Home > Automotive > Auto > Pagani Huayra «BC», tecnologia estrema

Pagani Huayra «BC», tecnologia estrema

Celebrazione di un amico scomparso, Benny Caiola. 20 le hypercars già tutte vendute a 2,3 milioni di euro l’una

Non si sa, in questo caso, chi sia l’amico e chi il tesoro; probabilmente – a parti inverse, l’amico dell’uno può rappresentare un tesoro per l’altro o viceversa e – comunque – non capita tutti i giorni che un costruttore di Supercar come le Pagani, dedichi un modello ad un cliente, anche se è stato il suo primo cliente poi divenuto amico al punto tale da riservargli, appunto, una dedica.

Benny Caiola, italo-americano scomparso nel 2010, era anche un notissimo collezionista di Ferrari, è stato il primo cliente dell’allora neo-Costruttore Pagani con il quale era subito entrato in sintonia tanto da farsi dedicare questa vettura così particolare.

La «BC», basata sulla Huayra «di serie», non solo ne è un importante up-grading ma è anche un contenitore di soluzioni tecniche che anticipano alcune caratteristiche della future Pagani… Tutti ricordiamo le Zonda R e Cinque, due hypercars con destinazione pistaiola, pronte a soddisfare le voglie di track-days dei loro fortunati proprietari. Ebbene la BC rappresenta l’esasperazione di quel concetto espresso in tre soli dati: 1.218 kg per 800 cavalli ed una coppia di 1.098 Nm erogati dal V12 bi-turbo Mercedes-AMG che equipaggia tutte le creature di Horacio.

F5 PAG 02 016

 

Il nuovo cambio automatico Xtrac a 7 rapporti con attuatori elettro-idraulici e sincronizzatori in fibra di carbonio è gestito da un software appositamente tarato sulle specifiche della BC ed è connesso al differenziale autobloccante posteriore a controllo elettronico, anch’esso del tutto nuovo; un lavoro che ha prodotto tempi di cambiata di 75 ms.

L’abitacolo, dal tono decisamente racing, è caratterizzato dai rivestimenti nero e antracite e dal volante in scamosciato ugualmente nero; degno di nota il freno di stazionamento elettrico che ha preso il posto del classico freno a mano.

F10 PAG 02 016

Il lavoro di alleggerimento è stato certosino e, partendo dall’utilizzo di una nuova fibra di carbonio più leggera del 50% e più resistente del 50%, ha comportato la riprogettazione di un gran numero di componenti, a partire dalla suddetta trasmissione che ora pesa il 40% in meno rispetto a quella di una Huayra «di serie»; già citato, ma non in riferimento al quadro di alleggerimento, il freno a mano che da manuale è diventato elettrico mentre le sospensioni in alluminio HiForg forgiato (lega d’alluminio di derivazione aeronautica) specifiche per la BC, pesano il 25% in meno rispetto a quelle della Huarya di serie e vantano un quadrilatero superiore totalmente ridisegnato.

La Brembo – chiamata a rendere ancora più efficace la frenata – ha messo a punto un impianto con dischi carboceramici le cui pinze alleggerite hanno richiesto l’introduzione di un nuovo metodo produttivo ed altrettanto nuovo anche l’impianto di scarico in titanio, che oltre a far risparmiare parecchio peso rispetto alla versione di serie, garantisce un sound (parola di Pagani) ancora più intenso ed esaltante.

I nuovi cerchi Forged APP, che fanno risparmiare ben 9 kg, sono calzati da pneumatici Pirelli P Zero Corsa con battistrada asimmetrico appositamente sviluppati per la «BC» da 255/30ZR20 all’anteriore e 355/25ZR21 al posteriore sostituibili, a richiesta per l’uso in pista, con gli ancora più performanti P Zero Trofeo R su cerchi rispettivamente da 19” e 20”: così equipaggiata la BC sarebbe in grado di toccare picchi di accelerazione laterale di 2G.

F13 PAG 02 016

Ovviamente è stato ricalibrato anche l’ESP (3 i settaggi: «Comfort», «Sport» e «Track») mentre per incrementare il downforce l’auto è stata dotata di un nuovo alettone posteriore in CFRP che integra la completa rivisitazione della fluidodinamica interna.

AP PAG 02 016

Le Pagani Huayra BC saranno solamente 20 già tutte vendute a 2,3 milioni di euro l’una mentre all’orizzonte si intuisce un’ancora più esclusiva versione Roadster.

Chi vuole può affrettarsi a prenotarla…

[ Giovanni Notaro ]

Print Friendly, PDF & Email