Home > Automotive > Auto > AM-RB 001, l’hypercar firmata Aston Martin e Red Bull

AM-RB 001, l’hypercar firmata Aston Martin e Red Bull

Debutto a Gaydon, presente anche Daniel Ricciardo, per il bolide concepito dal mago della F1 Adrian Newey e armonizzato da Marek Reichman, che, a Spa Francorchamps, ha stabilito il nuovo record per vetture stradali fermando il cronometro sotto i 2 minuti e 30 secondi

01_Daniel Ricciardo - AM-RB 001

Questo nome in codice identifica questo bolide frutto della partnership tra il prestigioso marchio inglese e la scuderia di F1. Il risultato è una vettura molto ambiziosa e senza compromessi, ma soprattutto (e non poteva essere diversamente) molto veloce. I test effettuati sul circuito di Spa Francorchamps hanno consentito stabilire un nuovo record per vetture stradali, fermando il cronometro sotto i 2 minuti e 30 secondi, 4 secondi meno dell’attuale detentrice Koenigsegg Agera One:1.

02_AM-RB 001

03_AM-RB 001

Gli artefici di questa hypercar sono Adrian Newey, Direttore tecnico della Red Bull Racing e designer delle più veloci Formula Uno e, da parte di Aston Martin, Marek Reichman (EVP e Chief Creative Officer) e David King (VP e Chief Special Operation Officer).

04_AM-RB 001

Il mago del design Adrian Newey ha consentito alla AM-RB 001 di ottenere un carico aerodinamico senza precedenti in una vettura stradale, lasciando a Marek Reichman il compito di armonizzare la vettura in modo da mantenere il layout tipico di ogni Aston Martin. Le caratteristiche del motore non sono state ancora rivelate, ma si tratta di un nuovo propulsore aspirato a 12 cilindri che consente di ottenere un rapporto peso/potenza di 1:1, grazie anche allo space frame in fibra di carbonio che ne contiene il peso.

05_AM-RB 001

La AM-RB 001 sarà prodotta dal team di David King nel nuovo stabilimento Q by Aston Martin di Gaydon dove viene prodotta anche la One-77.

La produzione prevista si attesta tra 99 e 150 esemplari, comprese 25 vetture destinate alle competizioni, ad un prezzo tra 2/3 milioni di euro, ma i fortunati acquirenti dovranno aspettare fino alla fine del 2018 per mettersela in garage.

[Paolo Pauletta]

Print Friendly, PDF & Email