potenza totale erogata dal motore elettrico e da quello a combustione quando agiscono all’unisono è di 275 kW/374 cv; il consumo combinato di carburante, calcolato nel ciclo di prova UE per i veicoli ibridi plug-in, è pari a 2,1 litri per 100 chilometri mentre le emissioni di CO2 sono di 46 grammi per chilometro.

Le dichiarazioni

Sergio SoleroCorrere il Gran Premio Nuvolari sarà un’esperienza nuova e farlo a bordo di una vettura straordinaria come la BMW 3.0 CSL restaurata dalla nostra filiale di Roma che ha ottenuto la certificazione BMW Group Classic al pari di quella di Milano, sarà ancora più emozionante. Inoltre, visto che farò la gara insieme a Saturnino, credo sarà una competizione molto rock!”.

Il bassista Saturnino Celani  e il Presidente e A.D. di BMW Italia Sergio Solero

Il bassista Saturnino Celani e il Presidente e A.D. di BMW Italia Sergio Solero

Saturnino Celani ha dal canto suo dichiarato che è “molto curioso e gasato di affrontare questa sfida anche perché non ho mai partecipato ad una corsa con vetture storiche. Mi piacciono le macchine sportive e adoro il sound del sei cilindri in linea. E forse non sarà la sola musica che suoneremo durante la gara. Seguiteci e io e Sergio vi faremo qualche sorpresa”.

[ Redazione Motori360 ]

 

Print Friendly, PDF & Email