Home > Automotive > Auto > Golf GTI Clubsport da 290 cavalli

Golf GTI Clubsport da 290 cavalli

Doveva essere prodotta in 5.000 esemplari… ed ha superato, ad oggi, i 2 milioni. Per celebrare l’arrivo del quarantesimo compleanno, che corona una vita iconica, Volkswagen presenta un modello celebrativo che sarà anche la Golf GTI più potente di tutti i tempi

F1 CLUBSP 12 015

Una ricorrenza classica ma non per questo meno importante: il modello celebrativo della Golf è stato offerto per il 20°, il 25°, il 30° e il 35° compleanno di questa icona sportiva che ha inaugurato il ciclo delle berlinette tutto pepe in grado di ospitare più di due persone e che ad inizio 2016 celebrerà un compleanno, il 40°, festeggiato dalla Volkswagen con il lancio della nuova Golf GTI Clubsport, un modello celebrativo che sarà anche la GTI più potente di tutti i tempi.

F3 CLUBSP 12 015

Iniziamo dalla meccanica, la parte più pregnante di quest’automobile chiamata a battere un mito difficilmente battibile: il motore è sempre il noto e validamente collaudato 2.0 Tsi turbocompresso che già equipaggia VW Golf e gran parte delle «medie» sportive del Gruppo VW-Audi che è stato però sostanziosamente rivisto nella meccatronica e nella sovralimentazione: la coppia massima è di 380 Nm (contro i 350 Nm della GTI di base) erogati tra i 5.350 ed i 6.600 giri mentre la potenza passa da 230 a 265 cv (+35 rispetto alla Gti «normale») che per pochi istanti (al massimo 10” ogni volta) possono raggiungere un picco di ben 290. La potenza supplementare viene erogata tramite kick-down dell’acceleratore oppure agendo sulla programmazione del computer di bordo (impostazione CAR).

Il propulsore della serie EA888 di terza generazione mostra contenuti di pregio quali un collettore di scarico verso il turbocompressore raffreddato ad acqua e integrato nella testata e un sistema di fasatura variabile delle valvole con doppia regolazione dell’albero a camme. La trazione anteriore può contare su un differenziale elettronico a bloccaggio trasversale XDS+ per la dinamica di marcia, in grado di garantire il massimo controllo sullo scarico a terra della coppia motrice e quindi grande guidabilità e agilità grazie al grado di bloccaggio variabile e all’integrazione nelle funzioni ESC, EDS e XDS+.

Il cambio a 6 rapporti può essere, a scelta, manuale oppure Dsg doppia frizione. La scelta comporta una lieve differenza di prestazioni: la velocità massima è infatti di 250 km/h (cambio manuale) e 249 km/h (Dsg), mentre le posizioni si invertono per lo scatto 0/100 km/h (6” con il cambio meccanico e 5,9”con il DSG che, peraltro, ha il Launch Control di serie.

Secondo quanto comunicato la Golf GTI Clubsport con il cambio manuale consuma (norma NEDC, nuovo ciclo di guida europeo) di 7,0 l/100 km (per corrispondenti 162 g/km di CO2). Mentre con il cambio DSG, consuma 6,9 l/100 km (per 158 g/km di CO2).

Nella versione con cambio manuale la Golf GTI Clubsport pesa 1.375 kg; con DSG il peso a vuoto è di 1.395 kg.

Assetto

Come tutte le Golf GTI, anche la Clubsport è più bassa, rispetto alle versioni non GTI, di 15 mm e monta all’asse anteriore sospensioni McPherson, mentre quello posteriore è dotato di sospensioni multilink.

È equipaggiata di serie con differenziale elettronico a bloccaggio trasversale XDS+ e sterzo progressivo (che permette di «lavorare» molto meno con il volante), mentre il già ottimo assetto sportivo della GTI è stato messo a punto proprio per la Clubsport attraverso una nuova configurazione delle molle, una nuova taratura degli ammortizzatori e buffer di fine corsa ottimizzati.

F4 CLUBSP 12 015

Ai guidatori particolarmente esperti è dedicato il sistema ESC Sport, gestibile tramite computer di bordo o più semplicemente da un interruttore a due stadi posizionato nella consolle centrale. Il primo stadio si attiva premendo brevemente una volta il tasto che attiva il passaggio del controllo elettronico della stabilizzazione dalla modalità ESC standard a quella ESC Sport che entra in funzione in ritardo dando maggiore reattività e maneggevolezza in caso di guida a velocità elevata e su percorsi ricchi di curve, come accade sui circuiti. Se il pulsante viene premuto per più di tre secondi, il sistema ESC viene completamente disattivato (modalità consigliabile solo in pista o su percorsi chiusi al traffico); in questo modo i controlli elettronici di trazione sono totalmente esclusi.

A richiesta è disponibile anche la regolazione adattiva dell’assetto DCC, basata su un nuovo algoritmo di regolazione che assicura un comportamento ancora più reattivo e prevedibile fino ai settori limite.

F12 CLUBSP 12 015

Parlando di assetto non si può non parlare di pneumatici: i cerchi di serie sono i forgiati modello Belvedere da 18 pollici di serie (con pneumatici 225/40) ciascuno dei quali pesa quasi 3 kg in meno rispetto a un cerchio in lega leggera convenzionale con evidenti vantaggi in termini di masse non sospese e maneggevolezza. Sono inoltre disponibili a richiesta cerchi in lega leggera modello Brescia da 19” con pneumatici 225/35 sia con mescola stradale e sia, sempre nella stessa misura, semi slick omologati per l’impiego stradale montati però su cerchi Pretoria con canale da 8 pollici.

