Home > Automotive > Il Leone “trasporta” la letteratura a Mantova

Il Leone “trasporta” la letteratura a Mantova

Il Leone, impegnato direttamente in un’operazione di mecenatismo con il Comitato Organizzatore, sostiene attivamente la manifestazione e propone, grazie a quest’inedito incontro, un’idea di mobilità sostenibile a 360° che si integra con lo spirito del Festival e con le esigenze di una delle maggiori città d’arte del nostro Paese.
Infatti, le Peugeot iOn, 100% elettriche e le biciclette (a pedalata assistita e tradizionali) saranno i mezzi di trasporto “green” con cui gli autori e i protagonisti del Festival si muoveranno tra gli oltre quaranta luoghi “ufficiali” del centro storico di Mantova nei quali condivideranno  idee, libri, curiosità, con gli appassionati. L’impegno del Leone si svilupperà anche nell’incontro che Pascal Feillard (Institut pour la ville en mouvement) avrà con il pubblico mantovano con tema “Peugeot e la mobilità sostenibile”. Nello spazio espositivo di Piazza Sordello, venerdì 9 settembre alle 19,30, si parlerà del ruolo e delle sfide che un costruttore automobilistico deve affrontare sul tema della mobilità sostenibile. L“Institut pour la Ville en Mouvement” (www.ville-en-mouvement.com), fondato nel 2000 dal Gruppo PSA Peugeot Citroën, associando mondo delle imprese, ricercatori universitari, amministratori pubblici e protagonisti della cultura, ha l’obiettivo di testare soluzioni originali ed innovative per la mobilità sostenibile, l’urbanistica e l’architettura delle nostre città. Infine, Peugeot, domenica 11 settembre, giornata conclusiva del Festivaletteratura, sponsorizzerà il dialogo scenico “Waterfront – Il fronte dell’acqua” che Andrea Segré e Patrizio Roversi  terranno  alle 16,30 presso il Teatro Sociale. I due protagonisti, in un ipotetico undicesimo comandamento,inviteranno tutti, fin da piccoli, a capire quanto sia importante non sprecare, soprattutto l’acqua. L’inventore del “Last Minute Market” (progetto volto al recupero dei beni invenduti o non commercializzabili a favore di enti caritativi) e il popolare protagonista di “Velisti per caso” racconteranno storie d’acqua, note e anche sconosciute: dai consumi domestici agli usi irrigui, dai conflitti mondiali per l’oro blu alla questione della privatizzazione, dai dissesti idrogeologici alle nuove tecnologie per il risparmio idrico.

Print Friendly, PDF & Email