Home > News > A Portimão Kawasaki cala il poker e vince in tutte le quattro classi del Mondiale WorldSBK

A Portimão Kawasaki cala il poker e vince in tutte le quattro classi del Mondiale WorldSBK

Per Kawasaki un fine settimana da incorniciare riuscendo a trionfare in tutte e quattro le classi del Campionato Mondiale MOTUL FIM Superbike che si sono corse all’Autódromo Internacional di Algarve di Portimão.

Motori360_jonathan-rea

La Casa di Akashi ha trionfato nella classe regina con Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team), grazie ad una prestazione superba sia in Gara 1 che in Gara 2, ottenendo la sua undicesima vittoria e la quarta doppietta stagionale. Con 150 punti ancora in palio ed un vantaggio di 120 punti in classifica generale sul compagno di squadra Tom Sykes, suo diretto inseguitore, il nordirlandese ha di fatto fortemente ipotecato il titolo iridato.

Motori360podio-gara-2

Classifica WorldSBK Gara 2
1) J. Rea (Kawasaki Racing Team)
2) M. Van Der Mark (Pata Yamaha Official WorldSBK Team)
3) M. Melandri (Aruba.it Racing – Ducati)
4) E. Laverty (Milwaukee Aprilia)
5) J. Torres (Althea BMW Racing Team)
6) L. Savadori (Milwaukee Aprilia)
7) L. Mercado (IODARacing)
8) A. West (Kawasaki Puccetti Racing)
9) A. Badovini (Grillini Racing Team)
10) T. Takahashi (Red Bull Honda World Superbike Team)
11) O. Jezek (Grillini Racing Team)    
12) A. Andreozzi (Guandalini Racing)
13) X. Forés (BARNI Racing Team)
14) R. Russo (Guandalini Racing)
15) R. Ramos (Team Kawasaki GoEleven)
RT) C. Davies (Aruba.it Racing – Ducati)
RT) L. Camier (MV Agusta Reparto Corse)
RT) A. Lowes (Pata Yamaha Official WorldSBK Team)
RT) R. De Rosa (Althea BMW Racing Team)
 Motori360_kenan

Al successo anche Kenan Sofuoglu (Kawasaki Puccetti Racing) che, dopo un inizio di stagione tribolato, a Portimão si porta in testa al Campionato Mondiale FIM Supersport e ora si potrà giocare il tutto per tutto insieme agli altri contendenti al titolo nelle restanti tre gare.

Classifica WorldSSP:
1) K. Sofuoglu (Kawasaki Puccetti Racing)
2) L. Mahias (GRT Yamaha Official WorldSSP team)
3) J. Cluzel (CIA Landford Insurance Honda)
4) S. Morais (Kallio Racing)
5) P. Jacobsen (MV Agusta Reparto Corse)
6) C. Gamarino (BARDAHL EVAN BROS. Honda Racing)
7) F. Caricasulo (GRT Yamaha Official WorldSSP team
8) L. Zanetti (Team Factory Vamag)
9) C. Bergman (CIA Landlord Insurance Honda)
10) R. Hartog (Team Hartog – Jenik – Against Cancer)
11) L. Stapleford (Profile Racing)
12) H. Okubo (CIA Landlord Insurance Honda)
13) M. Canducci (3570 Puccetti Racing FMI)
14) G. Rea (Team Kawasaki Go Eleven)
15) H. Soomer (WILSport Racedays)
16) P. Sebestyén (SSP Hungary by Pedercini Racing)
17) Z. Khairuddin (Orelac Racing VerdNatura)
18) J. Van Sikkelerus (MVR Racing)
RT) M. Enderlein (MVR Racing)
RT) N. Tuuli (Kallio Racing)
RT) K. Smith (GEMAR Team Lorini)
RT) A. Zaccone (MV Agusta Reparto Corse)
RT) S. Hill (Profile Racing)
RT) K. Watanabe (Team Kawasaki Go Eleven)
RT) L. Epis (Response RE Racing)
RT) N. Calero (Orelac Racing VerdNatura)
RT) K. Ryde (Kawasaki Puccetti Racing)
RT) G. Scarcella (GEMAR Team Lorini)

Motori360_ana-carrasco
Piacevole sorpresa nel Campionato Mondiale FIM Supersport 300 dove a trionfare, con grande sorpresa di tutti, è stata una giovane pilotessa, la spagnola Ana Carrasco che sulla Kawasaki Ninja 300 del team ETG Racing diventa la prima donna a vincere una gara nel FIM Supersport 300

Motori360_carrasco

La Carrasco è salita sul gradino alto del podio precedendo sul traguardo l’italiano Alfonso Coppola (SK Racing)su Yamaha, secondo, e lo spagnolo Marc García (Halcourier Racing), terzo sempre con la casa dei tre diapason. Coppola diventa così il nuovo leader di Campionato con un punto di vantaggio su García quando mancano due gare ancora da correre.

Motori360_podio-stk1000

A completare un fine settimana già perfetto ci ha pensato Toprak Razgatlioglu (Kawasaki Puccetti Racing) che ha regala a Kawasaki il successo anche nella gara del Campionato Europeo FIM Superstock 1000.  Toprak scattato bene dalla seconda posizione in griglia superava il poleman Florian Marino (PATA Yamaha Official STK 1000 Team) che dopo alcuni giri scivolava in terza posizione superato anche da Maximilian Scheib (Nuova M2 Racing).

Motori360_toprak-razgatlioglu

Nel corso dell’undicesimo giro una rottura del motore della moto di Marino che perde in pista olio costringe la Direzione gara ad esporre la bandiera rossa decretando così la fine della competizione. 

Print Friendly, PDF & Email