Home > Automotive > Auto > Volkswagen, le novità al Salone di Pechino

Volkswagen, le novità al Salone di Pechino

Oltre 500 invitati al tradizionale «Media Group Night» aperto dal CEO di VW Cina Jochem Heizmann

01_VW media night Beijing

Nel vasto polmone verde di Chaoyang Park, quasi 300 ettari al centro di Pechino dei quali quasi 70 costituiti da laghetti e piscine, il gruppo Volkswagen ha organizzato la consueta «Media Night», l’evento che in occasione di tutti i Saloni dell’Auto anticipa alla stampa giunta da tutto il Mondo, le ultime novità del Marchio.

02_Jochem Heizmann-VW media night Beijing

La serata si è aperta con il CEO di VW Cina Jochem Heizmann che, salito sul palco, con una buona dizione locale ha esordito wan Shang Hao (Buona sera), strappando il primo applauso degli oltre 500 invitati presenti ed ha continuato dicendo: “Sono convinto che la digitalizzazione, la mobilità elettrica e la guida autonoma saranno i temi chiave nel futuro dell’automobile. Vediamo la Cina come un incubatore per le innovazioni e le nuove tecnologie, ma anche come fonte di soluzioni che questo paese è in grado di distribuire nei mercati mondiali”.

03_Phideon - VW media night Beijing

Un altro applauso e poi alcuni attimi di silenzio prima dell’entrata della VW Phideon la lussuosa limousine che avevamo visto in anteprima al Salone di Ginevra il mese scorso e al suo debutto in Cina dove prodotta solo per quel mercato nello stabilimento SAIC – Volkswagen di Shanghai. Si tratta di una elegante berlina lunga 5.050 mm progettata e sviluppata specificatamente per le esigenze degli automobilisti cinesi.

La Phideon si avvale del pianale MLB2 che, per la sua modularità o flessibilità, viene utilizzato anche per le Audi A4 e Q7 e per la Bentley Bentayga. Sebbene maggiore nelle proporzioni di una Passat, è molto più economica della Phaeton.

Gli altri marchi del Gruppo presenti all’Auto China di Beijing sono Audi, Skoda, Lamborghini, Bentley, Bugatti e Porsche che ha presentato la 718 Cayman S nella livrea Light Blue accompagnata da un caloroso applauso.

[ Paolo Pauletta ]

Print Friendly, PDF & Email