Home > Cielo > Finmeccanica punta all’America con il T-100

Finmeccanica punta all’America con il T-100

Il più grande gruppo industriale italiano ha annunciato la propria partecipazione – in team con la statunitense Raytheon – alla gara per il sistema di addestramento avanzato dei piloti della U.S. Air Force. La proposta di Finmeccanica è basata sul velivolo T-100, derivato dall’Aermacchi M-346

M346_001_T100

La torta è grossa. Di quelle da non lasciarsele sfuggire. Sul tavolo c’è la necessità dell’aviazione militare degli Stati Uniti (la U.S. Air Force) di sostituire l’ormai obsoleto Northrop T-38 Talon, il bi-reattore destinato all’addestramento avanzato dei piloti. E quindi bisogna esserci, a tutti i costi. Perché se non ci sei, non esisti. Ma se l’azienda è Finmeccanica, non basta esserci. Non basta affrontare la competizione con lo spirito olimpico dell’«Importante è partecipare». Bisogna esserci per vincere. E allora si devono giocare le carte migliori.

Edwards tests single-engine takeoffs

La notizie è che Finmeccanica, prima industria italiana e una delle prime dieci aziende del mondo nel settore dell’aviazione e dell’aerospazio ha deciso di puntare alto, e partecipare alla gara indetta dagli USA. E lo farà in partnership con l’americana Raytheon: quasi un secolo di storia nelle tecnologie per la difesa, la sicurezza e l’avionica.

La soluzione proposta congiuntamente da Finmeccanica e Raytheon è basata sul velivolo T-100 (derivato dall’Aermacchi M-346 del gruppo Finmeccanica). Una soluzione di ultima generazione completamente integrata che vede Raytheon, nel ruolo di prime contractor, mentre CAE USA e Honeywell Aerospace sono i principali partner della cordata.

M346_07

Il successo dei nostri futuri piloti dipende da un sistema di addestramento completo, che permetta loro di utilizzare al meglio le capacità dei velivoli di prima linea, di 4a e 5a generazione”, ha dichiarato Rick Yuse, Presidente della divisione Space and Airborne Systems di Raytheon. “La nostra soluzione, pienamente rispondente alle attuali esigenze di contenimento dei budget e a basso rischio, coniuga le esperienze acquisite da un velivolo già provato sul campo, con una serie di nuove tecnologie per l’addestramento completamente integrate. Il nostro Team, forte delle esperienze, capacità e competenze maturate negli anni, è il più qualificato a rispondere ai requisiti di missione dell’US Air Force”.

Circa 45.000 piloti ed equipaggi di volo hanno «guadagnato le ali» con i sistemi di addestramento progettati, sviluppati e resi operativi dai componenti del Team guidato da Raytheon. La soluzione offerta alla Forza Aerea degli Stati Uniti integra il velivolo T-100, una variante avanzata dell’Aermacchi M-346, con un sistema di addestramento a terra all’avanguardia.

Il T-100 offre elevate prestazioni in volo e il suo sistema di simulazione tattica immerge gli allievi piloti in uno scenario di missione estremamente realistico”, ha dichiarato Filippo Bagnato, Capo della Divisione Velivoli di Finmeccanica. “L’M-346, su cui si basa il T-100, è già operativo e utilizzato per l’addestramento dei piloti che volano sui più avanzati velivoli di prima linea in tutto il mondo”.

CAE USA progetta e sviluppa alcuni tra i più sofisticati sistemi di simulazione per velivoli di addestramento avanzato al mondo. “Prepareremo i piloti della US Air Force a volare, in modo sicuro e efficiente, sui più avanzati velivoli da combattimento”, ha affermato Gene Colabatistto, Group President – Defense&Security – di CAE. “Le nostre tecnologie di simulazione integrata giocheranno un ruolo sempre più importante nell’assicurare un addestramento sofisticato, sicuro e in linea con i budget della Forza Aerea degli USA”.

M346_05

Honeywell Aerospace fornirà i due motori F124 per il T-100 attraverso la joint venture con International Turbine Engine Company (ITEC). Con oltre 800.000 ore di volo per tutta la famiglia di motori turbofan F124/F125, l’F124 offre il miglior rapporto spinta-peso nella sua classe, una comprovata affidabilità e una elevata efficienza.

M346_06

Il motore Honeywell F124 fornisce ai velivoli da addestramento e da combattimento leggero la massima potenza, facilità di manutenzione, flessibilità e un basso costo nell’intero ciclo di vita, in ogni tipo di ruolo e di missione”, ha detto Carey Smith, Presidente Defense and Space di Honeywell Aerospace. “Il motore F124 riduce il carico di lavoro del pilota grazie all’automazione di nuove funzioni, che permettono al pilota di focalizzarsi sulla sola attività di volo, per completare con successo le missioni”.

[ Alessandro Ferri ]

Print Friendly, PDF & Email