Home > News > Alla Dakar, l’Iveco di De Rooy vince l’ottava tappa e conquista la testa della classifica assoluta

Alla Dakar, l’Iveco di De Rooy vince l’ottava tappa e conquista la testa della classifica assoluta

logo_per_flash_news

L’ottava tappa, dalla città di Salta a quella di Belén, contraddistinta nella prima parte da sabbia e dune, ha messo a dura prova la capacità di navigazione e di guida delle squadre ancora in gara tanto che, alla fine dei pesantissimi 534 chilometri di percorso, tutti hanno convenuto sul fatto che il 90% della tappa è stato di navigazione.

Vila_Iveco_Dakar2016[1]

Gerard de Rooy ha condotto, con abilità e destrezza, il suo Iveco alla sua seconda vittoria di tappa in questa edizione. Grazie a questo successo, l’olandese, che ha trionfato alla Dakar nel 2012, è ora in testa alla classifica generale che per la seconda volta è di Iveco, dopo la vittoria di Federico Villagra nella quinta tappa.

Gerard de Rooy ha tagliato il traguardo con 2 minuti e 35 secondi di vantaggio sul russo Eduard Nikolaev e con 5 minuti e 23 secondi di vantaggio su Andrey Karginov, entrambi piloti del Team Kamaz.

Federico Villagra ha concluso la tappa al 6° posto ed è stato il più forte concorrente di Iveco dopo De Rooy. Il pilota argentino è a soli 2 minuti dal quinto pilota in classifica.

DeRooy_Iveco_Dakar2016[1]

Pieter Versluis ha percorso una tappa relativamente lenta e la grande distanza che si è creata con il pilota olandese Gerard de Rooy ha permesso al Team PETRONAS De Rooy Iveco di balzare in cima alla classifica della Dakar a cinque tappe dalla fine.

Anche i due Iveco Trakker hanno condotto una buona gara, con Ton van Genugten che ha terminato 17 minuti e 34 secondi dietro De Rooy e Pep Vila a 29 minuti e 15 secondi dal leader. Il pilota spagnolo ha approfittato dell’ondata vincente di Iveco, riuscendo così a piazzarsi nella Top 10.

Villagra_Iveco_Dakar2016[1]

Questo significa che, ora, quattro dei 10 migliori camion alla Dakar sono veicoli Iveco.

A partire da oggi, la carovana della Dakar inizierà ancora una volta le cosiddette fasi «maratona», in cui, alla fine della giornata, non sarà consentito ai concorrenti di ricevere aiuto dai loro compagni di squadra.

Print Friendly, PDF & Email