Corpo vettura

Se una «normale» GTI si differenzia in maniera sottilmente evidente dal modello di base, questa Clubsport distanzia esteticamente la sua sportiva sorella in maniera più marcata, mettendo in evidenza una serie di novità formali concepite per caratterizzarne immediatamente la diversa e più grintosa identità.

Il frontale

di nuovo disegno, è caratterizzato dalla calandra con griglia a nido d’ape più marcato che integra due ulteriori prese d’aria, e da un fascione paraurti che incorpora inedite prese d’aria angolari a sviluppo verticale sottolineate da modanature specifiche; il nuovo paraurti è dotato di deflettori che convogliano ed ottimizzano il flusso d’aria che fuoriesce nuovamente solo in corrispondenza dei passaruota senza tuttavia raggiungere direttamente le ruote. La parte inferiore del paraurti ospita inoltre un affilato splitter che ottimizza la deportanza sull’asse anteriore.

La vista laterale

F2 CLUBSP 12 015

evidenzia la presenza di specchi retrovisori con gusci in nero lucido, di specifiche bandelle laterali sottoporta sormontate, nella parte bassa della carrozzeria, da stripes orizzontali nere, (come nella prima VW Golf Gti, 1.6 del 1976) con la scritta «Clubsport».

F11 CLUBSP 12 015

Elementi da sempre distintivi di una vettura sportiva sono le ruote che qui la Casa ha voluto da 18” di serie (con pneumatici 225/40) e in opzione da 19” (con pneumatici 225/35), entrambe con disegno specifico dedicato a questa versione celebrativa.

Posteriormente

F6 CLUBSP 12 015

troviamo un paraurti rinnovato, con diffusore inferiore di nuovo disegno che integra una coppia di terminali di scarico cromati, la fanaleria a Led rossi e un nuovo spoiler di nuovo disegno e maggiori dimensioni composto da due elementi e posizionato sul tetto la cui linea supera in altezza.

F13 CLUBSP 12 015

Spoiler di questo tipo – che sulla Clubsport è separato dal tetto da una sottile fessure nella quale si incanala il flusso d’aria – sono componenti aerodinamici complessi che accrescono sensibilmente la deportanza sull’asse posteriore. Se si osserva l’auto da dietro, si nota che la linea dello splitter che corre tutto intorno alla vettura (sotto il longherone) prosegue nel grande diffusore posteriore nero lucido di nuovo sviluppo. I terminali doppi cromati di nuovo design dell’impianto di scarico sono integrati nel diffusore; il diametro di questi terminali è decisamente superiore rispetto a quello dei noti modelli Golf GTI. Inoltre, i gruppi ottici posteriori a Led sono stati mantenuti in rosso brunito.

F7 CLUBSP 2 015

Colori: Il modello celebrativo verrà offerto di serie (in Germania) in Pure White, Rosso Tornado, Oryx White effetto madreperla, Argento Riflesso, Carbon Steel Grey Metallic e Urano Grey sia in tinta unita e sia con verniciatura bicolore (stessi colori con tetto nero). Sempre come tinta unita è inoltre disponibile anche il Deep Black effetto perla.

Interni

F10 CLUBSP 12 015

Impronta sportiva anche nell’abitacolo, allestito con specifici particolari «racing», come i nuovi sedili anatomici rivestiti in parte in Alcantara con fascia centrale caratterizzata da un motivo a nido d’ape e schienali con logo GTI (in Germania la Golf GTI Clubsport avrà i sedili sportivi a guscio di serie mentre a richiesta, senza sovrapprezzo, sono disponibili anche i classici sedili sportivi GTI.

F9 CLUBSP 12 015

Gli accenti in rosso sono sulla leva del cambio, caratterizzata dal tradizionale pomello «a pallina da golf» (un particolare recentemente ripreso dai primi tipi anche per Golf Gti), nella sottile tacca sul volante che aiuta a individuare la posizione «a ruote diritte»; è un chiaro riferimento al motorsport che impreziosisce il volante a tre razze sdoppiate rivestito in alcantara ed ancora troviamo citazioni in rosso sulle cinture di sicurezza sui rivestimenti in pelle, sui tappetini e sugli esclusivi listelli battitacco in acciaio inox con scritta GTI rossa.

Infotainment

Di serie la Golf GTI Clubsport è dotata di sistema radio-CD Composition Touch (touchscreen monocromatico da 5 pollici) mentre, a richiesta, si possono avere il sistema radio-CD Composition Colour (touchscreen a colori da 5 pollici) oppure il sistema radio-CD Composition Media (touchscreen a colori da 8 pollici) ed ancora i sistemi di radio-navigazione Discover Media e Discover Pro (da 8 pollici).

Tutti i sistemi appartengono alla piattaforma modulare di infotainment della seconda generazione (MIB II) e possono essere sempre completati dalla ricezione radio digitale DAB+. Inoltre la Volkswagen offre per Composition Media, Discover Media e Discover Pro, il sound system Dynaudio Excite con otto altoparlanti, amplificatore a 10 canali, subwoofer e 400 watt di potenza totale.

Connettività: tramite App Connect la Golf GTI Clubsport può collegarsi a tutti gli attuali smartphone Apple e Android. Infatti, Oltre a MirrorLink™, App Connect integra nei sistemi di infotainment anche CarPlay™ (Apple) e Android Auto™ (Google).

Mediante l’App Volkswagen Media Control è possibile inoltre disporre di un’interfaccia di infotainment per tablet. Infine, con il servizio online Guide&Inform è possibile richiamare funzioni utili, come avvisi aggiornati sulle code, informazioni sui posti liberi nei parcheggi presenti nelle vicinanze (numero di posti e indirizzo) e informazioni sui distributori (prezzi del carburante e indirizzi).

[ Giovanni Notaro ]

Print Friendly, PDF & Email