Home > Automotive > Accessori & Tuning > Pneumatici sotto controllo: 2 auto su 10 non conformi

Pneumatici sotto controllo: 2 auto su 10 non conformi

L’Iniziativa di Assogomma “Vacanze Sicure” porta alla luce un 20% di gomme non conformi su 10 mila auto

  • assogomma-pneumatici-controllo-1
  • assogomma-pneumatici-controllo-10
  • assogomma-pneumatici-controllo-2
  • assogomma-pneumatici-controllo-3
  • assogomma-pneumatici-controllo-4
  • assogomma-pneumatici-controllo-5
  • assogomma-pneumatici-controllo-6
  • assogomma-pneumatici-controllo-7
  • assogomma-pneumatici-controllo-8
  • assogomma-pneumatici-controllo-9
  • assogomma-pneumatici-controllo


Roma – Come ogni anno, Assogomma in collaborazione con Federpneus e Polizia Stradale, presentano i dati dell’iniziativa “Vacanze sicure”. E i risultati sono davvero preoccupanti, con circa il 20% delle vetture controllate risultate non conformi a livello di pneumatici per grado di usura, disomogeneità del modello sullo stesso assale, dimensione non riportata a libretto o presenza di coperture non omologate. E’ quanto emerge da 10.000 rilevamenti della Polizia Stradale nei mesi di maggio e giugno in Lombardia, Campania e Sicilia orientale, di cui 7.680 vetture (2.043 in Campania, 3.147 in Lombardia e 2.490 in Sicilia Orientale) e 650 moto.

Attenzione al battistrada: non meno di 1,6 mm

Preoccupante la quantità di pneumatici lisci, che si attesta mediamente intorno al 3.2%, con Milano sorprendente “leader” al 7.9%, mentre la Campania spicca per coperture non omologate con un 4.6%, (picco ad Avellino del 10.5%). Rispetto alle rilevazioni dello scorso anno, è in forte aumento la disomogeneità per asse (gomme diverse per tipo e marca) che è al 3.3% di media, così come i danneggiamenti visibili ad occhio nudo che si attestano attorno al 4%, con un picco a Milano del 7.3%. Sorprendente il numero auto con pneumatici invernali ancora montati nelle Regioni del Sud: siamo al 12% inCampania, 10% in Sicilia e 8% in Lombardia; niente di grave in questo caso, ma certo non si tratta della tipologia più adeguata al clima, inoltre a queste temperature, gli invernali si consumano molto velocemente.

La giusta pressione

Il presidente di Assogomma Fabio Bertolotti, ha poi sottolineato quali controlli occorra prevedere prima di mettersi in viaggio: “la pressione di gonfiaggio non solo è fondamentale per la sicurezza, ma lo stesso pneumatico sottogonfiato può far consumare fino al 15% in più di carburante. In proposito, è bene far controllare la pressione ad un gommista specializzato e magari chiedergli di verificare la presenza di eventuali rigonfiamenti o tagli sulla spalla del pneumatico.” I controlli dei pneumatici svolti dalla Polizia stradale in collaborazione con Assogomma, in circa 10 anni di attività hanno raggiunto un campione di oltre 70.000 veicoli. Questo studio è disponibile sul sito www.pneumaticisottocontrollo.it.

[Redazione Motori360]

Print Friendly, PDF & Email