Home > News > Aci: usato e rottamazioni rallentano a gennaio

Aci: usato e rottamazioni rallentano a gennaio

I passaggi di proprietà delle automobili, depurati dalle minivolture (i trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale), hanno chiuso il  mese di gennaio con un incremento mensile del 9,8%, che tuttavia si trasforma in una flessione dello 0,7% in termini di media giornaliera, considerata la presenza di due giornate lavorative in più rispetto a gennaio 2016. Per ogni 100 autovetture nuove nel primo mese del 2017 ne sono state vendute 149 usate.

Motori360-BMW-M4-series-m-sport (2)

Calo più accentuato, invece, per i passaggi di proprietà dei motocicli che al netto delle minivolture hanno fatto registrare una variazione mensile negativa del 6,6%, che si spinge a -15,5% in termini di media giornaliera.

Per quanto riguarda i veicoli in genere, sempre al netto delle minivolture, a fronte di un aumento dei passaggi di proprietà del 7,3% rispetto a gennaio 2016, la media giornaliera evidenzia una contrazione mensile del 2,9% .

I dati sono riportati nell’ultimo bollettino mensile «Auto-Trend», l’analisi statistica realizzata dall’Automobile Club d’Italia sui dati del PRA, consultabile sul sito www.aci.it

Motori360_radiazioni aci

Radiazioni autovetture

Nonostante le radiazioni delle autovetture hanno messo a segno un incremento del 5,1% rispetto al mese di gennaio del 2016, per effetto delle due giornate lavorative in più, segna un arretramento del 4,9% in termini di media giornaliera. Il tasso unitario di sostituzione a gennaio risulta pari a 0,77 (ogni 100 auto iscritte ne sono state radiate 77).

Segno meno più evidente, anche in questo caso, per le radiazioni dei motocicli che hanno chiuso il primo mese del 2017 con un calo dello 0,8%, che si aggrava in termini di media giornaliera portando a -10,2% il bilancio mensile.

Nel mese di gennaio, infine, le radiazioni dei veicoli in genere hanno fatto registrare una crescita del 5,8%, che si trasforma in un calo del 4,3% guardando alla variazione media giornaliera.

 

Print Friendly, PDF & Email