Home > Automotive > Remote Angel: un angelo custode nella tua auto

Remote Angel: un angelo custode nella tua auto

Certe disattenzioni possono costare caro. Dimenticare bambini piccoli o animali in auto, come la cronaca più recente dimostra, è meno difficile di quanto si pensi. Spesso la causa è il forte stress dovuto alle preoccupazioni quotidiane che possono generare dissociazioni dalla realtà.

Per arginare la diffusione di questo triste fenomeno, MAC&NIL, azienda pugliese che opera nel settore elettronico e delle telecomunicazioni, presenta, in anteprima a SMAU Milano 2011, REMOTE ANGEL VEHICLE dotato del servizio “ALLARME BABY ON BOARD”. Grazie alle tecnologie GPS, GSM/GPRS, allerta il conducente su ogni movimento rilevato a bordo (ad esempio la presenza di bambini o animali domestici), anche dopo essersi allontanato dalla vettura.

A motore spento e porte chiuse, infatti, REMOTE ANGEL VEHICLE, grazie a un sensore interno, posizionato nell’abitacolo, è in grado di registrare ogni singolo movimento e trasmettere immediatamente via sms un alert al conducente. Sul dispositivo, di dimensioni ridotte e facile da installare, è possibile attivare anche la funzione “Ascolto ambientale” che consente di potersi collegare telefonicamente a REMOTE ANGEL VEHICLE, ascoltando in tempo reale cosa sta accadendo all’interno della propria auto.

REMOTE ANGEL VEHICLE è un dispositivo ideale anche per la sicurezza stradale, specie dei  giovani e dei neopatentati. Funziona come una vera e propria “scatola nera” e permette di monitorare altri parametri direttamente dal proprio cellulare: dalla localizzazione esatta del veicolo (indirizzo e numero civico) alla velocità di andatura.

Frutto della collaborazione con il Politecnico di Bari, l’azienda sta mettendo a punto un nuovo servizio per la sicurezza di automobilisti e passeggeri, basato su un sensore in grado di riconoscere la presenza di alcool nell’abitacolo e di bloccare contestualmente il motore. “Questo dispositivo – spiega Nicola Lavenuta, direttore generale di MAC&NIL – vuole essere un valido deterrente contro gli incidenti provocati da persone che guidano in stato di ebbrezza”.

Print Friendly, PDF & Email