Home > Cielo > Aeronautica > Terrafugia… eppur si vola!

Terrafugia… eppur si vola!

Dal volante alla cloche! L’azienda americana propone due tipi di mezzi, equiparati ad un normale ultraleggero, capaci di spiccare il volo come un aereo o un convertiplano…

01_Terrafugia

Terrafugia è un’azienda statunitense con sede in Massachusetts nella cittadina di Woburn, pochi chilometri a nord di Boston, fondata nel 2006 da un gruppo di ingegneri e tecnici aerospaziali e da un pilota dell’Air Force in veste di collaudatore.

02_Terrafugia

Con lo slogan «La nuova dimensione della libertà» hanno come obiettivo, la progettazione e costruzione di automobili che possano anche volare. Un sogno realizzabile negli Stati Uniti.

03_Terrafugia Transition

Dopo il primo modello chiamato Transition a 2 posti, hanno ora realizzato il TF-X dotato di 4 posti. Rispetto al modello precedente, alle estremità delle ali che si piegano verso il basso sono fissati i rotori con le pale che si chiudono a ombrello e che scompaiono ai lati della carrozzeria. Per maggiore sicurezza anche in aria, ambedue i modelli sono dotati di un paracadute di emergenza che il guidatore può attivare in caso di improvviso guasto in volo e toccare il suolo in modo meno impattante…

08_Terrafugia TF-X

Questa nuova «automobile volante per tutti» come loro l’hanno definita, si presenta con una linea più aerodinamica e come dichiarato dal portavoce dell’azienda Dagny Dukach: “È una pietra miliare nello sviluppo del programma e siamo molto entusiasti di andare in questa direzione”.

Se il Transition è spinto da un motore Rotax 912iS da 100 cv che gli consente un’autonomia di 640 km ad una velocità di 160 km/h con un consumo su strada di 6,7 l/100 km e in volo di 18,9 litri/ora, il TF-X è invece equipaggiato con un motore ibrido plug-in che alimenta sia le ruote, quando viaggia su strada, che i 2 rotori elettrici, quando è in volo. Questa soluzione, oltre a contenere consumo ed emissioni, consente di aumentare l’autonomia fino a 800 km.

Una fondamentale differenza nell’utilizzo del TF-X rispetto al Transition, è che i rotori elettrici sono basculanti e ruotano (alla lontana il convertiplano AW609 di AgustaWestland) in modo da consentire il decollo e atterraggio in verticale senza la necessità di una seppur corta pista per poi volare come un normale aereo. Si può quindi decollare e atterrare già fuori dal box di casa.

Per guidare/pilotare questi veicoli/velivoli, negli Stati Uniti non è necessario avere complicate autorizzazioni: su strada è sufficiente la normale patente di guida, mentre per volare i due mezzi vengono equiparati ad un ultraleggero.

L’azienda Terrafugia che li produce, assicura che è sufficiente seguire un corso di 5 ore per mettersi al volante/cloche. Sarà interessante sapere quando la Polizia fermerà il conducente/pilota se chiederà la patente o il brevetto…

terrafugia 22

Per quel che riguarda il prezzo, il Transition è già in vendita a circa 280.000 dollari, mentre per il TF-X bisogna aspettare almeno fino al 2020 e costerà non meno di 400.000 dollari.

 

[ Paolo Pauletta ]

Print Friendly, PDF & Email