Home > Automotive > Opel ed ENPA: una mano ai “quattro zampe”

Opel ed ENPA: una mano ai “quattro zampe”

Combo “Pet Lovers Edition”, l’auto comoda per tutti, animali compresi, è il risultato di una collaborazione tra l’Ente Nazionale Protezione Animali e la Casa tedesca, impegnate in un progetto davvero… animalesco!

  • opel-animali-in-auto-1
  • opel-animali-in-auto-2
  • opel-animali-in-auto-3
  • opel-animali-in-auto
  • opel-combo-animali-in-auto-1
  • opel-combo-animali-in-auto-2
  • opel-combo-animali-in-auto-4
  • opel-combo-animali-in-auto-6
  • opel-combo-animali-in-auto-7
  • opel-combo-animali-in-auto-8
  • opel-combo-animali-in-auto

 

Quattro ruote per quattro zampe! L’Opel Italia, nell’ambito di un programma di sensibilizzazione nei riguardi del tema dell’abbandono e di attenzione nei confronti dei nostri amici pelosi, ha messo a punto un prodotto “mirato” per un loro trasporto in tutta comodità. Si chiama Combo “Pet Lovers Edition” la versione speciale di un classico della produzione della marca tedesca realizzata in collaborazione con l’ENPA, l’Ente Nazionale Protezione Animali, a cui Opel ha destinato due Combo, Van e Tour, a sostegno dell’attività di pattugliamento autostradale dell’Ente.





Amore per gli animali

L’Opel Combo “Pet Lovers Edition”, con la rete di protezione in linea con le regole del Codice della Strada, il coprivano lavabile per una facile pulizia del vano posteriore, e il FlexFloor, l’accessorio che, dividendo lo spazio del vano posteriore (regolabile su tre altezze e con portata di 70 kg), assicura confort, flessibilità e sicurezza per cane e bagagli, rappresenta la risposta ideale per gli oltre 4 milioni di italiani che scelgono di partire per le vacanze con il proprio cane.

L’indagine Doxa

Secondo la Doxa, infatti, il 69% delle famiglie con cane al seguito, nella scelta dell’auto mette in conto le esigenze di spazio, e non solo, di questo speciale compagno di viaggio. “Siamo molto lieti di aver intrapreso questa collaborazione con ENPA, un ente da sempre impegnato in importanti campagne di sensibilizzazione”, afferma Nicola Benai, Direttore marketing di General Motors Italia. ” Dietro la realizzazione di questa versione del Combo Tour c’è un mercato solo in apparenza marginale. Da un’indagine che abbiamo commissionato alla Doxa è emerso che il 22% circa delle famiglie italiane ha un cane. Opel da sempre offre un’ampia gamma di veicoli in risposta alle esigenze di tutta la famiglia; ci piace proporre un prodotto studiato appositamente anche per quei nuclei che posseggono cani, e che potrà supportare ENPA nelle sue attività per la tutela degli animali”. Un mercato potenzialmente promettente, quindi, in cui Opel prova a mettere piede con questo primo modello. “E non è detto – come precisa il Direttore della comunicazione di General Motors Italia, Paola Trotta – che l’operazione non possa riguardare altri modelli della gamma. In Italia ci sono circa 7 milioni di cani, più dei bambini d’età compresa tra 0 e 10 anni”.

Portiamolo con noi!

“Andare in vacanza è un piacere, lo è ancora di più se si porta con sé il proprio animale”, aggiunge Carla Rocchi, Presidente nazionale di ENPA. “Ma farlo con l’auto adatta è un piacere doppio. Con Opel Combo si va nella giusta direzione per il trasporto sicuro e responsabile di animali, apprezzabile soprattutto nelle situazioni di lunghi viaggi o di quelli che si fanno proprio nei periodi di vacanza”. “Tale decisione – spiegano alla Doxa – sembra diventare ancor più determinante in vista della stagione estiva, quando le famiglie si organizzano per andare in vacanza”. Combo “Pet Lovers Edition”, approvato dall’ENPA come mezzo ideale per il trasporto degli animali, è disponibile a partire da 13.900 euro, con un vantaggio cliente di 1.000 euro rispetto al prezzo di listino.

Qua la zampa!

Il cane è un amico speciale e ricopre un ruolo attivo nell’ambito del sociale: lui (il cane) impegnato a sostegno dell’attività riabilitative di persone in difficoltà o di disabili; sempre lui a supporto psicologico di anziani; ancora lui nelle missioni antidroga e di ordine pubblico, nella ricerca e soccorso tra le macerie, nel servizio antivalanghe, nel salvataggio in mare. A fronte di queste incondizionate prove d’amore “canine”, una lunga lista di atti di ingratitudine umana, capitoli amari della nostra storia sociale: sono i numeri dell’abbandono, del maltrattamento, dei combattimenti, del traffico di cuccioli, di canili lager e di vivisezione. A vegliare su tanta umana “bestialità”, un esercito di 3mila volontari di 154 sezioni dell’ENPA (www.vacanzebestiali.org), che annoverano 300 guardie zoofile volontarie e 3mila tra soci e benefattori. I risultati di questo impegno si traducono in 20mila tra cani, gatti e altri animali custoditi ogni anno nelle strutture dell’Ente, e 30mila animali domestici o selvatici soccorsi negli oltre 100 tra rifugi, centri di recupero e ambulatori veterinari.

[Roberta Di Giuli]

 

Print Friendly, PDF & Email