Home > Automotive > 4x4 > Jeep Wrangler 2018, probabile il ritorno del parabrezza ribaltabile

Jeep Wrangler 2018, probabile il ritorno del parabrezza ribaltabile

Il suo debutto è atteso al prossimo Salone di Los Angeles con un nuovo motore a benzina da 2 litri e un Diesel V6 da 3 litri

Sebbene la mascheratura nasconda solo il colore della carrozzeria, è molto difficile notare le differenze sostanziali della Jeep Wrangler 2018 rispetto ai modello attuale. Bisogna aspettare il suo debutto, presumibilmente a dicembre, in occasione del Salone di Los Angeles quando si vedrà anche la Scrambler, ovvero la Wrangler pick-up.

Da queste prime immagini del nuovo Wrangler nella versione Unlimited, si può notare comunque il nuovo paraurti anteriore con una coppia di spot incassati e sia i classici fari rotondi che le luci direzionali orizzontali integrate nei parafanghi, di tipo Led. Di nuovo disegno anche il paraurti posteriore, i gruppi ottici e il tappo per il rifornimento di carburante.

Nella vista laterale, uno sguardo attento potrebbe sospettare che sia la griglia del radiatore che il parabrezza siano più inclinati, o se preferite meno verticali, rispetto al modello attuale, probabilmente per migliorare l’aerodinamica. Un altro particolare che non può sfuggire, sono le cerniere alla base del parabrezza, quasi ad indicare che sulla Wrangler JL Model Year 2018 ritorni parabrezza ribaltabile, tradizionale su ogni Jeep fino alla Wrangler TJ (dal ’97 al 2007) e poi scomparso sulla uscente serie «JK» poiché ha un profilo curvo, cioè non è piatto.

Oltre a questi lievi, ma importanti aggiornamenti estetici e funzionali, la Wrangler MY2018 dichiarerà un peso inferiore grazie all’abbondante utilizzo di alluminio per la scocca, inoltre, a seconda dei mercati, sarà disponibile con nuove motorizzazioni. Oltre al conosciuto V6 Pentastar da 3,6 litri e 284 cv, ci sarà l’Hurricane a 4 cilindri turbo da 2 litri, con circa 200/250 cv, abbinato ad un cambio automatico a 8 velocità o manuale a 6 rapporti. L’attuale Diesel a 4 cilindri 2.8 DOHC da 200 cv sarà sostituito con un nuovo V6 turbo da 3 litri con quasi 300 cv.

[ Paolo Pauletta ]

 

Print Friendly, PDF & Email