Home > Automotive > Chevrolet si gode i successi del 2011 e si prepara per il 2012

Chevrolet si gode i successi del 2011 e si prepara per il 2012

Per la prossima stagione, che inizierà a Monza l’11 marzo 2012, il team si occuperà principalmente di sviluppare il motore della Chevrolet WTCC Cruze. Il campionato 2012 è stato al centro del dibattito durante l’evento stampa a cui hanno partecipato i tre piloti Chevrolet, che si è svolto ieri alla fabbrica di orologi Louis Chevrolet ST di Porrentruy in Svizzera.

Eric Nève, manager di Chevrolet Motorsports, ha detto che si punterà a migliorare ulteriormente la resistenza del motore, dato che la prossima stagione i team non avranno la possibilità di cambiarlo. “Nel 2011 siamo partiti a razzo ed eravamo molto più avanti dei concorrenti grazie al nostro motore 1.6 a iniezione diretta. Con il cambio di regolamento, cercheremo di preparare un motore che resista per tutta la stagione” ha dichiarato Nève. Verranno eseguite altre piccole modifiche, per esempio alle sospensioni, ma la macchina sarà essenzialmente la stessa che ha vinto 21 corse su 24 nella stagione 2011. Guardando al 2011, Nève ha detto di essere contento della prestazione dei tre piloti Chevrolet, soprattutto del modo in cui hanno corso, lottando con correttezza su tutti i circuiti. “Hanno lasciato prevalere lo sport. Ci sono stati pochi contatti tra i piloti e alla fine tutto si è risolto tra di loro. Ora, al termine di una dura stagione, sono ancora amici e la rivalità è rimasta in pista,” ha continuato.

Il campione mondiale Yvan Muller, che ha battuto il rivale Rob Huff di tre punti, ha detto di essere estremamente soddisfatto del risultato. “E’ stata una stagione fantastica,” ha commentato. “Non è stato difficile trovare le motivazioni, e ho sentito la fiducia che il team ha riposto in me.”

Huff ha descritto la stagione 2011 come “la migliore della mia vita”. “E’ stato un anno speciale per Chevrolet e sono orgoglioso di averne fatto parte”, ha dichiarato Huff. Alain Menu ha detto che pur essendo leggermente dispiaciuto per aver concluso il campionato al terzo posto, ha comunque raggiunto una posizione migliore dell’anno precedente. “Non vedo l’ora che inizi la prossima stagione, per combattere per il vertice,” ha commentato.

Lo stesso sentimento si riscontra nelle parole di Wayne D Brannon, Presidente e Amministratore Delegato di Chevrolet Europe: “Siamo estremamente soddisfati dei risultati che abbiamo ottenuto. Nel mio paese si dice ‘La domenica vinci, il lunedì vendi’, per l’incredibile impatto degli sport del motore sulle vendite dei nostri veicoli. Per la prossima stagione, saremo più che felici di lasciare che la concorrenza ammiri i nostri tubi di scappamento”, ha concluso Brannon.

Come accade nel programma Engine Build Experience di Chevrolet Corvette, i tre piloti Chevrolet hanno assemblato i propri orologi ‘World Champions’ Louis Chevrolet. Si è trattata di una vera e propria sfida per i piloti, più a loro agio nel guidare le Cruze sui circuiti del mondo a velocità mozzafiato. Utilizzando strumenti di precisione, i piloti hanno attentamente montato i pezzi per realizzare i loro orologi personalizzati.

Lo svizzero Alain Menu ha detto di aver “fatto fatica” a completare l’orologio. “Guidare è completamente diverso. Per assemblare un orologio bisogna guardare qualche centimetro più in basso, mentre quando si guida bisogna fissare davanti a sé. Non credo di avere abbastanza pazienza, quindi penso che continuerò a fare il pilota”, ha commentato.

Anche per Yvan Muller non è stato facile costruire l’orologio. “E’ molto difficoltoso, ho cercato di inserire lo stesso pezzo diverse volte”, ha detto, mentre era completamente concentrato sul processo di assemblaggio in cui era impegnato. “Anche io continuerò a fare il pilota”.

La storia si è ripetuta per Rob Huff. “Stare al volante è molto diverso,” ha detto, “Per montare un orologio serve una mano molto salda. Ma qualche analogia con la guida c’è, per esempio la necessità di mantenere i nervi saldi”.

Verso la conclusione, i tre piloti hanno fatto a gara per vedere chi avrebbe finito per primo. Dopo essere passati per gli obbligatori controlli di qualità che costituiscono l’essenza del marchio, gli orologi assemblati dai piloti sono stati donati loro da Wayne D. Brannon, presidente e amministratore delegato di Chevrolet Europe.

La fabbrica di orologi Louis Chevrolet SA organizzerà una giornata aperta il 3 e il 4 dicembre, durante la quale verrà venduto l’orologio dei campioni del mondo. Per avere ulteriori informazioni sull’evento, visitatewww.louischevrolet.ch. I piloti Chevrolet Alain Menu e Yvan Muller saranno presenti per incontrare il pubblico sabato 3 dicembre dalle 11 alle 14.

Chevrolet ha vinto i primi titoli di Campione del Mondo in un campionato FIA nel 2010 e ha conquistato il Campionato del Mondo WTCC 2011 con tre gare di anticipo sulla fine della stagione. Il marchio ha confermato i titoli di Campione del Mondo Costruttori e Piloti nell’anno che segna il centenario della sua fondazione.

Print Friendly, PDF & Email