Home > Automotive > Attualità > Jeep vince la «sua» finale nel Superbowl a San Francisco

Jeep vince la «sua» finale nel Superbowl a San Francisco

Due video per conquistare il pubblico presente allo stadio e non solo…

super-bowl-2016

Il football americano è probabilmente lo sport più seguito negli USA e la trasmissione dei suoi eventi attira aziende – Case automobilistiche comprese – che, attraverso questa via, vogliono far conoscere o confermare esistenza e validità di brand e prodotto.

ADWeek – uno dei più autorevoli settimanali americani nel campo dell’advertising – segue attentamente anche questo «filone» ed in particolare la pubblicità legata a questo sport ed alla sua finale, il Superbowl per l’appunto.

Nel corso di questa finale – giocata domenica al Levìs Stadium di San Francisco – ben cinque aziende hanno trasmesso spot televisivi; fra queste FCA che, per celebrare i 75 anni di vita e di successi worldwide di Jeep, ne ha trasmessi due.

Il primo spot commerciale di 60 secondi, trasmesso dopo la performance musicale di Coldplay, Beyoncè e Bruno Mars durante l’intervallo tra il secondo e il terzo quarto, è stato intitolato «Portraits» (Ritratti) ed è un cenno al passato e un riconoscimento alle persone e ai momenti che hanno fatto la storia del brand dalla nascita nel 1941. “We don’t make Jeep, you do” è il claim finale dello spot per riconoscere che sono i fan e gli automobilisti a essere i legittimi proprietari del brand.  «Portraits» utilizza infatti più di 60 immagini da tutto il mondo, che raffigurano siano volti noti come Marilyn Monroe, Jeff Goldblum, BB King, Aretha Franklin, Bobby Jones, Steve McQueen e Amelia Earhart che momenti rilevanti come i film «Jurassic Park» e «Terminator» legati ai veicoli Jeep.

Il secondo video, sempre di 60 minuti e andato in onda all’inizio del primo break commerciale dell’ultimo quarto, si chiama «4x4ever» e rappresenta una sorta di grido di battaglia per legare la comunità globale di appassionati e proprietari e spingerla verso il futuro facendo leva sull’anima da fuoristrada e sulle prestazioni su strada dei modelli in gamma e alimentando i sogni e le aspirazioni degli avventurieri di tutto il mondo.

«4x4ever» ha ricevuto una significativa citazione, il che è già un bel risultato ma è stato il primo dei due, Ritratti, quello che, fra tutti, ha più colpito gli esperti di ADWeek che infatti, nel classificare l’impatto dei cinque Spot, lo ha classificato al primo posto motivando la sua scelta con quella, vincente, dell’inserzionista che ha scelto Superbowl per sottolineare le proprie tradizioni e la propria immagine offrendo agli spettatori qualcosa di riflessivo, e bello, che pone al centro l’essere umano, distinguendosi nettamente per questa ispirazione e per il diverso impatto rispetto alle altre tipologie di spot trasmesse nella notte del Superbowl.

[ Redazione Motori360 ]

Print Friendly, PDF & Email