Home > News > Per la banca del gruppo FCA, arriva il miglior utile netto di sempre

Per la banca del gruppo FCA, arriva il miglior utile netto di sempre

FCA Bank – operante in 16 Paesi europei principalmente nel settore dei finanziamenti auto – è una joint venture paritetica tra FCA Italy, società del gruppo automobilistico globale Fiat Chrysler Automobiles, e Crédit Agricole Consumer Finance, tra i protagonisti nel mercato del credito al consumo. La società gestisce attività finanziarie a supporto delle vendite di prestigiosi marchi automobilistici in Europa ed i relativi programmi di finanziamento e leasing sono appositamente concepiti per le reti di vendita, per i clienti privati e per le flotte aziendali.

L’aumento delle immatricolazioni di auto nuove e il crescente sostegno di FCA Bank al gruppo FCA (grazie ad una penetrazione commerciale del 47% in aumento di 4 p.p. sul 2014) ha portato ad un volume complessivo finanziato pari a 9,6 miliardi di euro, in aumento del 25% rispetto all’anno 2014 mentre la riduzione del costo del rischio è proseguita anche nel 2015, attestandosi a 70 milioni di euro pari allo 0,44% degli impieghi medi, rispetto allo 0,57% del 2014.

Più in dettaglio

Risultato ante imposte e utile netto: il risultato 2015 ante imposte è stato pari a € 359,4 milioni (+ 40% sul dato 2014) con un utile netto di € 249,1 milioni (+36%).  L’incremento è imputabile alla crescita degli impieghi, che sono saliti a 17,2 miliardi di euro rispetto ai 15,3 miliardi di euro dell’anno 2014.

Volumi di attività: Il totale dei nuovi volumi finanziati da FCA Bank nel corso del 2015 è stato pari a 9,6 miliardi di euro, incluse le attività di noleggio a lungo termine. FCA Bank ha supportato la vendita di nuove vetture FCA, con una quota di penetrazione sul totale delle immatricolazioni pari al 47% in aumento rispetto al 43% dell’anno precedente. Le iniziative di FCA Bank sono state uno dei fattori determinanti per il miglioramento dei risultati commerciali di FCA.

Gli impieghi medi per il periodo sono, inoltre, saliti a 16,1 miliardi di euro, con un aumento pari al 9% rispetto al 2014.

Margine di intermediazione bancaria e margine di noleggio: il margine di intermediazione bancaria e margine di noleggio dell’anno è cresciuto del 18% rispetto al 2014, raggiungendo il valore di 667,4 milioni di euro, trainato dalla crescita degli impieghi (passando gli impieghi medi da 14,7 miliardi di euro nel 2014 a 16,1 miliardi di euro nel 2015, attestandosi a 17,2 miliardi di euro al 31 dicembre 2015) e dalla redditività del portafoglio, che è passata dal 3,8% dello scorso anno al 4,1% del 2015.

Costi operativi: la continua attenzione del management all’efficienza operativa si riflette nella diminuzione dei costi operativi netti rispetto ai ricavi, che registra nel 2015 un rapporto contenuto, che si attesta al 35,3%, in miglioramento di 5 punti percentuali rispetto all’esercizio precedente, nonostante un lieve aumento dei costi in valore assoluto, principalmente dovuto alla forte crescita degli impieghi.

Costo del rischio: il costo del rischio di FCA Bank ha registrato un’ulteriore riduzione, confermando la tendenza già evidenziata nel 2014. In termini assoluti, il costo del rischio si è attestato a 70 milioni di euro, pari allo 0,44% del portafoglio medio produttivo.

Rifinanziamento: al 31 dicembre 2015 le passività finanziarie del Gruppo ammontano a 16 miliardi di euro.

Nel corso del 2015 il Gruppo ha rafforzato la politica di diversificazione delle fonti di rifinanziamento, accedendo al mercato dei capitali con una combinazione di transazioni in forma sia pubblica sia privata, sul mercato obbligazionario e delle cartolarizzazioni.

Nel dettaglio, il Gruppo ha effettuato attraverso il programma MTN una emissione pubblica per un valore totale di 1,9 miliardi di euro, e ha avuto accesso alle operazioni di rifinanziamento della BCE (TLTRO) pari a 1 miliardo di euro.

Capitalizzazione: FCA Bank mantiene un buon livello di capitalizzazione pur avendo distribuito utili ai soci per 91,6 milioni di euro. Al 31 dicembre 2015, il Patrimonio Netto si attestava a circa 2,1 miliardi di euro, con un Core Tier 1 Ratio dell’11,2%.

Rating: nel corso del 2015, diverse azioni migliorative sull’affidabilità creditizia sono state intraprese da parte delle Agenzie di Rating, sulla base del trend positivo del gruppo FCA Bank e grazie alle nuove metodologie di valutazione utilizzate per il Gruppo in quanto banca:

Moody’s il 26 giugno 2015  ha migliorato il rating di lungo termine a «Baa2» con outlook stabile (inoltre è stato migliorato il rating sui Depositi a «Baa1» a gennaio 2016).

Fitch l’8 luglio 2015 ha migliorato il rating di lungo termine a BBB con outlook positivo.

Standard&Poor’s il 9 settembre 2015 ha modificato l’outlook da stabile a positivo.

“Il risultato dell’anno – ha affermato Giacomo Carelli, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FCA Bank – ha beneficiato delle ottime performance commerciali, in Italia e nel resto d’Europa, e della diversificazione delle fonti di rifinanziamento, conseguita anche facendo leva sulla licenza bancaria ottenuta nel 2015″.

Print Friendly, PDF & Email