Home > Automotive > Attualità > Non solo prestigiosi riconoscimenti per l’Alfa Romeo negli Stati Uniti

Non solo prestigiosi riconoscimenti per l’Alfa Romeo negli Stati Uniti

Si arricchisce il palmares di premi della Casa del Biscione, che però in questi giorni sta provvedendo a risolvere un problema di compatibilità del liquido dei freni

 

2018 10Best Cars

La settimana scorsa alla Giulia è stato conferito l’Award come Best New Luxury Compact Car 2018, un prestigioso riconoscimento assegnato annualmente dagli esperti del Good Housekeeping Institute in collaborazione con la rivista Car and Driver, dopo aver valutato il design, la guidabilità, la tecnologia, il comfort e la sicurezza di oltre 100 vetture nuove.

Un ulteriore premio oltre ai 97 già ottenuti globalmente dal modello, che è il primo sviluppato sulla piattaforma Giorgio poi condivisa con la Stelvio. Come ha confermato Sergio Marchionne al Salone di Detroit “questa piattaforma è stata progettata per sostenere l’intero sviluppo Maserati dal 2018, ma anche le Jeep di grandi dimensioni e la prossima generazione delle vetture Dodge“.

Un liquido freni crea problemi a Giulia e Stelvio

È doveroso però dire che proprio la Giulia e la Stelvio hanno creato qualche problema negli Stati Uniti all’Alfa Romeo, in quanto non hanno superato il dynamic test del Customer Product Audit a causa di una perdita di pressione nell’impianto frenante. Dopo le verifiche da parte della Casa del Biscione, l’Alfa Romeo ha comunicato che “i veicoli interessati sono stati equipaggiati con un liquido dei freni contaminato con un tipo di olio non compatibile”.

Il richiamo dei veicoli coinvolti è iniziato in questi giorni e fortunatamente ha interessato negli Stati Uniti, solo 307 vetture prodotte nello stabilimento di Cassino dal 14 al 23 novembre 2017. In modo molto corretto, Alfa Romeo ha già informato i proprietari di queste vetture per la risoluzione del problema e nel caso qualcuno avesse già provveduto a proprie spese ad eseguire il lavoro, saranno rimborsati. E da noi?

[ Paolo Pauletta ]

 

Print Friendly, PDF & Email